.

.

sabato 23 giugno 2012

La porti un bacione a Firenze


La città è divisa non solo dall’Arno ma anche da un fiume scarno di ottimismo sulla cui sponda la passione non vegeta più ma affonda. Una volta preso atto degli errori commessi dalla proprietà, non si capisce il perché si continui ad attaccarla per il pregresso nel momento stesso che si sta lavorando per recuperare le posizioni perdute, società che ha dichiarato di avere ambizioni e quindi facilmente attaccabile qualora non lo dimostri coi fatti, sfugge la logica di chi ha un atteggiamento di chiusura totale, che se da una parte certifica la legittima antipatia per la famiglia, dall’altra però non trova nessuna spiegazione se applicata al concetto della passione che non sia evidentemente malata. Macia, Pradè e Montella stanno cercando di ricreare un gruppo motivato, di formare una squadra che possa piacere alla sua gente, e un innamorato della Fiorentina sogna solo di vederla il prima possibile, il trasporto e l'entusiasmo dovrebbero essere stati d'animo scontati all'alba di una nuova stagione, si dovrebbe aspettare solo l'ora di seguirla appassionandosi con l'atteggiamento positivo di chi ha voglia di viverla la sua squadra e non di fare tifo contro perché avvelenato con la proprietà, ben sapendo tra l’altro che è seria, solida e che ha dimostrato a differenza di quanto si sostiene, di averle le capacità per raggiungere certi risultati, a meno che i meriti non siano stati tutti di Prandelli e allora si confessi che si è smesso di essere tifosi della Fiorentina il giorno che è diventato il CT della Nazionale. Non si capisce davvero a chi fa bene questo clima di diffidenza e continua delegittimazione della proprietà, se non alle farmacie che vendono principi attivi per proteggere il fegato, e una volta che uno si è accorto che la passione non è più sufficiente a sopportare le difficoltà di una classifica mediocre, che nella nostra storia è situazione non certo nuova, dovrebbe aggrapparsi con tutte le forze all’intelligenza e non al flacone del Prozac, mi viene in mente il classico esempio di una coppia che si separa facendosi la guerra e fregandosene del male che da questa viene fatto ai figli. Molti antepongono Il rancore per i Della Valle alla propria passione, di fatto mostrando un atteggiamento negativo che danneggia l’ambiente e che tiene in ostaggio quanto di positivo esprime la passione stessa, il Cupolone è sempre il Cupolone, e lo è stato anche quando sotto ci passava l’autobus o l’alluvione, riempie occhi e cuore, ed è normale che faccia parte del nostro amore per la città anche quando ci si trova bloccati nel traffico del Viale Talenti. La Fiorentina è parte della nostra vita a prescindere dal suo Presidente, farsela avvelenare da chiunque sia, a Firenze si dice che è da bischeri, e se i ponti sono schizzinose architetture che si inarcano per non bagnarsi i piedi nell’Arno, passino pure le loro domeniche sull'altra sponda, non sarà più d’argento ma rimane sempre un fiume in grado di fargli galleggiare prima o poi un cadavere ascolano tra un urlo del Guetta e l’altro, a noi che invece prevalgono sentimenti più salutisti, quelli che ci fanno guardare al presente con ottimismo e ironia, e ci proiettano verso un futuro dove non si declamano gli errori passati, vorremmo rivedere per l'occasione anche i vecchi modi di salutare proiettandoli nell'oggi un po’ volgarotto ma che è anche quello un po' anima di questa città, di quelli che a Firenze si dice “quando ci vole ci vole”, e se dalla sponda di un tifo nemmeno metrosexual ma eunuco di passione non si riesce più a sorridere, dall’altra togliamo il romanticismo melenso del “ la porti un bacione a Firenze” aggiungendo il sorriso del nostro saluto più goliardico, di quelli da “Amici miei”, una zingarata, una fotografia di copertina che inviamo a chi davanti alla Fiorentina mette i propri risentimenti.  

44 commenti:

  1. Stavolta, domina l'incertezza: uno rischia di scoppiare in mano prima di arrivare a una scelta. Vada per la grandigliona, via!

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore23 giugno 2012 09:22

    Io mi accontento di quella che scartate, così evitiamo inutili tensioni.

    RispondiElimina
  3. Prima a destra, comunque siamo nella norma

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore23 giugno 2012 10:15

    Ho capito, mi tocca la bocca di rosa sulla sinistra. E sia.

    RispondiElimina
  5. I posti sono esauriti, accontentarsi de' resti, sia detto per i ritardatari.

    RispondiElimina
  6. Colonnello, rischi grosso, hai scelto l'unica di cui non si vede il viso...L'altezza poi è sospetta, non mostra le mani...siamo sicuri che non si tratti di un cordelio? Ahahahha

    RispondiElimina
  7. E' la roulette russa, Deyna, se vinco però ho più campo da arare.

    RispondiElimina
  8. mi tengo allenato per domani

    RispondiElimina
  9. La roulette mussa, come direbbe il Chiari, ahahahah

    RispondiElimina
  10. Chiarificatore23 giugno 2012 11:57

    Il Colonnello dice, con
    ragione,  che la perfida Albione è
    favorita, questa qui sotto però, presentataci  da Vitalogy, non sembra tanto perfida, anzi ospitale ( s'è messa la C con i brillantini ad indicare il culo ai confusi), e come favorita se l’è presa lui, il
    volpone.

    RispondiElimina
  11. Maiali africani



    Ciao
    vedo che siamo sempre a discernere sui valori estetici(a parte Deyna che e'accertato naviga col gusto dell'orrido)ma,pur ossequiando la bellezza,che resta ovviamente la visione piu'affascinante,col tempo mi sono sentito piu' attratto dalla,passatemi il francesismo,porcaggine.ahahahah
     
    Lele

    RispondiElimina
  12. Gli spagnoli, per evitare gli strali della stampa europea gay friendly, abbandonano temporaneamente il loro tradizionale machismo, e si danno ad allenamenti ispirati ai Prandelli Boys.

    http://video.repubblica.it/dossier/europei-2012-polonia-ucraina/mano-nella-mano-lo-strano-allenamento-degli-spagnoli/98959/97341
     

    RispondiElimina
  13. Mi tengo allenato anche per le prossime, dato che l'Italia va di sicuro in finale... e siccome l'altra finalista sarà la Spagna, la spagnola l'ho scelta un po' m.i.l.f., così sono sicuro che a Deyna non interesserà insidiarmela...

    RispondiElimina
  14. ah e non dimentico di consolare le croate ahahahah

    RispondiElimina
  15. Ottimo pezzo Pollock, come al solito corredato da immagine che stimola il testosterone, o quel che ne rimane.  Cedo il passo questa volta a quelli arrivati prima di me, anche perché mi devo ancora riprendere dalle grazie delle Grazie al museo. Per quanto riguarda il tifo avverso, questo si basa su preconcetti che ebbero origine dalla separazione da Prandelli e che da allora ha giurato guerra ai DV, costi quel che costi.  Il sitone ormai è diventato luogo di ritrovo dei ribelli che lo usano tentando di annichilire chiunque si opponga alla loro crociata.  Anche le notizie più innocue danno loro spunto per ribadire i loro pretestuosi propositi.  Mi ricordano i Piagnoni asserragliati nel convento di S.Marco attorno al loro indiscusso capo. 

    RispondiElimina
  16. Tempo fa furoreggiava questa generosa tifosa del Brasile...

    RispondiElimina
  17. Comunque vinciamo sempre. Un omaggio a Dorismar.

    RispondiElimina
  18. La brasiliana, là in mezzo ai tifosi, chi non se l'era trombata in tutto il Maracanà doveva essere in terapia del sonno.

    RispondiElimina
  19. Colonnello le merdaiole ci sono anche in Italia!

    RispondiElimina
  20. Montolivetta portafortuna al seguito, per la prima dall'inizio agli Europei.

    RispondiElimina
  21. Carlà Bruni rivendica la sua passione per l'italia.

    RispondiElimina
  22. A quando il divorzio con Sarko e la fuga con l'Onassis del caso? Io faccio conto sei mesi.

    RispondiElimina
  23. Un anno e mezzo per salvare le apparenze.

    RispondiElimina
  24. Chiarificatore23 giugno 2012 17:33

    Ma siete così certi che abbia i numeri per trovarne uno?

    RispondiElimina
  25. Bah, qualche gerontofilo lo troverà, sono strani questi arabi, ahahaha

    RispondiElimina
  26. Chiarificatore23 giugno 2012 18:02

    Certo, ma anche in quel caso cercano roba genuina.

    RispondiElimina
  27. Certo i'polacco quando la piglia con quarcuno...Ti sta più sulle palle Carla Bruni o Montolivo?

    RispondiElimina
  28. Jordan, io dopo tutto tromberei la prima piuttosto che il secondo, ma non sono né Deyna né Nicolamagda... ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  29. Chiarificatore23 giugno 2012 20:37

    Ed ora, dopo l'ennesima abbuffata di culi, lustriamoci gli occhi guardando quella splendida partita di calcio che sta per essere giocata tra Spagna e Francia.

    RispondiElimina
  30. Mi sta mooolto più sulle palle Carlà Bruni, in senso figurato chiaramente. Montolivo a dire il vero non mi ci stava, sono anni che non mi piace come giocatore, ma non mi ci stava. Poi dopo l'indegna farsa simpatico certo un mi sta, ma a pelle nemmeno antipatico...Ecco, uno che trovavo e trovo veramente odioso è Pazzini, ahah. Mi sa di un falso e di un rancoroso unici.

    RispondiElimina
  31. Chiari, dopo questi culi e questa Espana, potremmo anche morire. No vabè, rimandiamo, c'è da vedere il Mondiale in Brasile!

    RispondiElimina
  32. Una partita uccisa dalla Francia, che non gioca mai senza palla, che rinuncia a due uomini come Ménez e Nasri in partenza per cagasottismo, che ha Ribéry in seratuccia, che attende la fine per affiancare Giroud a Benzema (il quale giostra bene e generosamente, ma fuori dall'area), che lascia autostrade sulla sua sinistra. Forza Azzurri per domani: ma se non si gioca a 3 (= 5) dietro la vedo non facile.

    RispondiElimina
  33. Però, Deyna, vede la porta come pochi... se gliela apri e gli dai un calcio in culo per uscire... ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  34. Io fino all'ultimo giorno di mercato starò con il terrore di un suo ritorno, per fortuna qui'bischero di Moratti gli ha fatto un contratto così alto da rendercelo fuori portata, ahahaha

    RispondiElimina
  35. Per adesso un solo allenatore ha adottato una strategia utile a contrastare efficacemente la Spagna, ed una sola squadra ha messo seriamente paura agli spagnoli passando in vantaggio e sprecando altre occasioni. E' inutile che faccia nomi, ma forse quella partita, da alcuni almeno, è stata sottovalutata.

    RispondiElimina
  36. Una francetta rispedita giustamente a casa, senza appello. Non solo cagasottismo ma anche una scarsità di idee e carattere che si erano intraviste contro la Svezia. Spagna in finale, non può bastare CR7 a fermarla e dovrà vedersela con la Germania che chiunque trovi fra Inghilterra e Italia, salvo miracoli di eupalla, ci passerà sopra senza tanto patimento (beccati questa gufo di un Deyna ah ah ah ah ah).

    RispondiElimina
  37. Chiarificatore24 giugno 2012 00:20

    Hai voglia a dire che la Francia
    ha rinunciato a giocare e ad attaccare, quelli non ti fanno giocare e non ti
    fanno attaccare, la palla la tengono sempre loro con rara maestria, e quando la
    prendi te ne vengono quattro addosso per togliertela, in ogni zona del campo. Blanc
    ha provato ad infittire il centrocampo per contrastarli nel punto nevralgico
    del gioco, ma i maestri sono gli spagnoli, c’è poco da fare. L’Italia contro la
    Spagna ha salvato la faccia perché  ha un centrocampo più tonico e forse  di maggior qualità di quello francese. Inoltre
    con De Rossi centromediano più  alto e offensivo
    che faceva ripartire subito l’azione li abbiamo in qualche modo sorpresi e
    siamo riusciti, qualche volta in questo modo, a prenderli in velocità con delle
    efficaci accelerazioni del centrocampo.

    RispondiElimina
  38. La Spagna non è giudicabile per manifesta inferiorità dell'avversario, per quanto ho sotto scritto. Avrano due giorni in meno per riposare ma hanno sempre fatto ruotare gli uomini e Del Bosque non sbaglia un cambio (i siti spagnoli si accaniscono per l'uscita di Silva, che è vero esser stato grande nel primo tempo, ma che ha un'autonomia più limitata di altri perché dosa meno bene lo sforzo: che poi non sia il cocco dell'allenatore è vero, ma io troverei piuttosto, a voler cercare col lanternino un difetto a Del Bosque, davvero ostracizzante il suo atteggiamento nei confronti di Llorente e molto longanime verso Torres, ormai un metro internazionale e poco altro). Galeazzi persevera col suo ottimismo demenziale, per fortuna le battute di Gnocchi e la gnocca che vorrei battere (ahahahahahahahah!) mi aiutano a digerirlo. Si va verso una formazione del cazzo, se sono vere le indiscrezioni. L'Inghilterra è facile da leggere ma non per questo meno temibile: se giochi a quattro e i centrali sono Bonucci e Barzagli agiti un drappo rosso davanti a una coppia che (Hodgson non è fava) sarà allora Rooney più Carroll e ti privi di De Rossi libero che chiuda sulla nostra destra debole (Young qualche cross da brivido lo metterà, così) e che rimposti l'azione rapidamente e pulitamente contro una squadra cui non devi dare il tempo di chiudersi (lo fa con ordine e intelligenza, anche se i centrali difensivi sono macchinosi, secondo loro tradizione). Gerrard deve avere uno che gli rompa i coglioni addosso, è l'unico del centrocampo loro di cui preoccuparsi (e non poco), Montolivo che c'entra? Io temo poi due giocatori come Gerrard e Rooney che non hanno mai vinto nulla con la loro nazionale, temo questi fintoni che stanno chiotti e fanno i modesti mentre Ballo va a fare il matamoro in conferenza stampa proprio oggi, temo il ritardo statistico della loro vittoria contro di noi in competizioni ufficiali e in genere la loro nullità agli Europei, temo questo precoce trionfalismo che va diffondendosi in Italia. Temo temo temo e, naturalmente, che Dio stramaledica gli Inglesi! Infine: volete per favore regalare a Ludwig il dildo Cesarino? Ormai lo vende anche Prénatal, non si rischia di ingoiarlo, è validato dalle autorità sanitarie UE, è pratico e ti fa godere anche in pullman o in treno (con l'aiuto della hostess per il posizionamento, anche in aereo).

    RispondiElimina
  39. Sul precoce trionfalismo concordo colonello, non abbiamo ancora battuto l'Inghilterra e qualche stolto (non Deyna, eh ?!) ci vede già in finale. Detto che la Germania ci fa a fette (troppa differenza, oggi, fra noi e loro) preoccupiamoci di toglierci almeno la soddisfazione di rispedire a casa gli inglesi, anch'essa impresa affatto facile. 

    RispondiElimina
  40. Colonnello il dildo cesarino lo vorrete tutti tra una settimana, quando farete il giro dei Viali a sclacsonare con le auto ricoperte di lenzuoli tricolore!

    RispondiElimina
  41. L'unica risposta che posso dare al colonello è che se lo ficchi in quel posto. E mi riferisco naturalmente al dildo. Mi scuso per l'eccesso verbale che non è nelle mie corde. L'elogio da parte mia di Prandelli, l'ho scritto anche altrove, non equivale a quello in cui si produce una fanciullina mentre parla di Lady Gaga. Nasce dai fatti, cioè dagli anni fiorentini. Ma ieri sera si è visto che una Francia niente affatto piccola sul piano dei valori tecnici è andata in crisi per l'incapacità dell'allenatore di leggere la partita. Al contrario Prandelli ha saputo contrare gli spagnoli in modo brillante. Italia-Spagna è stata una partita molto brillante sul piano tattico, nel corso della quale siamo passati in vantaggio e abbiamo avuto anche la possibilità di raddoppiare, sempre con Di Natale. Se si considera che da allora in poi gli spagnoli non hanno subito un goal, qualcosa vorrà dire. Anche sulla stampa nazionale ho letto vari tentativi di ridimensionare quella prestazione dell'Italia, che resta il capolavoro tattico di Prandelli negli attuali europei. E che non è il primo: la Spagna l'abbiamo battuta anche in amichevole, in una partita ancora più bella. La chiave di quella gara fu Giuseppe Rossi, un giocatore di cui al momento non possiamo disporre. Prandelli ha provato ad affidare compiti analoghi a Giaccherini, ma non è stata, ne' poteva essere la stessa cosa.

    RispondiElimina
  42. Però Lud non mi sembra che in quell'amichevole - che conta come quell'italia-Russia 0-3, ossia nulla - in cui gli spagnoli fecero una passeggiata di salute in campo, Pepito Rossi giocasse quasi da terzino...Il modulo era diverso, la posizione di G. Rossi diversa, da punta. Mobile quanto vuoi, ma punta. Comunque apriamo il dibattito: chi preferite incontrare in finale, la Spagna del tiqui-taca, o il Portogallo di C.Ronaldo? Seppellite di gol Inghilterra e Germania, una finale avara di gol stonerebbe, quindi forse meglio i lusitani?

    Once again! Auguri!

    RispondiElimina
  43. Deyna o pampero reincarnato che ci va a fan...., io mi tocco le palle tutte le volte che tu apri bocca e spero di batte' l'Inghilterra, cosa tutt'altro che sicura. Poi chi viene, viene, se si fosse arrivati fin lì a Eupalla e un c'è limite.

    RispondiElimina
  44. Prendere o lasciare Jordan, se si va avanti c'aveva indovinato, se si va fuori si realizza il suo desiderio di sparlare di chi ha commesso errori e sul perché non ci siamo riusciti. Ognuno si diverte a modo suo, solo che certe gufate, così reiterate, sono stucchevoli alla lunga. Guarda la questione Montolivo, ancora macina immagini e ragionamenti su un giocatore del Milan. 

    RispondiElimina