.

.

martedì 27 dicembre 2011

E’ effervescente ma non è il gioco

E’ già tempo di pensare al mercato, per risolvere i problemi della digestione e di una classifica che non va ne su e ne giù. La soluzione potrebbe essere quella di comprare Brioschi, Emanuele? No, l’alka-seltzer italiano, quello della pubblicità, con Vargas sullo stomaco del tifoso Viola che sogna un giocatore smilzo che voli sulla fascia e invece si ritrova un cinghiale, che l’unica cosa a cui si è subito adattato una volta lontano dall’amato Perù, è alla macchia mediterranea, tanto da integrarsi di più con il ruvido corbezzolo maremmano, che non con i ruvidi piedi di De Silvestri. Prendiamoci  pure questo digestivo effervescente, non il gioco, per buttare giù gli eccessi alimentari delle feste e quelli insipidi di prima delle feste. Piatti nati direttamente dal campo, che non è l’orto, ma il pavimento dove la Cenerentola Fiorentina asciuga bucati quando va bene. Per digerire quell’accozzaglia di ingredienti chiamata zuppa, che Teotino cucina abitualmente su Facebook, per digerire i terzini considerati molto “groove” nell’ambiente, per via non tanto del solco che lasciano gli avversari nel loro vialetto, ma perché ritenuti terzini groviera per via dei buchi. Per digerire la passata di Pomo d’oro, visto il gozzuto Montolivo e vista la sua bella passata che ricorda tanto mia sorella il giorno della Prima Comunione, che poi era anche la mia perché s’è fatta insieme. Per digerire i dolori del giovane Gilardino, che non sarà un Werther, ma che in compenso è diventato friabile come un wafer. Per digerire Silva, che ce l’hanno fatto passare per un bomber uruguaiano, mentre è quella sola del figlio di Bersellini. Per digerire tutti gli eccessi fuori e dentro dal campo, dentro e fuori dallo spogliatoio, dalla stazione, dai locali notturni. Per digerire, infine, i ritardi della compagnia area peruviana, costretta dalla politica dei prezzi, ad atterrare sulla Salerno - Reggio Calabria subendone tutti gli atroci rallentamenti. Salvo solo il Dio supremo della Religione Viola, Giovetic, anche divinità di fulmini e di tuoni, ormai rimasti gli unici scagliati verso la porta avversaria. Lui e Behrami, via, che corre come un palloncino gonfiato lasciato andare libero, disegnando traiettorie impazzite in un centrocampo statico. E poi, alla fine, come in tutte le digestioni che si rispettano, per buttare giù il 2011 ci vuole anche un bel rutto.

16 commenti:

  1. Giù dalle brande!!! Ma per chi scrivo?

    RispondiElimina
  2. Stai bono, Pollock, che in fondo scrivi per Ego!
    E se alla lista si aggiungesse il Christmas Pudding di Liverpool?

    RispondiElimina
  3. Dolci? Ancora? Cosa ne dici del mio "dripping" accanto al nick? E' una corona di "gocciolature" ah ah ah. Sono o non sono il re del blog?

    RispondiElimina
  4. Mancoalicani (quello dalle parti di Cocuzzo Calabro)
    Cerca di capire Pollock, Jordan è ancora sul vaso, Susan l'hai scacciata oppure non so che idee si faceva, Chiari gode solo quando può mostrare i muscoli, i tuoi ex sono stati scoperti e non si divertono più, il Sopravvissuto forse non è sopravvissuto alle mangiate di questi giorni. Resto io, non valgo molto ma in attesa di Pippobaccello posso renderti servizio (sempre la storia dellla B sopra l'arancione...).

    RispondiElimina
  5. E c'è anche Marq, in quanto faro del blog controlla le coste ma non naviga (peccato).

    RispondiElimina
  6. Eccomi! E con registrazione e avatar. Pollock, devi fare in modo che accanto ai nick appaia anche l'avatar. Chiama Google o chi ti pare e vedi come si fa, che magari il Chiari trova lo stimolo per certificarsi. Tornando al mercato, Marcoberna ha ragione, con 7 mio € per Pomo d'Oro sai che festa fanno i fratelli.

    RispondiElimina
  7. Oh, cazzo, mi hai anticipato. Bello quel punto esclamativo. E adatto :-)

    RispondiElimina
  8. Anche io salvo solo il prosecco balcanico Jovetic ed il cioccolato svizzero Berhami da questa ributtante tavola che ci ha offerto il 2011. Peccato che le delizie da nouvelle cousine del piccolo corvo il buon Ciancichella le lasci nel freezer, tirandone fuori solo poche e solo per assaggiarle, anche lì dove stanno rischiano di s-cadere a Firenze per andare a cadere in altri lidi dove sanno come trattarle.

    RispondiElimina
  9. E un son sul vaso, e parto pe' i' Brasile o quante volte ve lo devo dire? mi dispiace poeta ma l'ho letto di corsa tra un urlo della moglie e uno strepito di' figliolo e un'abbaiata della cagna che l'ha capito che la riman 20 giorni sola e gni gira le palle (la l'avesse). Carica valigie, riscarica valigie, apri, chiudi e riapri, metti, rimetti e rileva, e son messo male, ma torno presto.

    RispondiElimina
  10. Salutami Amado e buon viaggio.

    RispondiElimina
  11. Caro Pippobacello mi dispiace che sia la seconda volta che trattandosi di me tu abbia una caduta di stile. Nella prima m’hai dato dell’incendiario egocentrico solo per essermi difeso,senza offendere a mia volta, da insulti, apparsi in questo blog e che, oltre ad essere gratuiti, con questo blog non avevano nulla a che fare e che tu ti sei guardato bene dallo stigmatizzare come incendiari e dal chiederne la censura. Io non ho bisogno di alcuno stimolo per certificarmi, l’ho già fatto ed ogni post scritto da me è controllabile al 100% da parte del blog, l’ho fatto raccogliendo un invito opportuno di Jordan a tutti e mi fa piacere che sia servito come nel caso di Marquinhos e nel tuo. Detto questo, se non ho capito male, per avere il bollino forse devo inventarmi una e-mail di Google, ho lasciato al blog la mia originale perché mi sembrava più semplice e giusto, se devo passare tramite Google non c’è problema, così avrò il bollino anche io ma dal punto di vista della certificazione è già tutto a posto, dalla prima mattina di ieri.

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore, ma che scherzi? Ho provato un gesto distensivo, per chiudere definitivamente un evidente malinteso, ma forse non ne valeva la pena. Me ne farò comunque una ragione. Ciao.

    RispondiElimina
  13. Pippobacello evidentemente neppure te ne rendi conto, ma non c’era nulla di distensivo ,ancora una volta, da parte tua nei mie confronti. Cerca di riflettere piuttosto che fartene una ragione, dai retta a me. Lasciamo perdere la prima infelice caduta di stile, dove non ci fu alcun malinteso,diciamo che non mi conoscevi bene , ok? Nella seconda come puoi arrivare a scrivere, bada bene solo a me, che devo trovare uno stimolo a certificarmi quando, proprio io, l’ho fatto per primo di tutti raccogliendo di buon grado, e ben prima di te, l’invito, a tutti, di Jordan ?

    RispondiElimina
  14. Ma guarda guarda non solo parlate di me, ma adirittura c'è chi si spaccia per me! Che carini! Comunque Fi.it stà scocciando pure me, visto che passano solo i post che vogliono, interompendo le discussioni, specialmente quando c'è Ceccarelli.....Carino il blog Pollock. Saluti a tutti. Claudia (quella vera)

    RispondiElimina
  15. Cerca di essere intelligente per una volta, è morto un amico e gli utenti di Fiorentina.it sono in lutto, delle tue menate autoreferenziali di svampita gliene frega niente a nessuno. Claudia (quella diversamente vera)

    RispondiElimina
  16. Stai calmino, non sò niente, ho chiesto l'indirizzo a pollock e me l'ha dato......svampito sarai tu!
    Mi dispiace comunque chiunque sia. Condoglianze.

    RispondiElimina