.

.

giovedì 10 luglio 2014

Una doccia e via

L'altra faccia della semifinale, quella più arida e risolta solo perché non se ne poteva più fare a meno, una partita che altrimenti ci avrebbe accompagnato per tutta l'estate come una crema doposole. Sarebbe maturato il grano e accorciate le giornate. Ma l'estate ha altri programmi in serbo, soprattutto amori che devono poter nascere e morire senza che ai due Papi si freddi la pizza e si riscaldi la birra in attesa della loro finale. In modo che Cesare Prandelli possa continuare dalla Turchia a raccontare cose del suo di Mondiale, sgradevole e dal quale è fuggito, perché le parole di Prandelli su Rossi, gratuite, così lontane dall'Oltrarno, dimostrano che non ha imparato niente da Scolari, dimostrano solo che è una persona che pretende di risolvere le parole incrociate direttamente a penna. Un presuntuoso. Per molti è invece un rebus d'uomo, difficile da risolvere anche se Diego aveva suggerito subito la soluzione. O più semplicemente Prandelli è vittima del suo codice etico, fuma marijuana perché non si possono mettere le manette alla natura. Le sue conferenze stampa sono intrise d'angoscia, come quella di chi ha fatto l'amore la prima volta, di notte, al buio e da solo. Oppure come chi ne ha prese 7 dalla Germania. Ormai ha la stessa faccia di un tassista abusivo, ma senza averne l'integrità morale. L'uomo del resto si era già svelato quando ancora girava per Firenze di notte tutto sudaticcio e con un coltellaccio in mano, ma per molti era sembrato semplicemente un cuoco. Purtroppo tocca parlare ancora di lui, si, per colpa del suo evidente rancore che ci arriva dal Bosforo, chiudo e spero per sempre l'argomento, lasciando ai turchi il grande privilegio di regalargli le chiavi della città, chiudo e considero oggi a maggior ragione quello che fu l'addio di Cesare dalla Fiorentina come un successo paragonabile alla fine della seconda guerra mondiale, ma senza il bombardamento di Dresda. Prandelli ha una grande capacità e gli va riconosciuta, quella di saper dividere, e a Firenze che non aspettava altro, è successo come a chi si fidanza con una ragazza orrenda, ma che per lui è la più bella del mondo tanto da tappezzarne la casa di ritratti. Per molto tempo gli amici fiorentini hanno pensato che avesse una collezione di Picasso. Nell'estate del Mondiale adesso rimane solo uno steccato, una finale, dove ci sarà chi vince e chi rimarrà stecchito. Io intanto dopo un'intervista di Prandelli corro a farmi una doccia.

147 commenti:

  1. Di notte leoni di giorno... Bravi bravi, guardatevi le partite di merda fino alle 01.00, poi 'un vi tirate su dal letto!
    Una delle partite più soporifere che io ricordi, almeno fino all'80', quando mi sono abbioccato in poltrona per risvegliarmi al primo rigore sbagliato dall'Olanda.
    Cagasottismo sfacciato da ambo le parti, a oggi vien facile dire Germania per la vittoria, ma la palla è rotonda e l'ha saputo anche Mina a 102 anni.

    RispondiElimina
  2. stefano vienna10 luglio 2014 10:00

    Niente da fare, Basanta costretto a rimandare ancora una volta la partenza per Firenze. Ma il giocatore ha assicurato che ha già prenotato il volo da Rio de Janeiro, subito dopo il fischio finale che sancirà la netta vittoria dei tedeschi. Quindi senza supplementari e senza festeggiamenti eccessivi. Asciugata qualche lacrima di dovere, si parla di partenza alle tre (ora italiana) e arrivo a Firenze nel tardo pomeriggio di lunedì. Per martedì a pranzo, firma sul contratto.


    P.S.: Deyna, guarda che cavallo pazzo Romero rimane un portiere abbastanza scarso, anche se in miglioramento.

    RispondiElimina
  3. giudizi su sabella? culo?

    RispondiElimina
  4. Sabella ha vinto tatticamente la sfida con Van Gaal, lasciando stare il gioco: e non è cosa da poco.

    RispondiElimina
  5. Lo so, e lo dico da anni...

    RispondiElimina
  6. Torna Romulo (almeno per ora), quindi mi pongo sempre più una serie di quesiti, a partire da questi due:
    -Con Cuadrado (io lo considero nostro finchè resta), Romulo, Piccini, Vargas, Pasqual e Alonso, e con i nostri centrocampisti da fraseggio stretto ma carenti nella progressione e nell'interdizione, e con due vere punte come Rossi e Gomez, siamo sicuri di voler puntare sul 4-3-3, che ci implicherebbe o un metter fuori ruolo mezzo undici titolare o il dover cambiare una decina di elementi tra titolari e riserve?
    -Se vuoi puntare sulla difesa a 4, per la quale hai già sei esterni tutti e sei più adatti alla difesa a 5, e di cui tre sono mancini (più Romulo che si adatta anche a sinistra) che cazzo te ne faresti di Armero che oltretutto è tatticamente un doppione di quei tre?

    RispondiElimina
  7. http://www.fiorentinanews.com/made-in-mexico-alla-fiorentina-piace-questo-elemento/



    A questi facebook ha mandato la mente in pappa.

    RispondiElimina
  8. Sabella ha dato una lezione tattica a degli scarponi catenacciari vincendo la partita ai rigori, rischiando di perderla al novantesimo con Robben senza aver mai fatto un tiro in porta e disponendo di Messi... Ma non farci ridere, Deyna! Germania «leggermente» favorita, come col Brasile... E poi dimentichiamo in fretta questo Mondiale in cui quattro delle cinque grandi nazioni calcistiche dell'età moderna si sono riempite di letame fino alla cima dei capelli e hanno cercato di ammazzare il gioco per il quale si erano messe la tavolo.

    RispondiElimina
  9. «al tavolo».

    RispondiElimina
  10. Sabella ha dato la stessa lezione tattica che il Mourinho diede a Guardiola in Barca-Inter.

    RispondiElimina
  11. Varie..tratte dagli spiritosi "È evidente che tra Olanda e Argentina dominava la paura di andare in finale"

    RispondiElimina
  12. Van Gaal continuava a prendere appunti. "12 verticale..."

    RispondiElimina
  13. Blatter sta pensando di rendere obbligatori 2 tedeschi per squadra.

    RispondiElimina
  14. Veramente è l'Olanda che fino all'occasione di Robben - che non è comunque un tiro in porta, visto il recupero del Jefe - non ha fatto un tiro in porta, e nemmen dopo. Nel corso della partita, l'Argentina si è divorata un gol con Higuain, un altro di testa con Palacio, uno con Maxi...Messi ha fatto gol importanti a inizio Mondiale, ma ieri l'ho osservato bene, e mi par di vedere un giocatore fisicamente frenato. Del resto ha vissuto la stagione peggiore degli ultimi anni, ripetutamente infortunato, tanto che a un certo punto temevo che lui ed Aguero avrebbero saltato il Mondiale [e lo scrivevo]. Quando ha segnato l'ha fatto partendo in orizzontale, ma se deve accelerare in verticale come ai "vecchi" tempi mi sembra gli manchi una marcia, non so se perché tuttora non sta bene, o ha disposizione di non rischiare troppo.

    RispondiElimina
  15. Olanda e Argentina si erano messe d'accordo per affrontare la Germania insieme.

    RispondiElimina
  16. Olanda-Argentina è uno spot per il calcio. Nei coglioni.

    RispondiElimina
  17. Ma Van Gaal non ha fatto il Guardiola...

    RispondiElimina
  18. Palacio si mangia il gol partita. Con l'Inter è abituato a fare solo quelli della bandiera.

    RispondiElimina
  19. L'Olanda esce a testa alta. Sugli spalti è pieno di gnocca.

    RispondiElimina
  20. Fino a quando l'ho vista io non ho scorto superiorità in nessuna delle due squadre, nè in costruzione (zero entrambe) nè nel contenimento, ho visto solo piattume e zero tiri in porta.
    Il paragone con Barcellona-Inter lo vedo qui poco calzante, perchè lì c'era stata un'andata finita 3-1 (meritatissimo) e la partita erano costretti a farla i blaugrana (pure in superiorità numerica da un certo punto in poi), che tra l'altro mai come allora erano il più grande spauracchio calcistico sulla faccia della terra.

    RispondiElimina
  21. Gol di Milito in fuorigioco monachense e altre piccolezze, però...

    RispondiElimina
  22. Teniamo conto che Sabella - che non è un offensivista, claro - ha fatto questo ragionamento: non posso impostare la partita sul dominio palla e sulla ricerca del gol in più degli avversari, perché ho Messi non al massimo, Di Maria fuori, Aguero appena recuperato e al massimo subentrante, e Higuain che solo ora sta entrando in forma. Se attacco, Van Gaal mi castiga con Robben, che fin lì era stato uno degli spauracchi del Mondiale. L'impressione per la goleada tedesca al Brasile del vorrei-ma-non-posso ha fatto il resto. Logico da parte sua confermare Demichelis in difesa bassa, e chiudere tutti gli spazi: l'annullamento di Robben con blocchi e raddoppi è stato un capolavoro tattico, c'è stata un'unica distrazione al 90', comunque recuperata, e agli stessi Sneijder e Van Persie non è stato concesso nulla. Se Sabella avesse potuto disporre del miglior Messi col suo attacco atomico di stelle satelliti Di Maria, Aguero, Higuain, Tevez al 100%, beh, sarebbe stato da sommergere di critiche, ma il reparto era dimezzato, e i due scesi in campo - Messi e Higuain - non certo al massimo della forma. Quindi bene così, peccato in finale ci si trovi contro una Germania inarrivabile per questa Argentina decimata.

    RispondiElimina
  23. Ieri sera sono collassato davanti alla tv;mai successo nel guardare una partita.Il che è indicativo,oltre del mio sfascio fisico,di quanto orrenda sia stata la partita.Per quanto visto sino ad adesso la finale dovrebbe essere mera formalità,ma nel calcio le sorprese sono sempre in agguato.Ma questa,più che una sorpresa,sarebbe un furto storico.Veder vincere l'Argentina(mi perdoni Deyna),che ha messo in mostra un NON gioco che forse non si era mai visto(riferito alla nazionale albiceleste),sarebbe un insulto insopportabile.Nonostante le scaramanzie di Deyna

    RispondiElimina
  24. Quesiti interessanti. Vado per ordine. Gli orange sono catenacciari, per scelta. Per me resta un mistero la graduale, ma inesorabile "trapattonizzazione" di Van Gaal. Sono curioso di vedere che combina, in terra d'Albione. Non escludo il licenziamento, con ignominia, e nemmeno la sua santificazione "prandellizzante". Della partita non parlo: sono svenuto a più riprese, riprendendomi sempre con maggior fatica. Tutti "andati", in famiglia: moglie al 20° del primo tempo, primo figlio al 30° del secondo, secondo figlio (10 anni, furbetto), che decreta, dopo un quarto d'ora: -Io vado a letto, questo schifo lo guardate voi. Il sottoscritto, in semicoma etilico (alla disperazione, mi consolavo con la birra) ha lottato duramente, nel cercare i perché della presenza di due centravanti, non tanto falsi, ma sicuramente tanto insipidi e inconcludenti. Lottato duramente, dicevo, e infine perso. Viste le vittime, una gran partita non dev'essere stata.
    Vita, il tuo ragionamento ha senso, eccettuato Cuadrado. A proposito, nelle mie nebbie notturne, mi è parso di sentire, in mezzo a valanghe di voci di mercato neroqualcosa, la seguente novità: Bayern interessato, Shaquiri (non Shakira, boss) più cosistente conguaglio (20-25) in cambio. Non disprezzabile, se non si tratta di allucinazione. Sistemeremo la sinistra definitivamente (scusate, ma vivo, come del resto lo scorso anno, nel terrore di un nuovo crac di Beppino) ed avremmo una valida alternativa tattica (il falso nueve, cui tende fortissimamente Vincenzino, dove lo mettiamo?) nel reparto avanzato.
    Romulo: non mi dispiace, il treno pendolari. Però, ultimamente, mi sembra abbia giocato più da interno: non che mi turbi, soprattutto se tigna se ne va. Continuo a pensare, però, che sarà venduto a qualcun'altro.
    Ora basta, lavoro. Il resto manca. A chissà quando.

    RispondiElimina
  25. Consapevole che anche Deyna nel giudicare il cammino delle due squadre,non avrebbe il minimo dubbio su chi dovrebbe vincere il mondiale.

    RispondiElimina
  26. stefano vienna10 luglio 2014 11:39

    La Germania gioca con una punta e due centrocampisti aggiunti, Müller e Kroos, poi entra Schurrle che comunque è un ala bassa. Abbastanza speculare l'Argentina di ieri, senza Di Maria e Aguero, con Messi che chiaramente fa meno massa in fase di non possesso, ma occupa sempre uno o due centrocampisti avversari. Non si può non considerare la Germania non favorita, ma avere un Messi (o un Neymar) o non averlo fa tanta differenza a questi livelli. Anche se riesci a bloccarlo, hai comunque dovuto prestare la dovuta attenzione.


    A me ieri ha deluso l'Olanda, penso che alla fine tra Olanda e Argentina i secondi hanno qualche chance in più contro i tedeschi.

    RispondiElimina
  27. Scusa Deyna,ti pongo una domanda che vorrebbe essere seria:Prandelli ha commesso errori-orrori lampanti,questo è un dato di fatto.Giustifichi in parte Sabella che non avuto alcuni giocatori al top o infortunati,ma alla fine ha a disposizione il miglior giocatore del mondo(Messi),uno dei migliori(DiMaria),Palacio ed Higuain,senza considerare i difensori(Campagnaro in panca ad esempio) ed i centrocampisti;ma lo spettacolo offerto è stato ai limiti della decenza ed i risultati ottenuti sono arrivati solo grazie a Messi(così come per il Brasile erano arrivati grazie al solo Neymar).Allora transitativamente parlando,dovresti coerentemente dare molti alibi a Prandelli(provocazione sia chiaro)che ha avuto per le mani la peggior nazionale di sempre(ripeto,è una provocazione)

    RispondiElimina
  28. La Germania vincerà sicuro, ma non mi lascio ingannare dall'ultima partita, che è un mix di merito e di psicodramma di un fragilissimo Brasile. Fin lì, la Germania aveva sì schiantato il Portogallo all'esordio, ma poi non aveva esaltato, né nel gironcino, né con Algeria e Francia. La grande arma dei tedeschi è che sono arrivati tutti in forma, e tali son rimasti, senza infortuni. Ad armi pari, in finale credo avrebbe vinto l'Argentina. Togliete un paio di pezzi da novanta alla Germania, e fatene giocare un altro paio al 50%, e se ne riparla...Col Brasile stesso - squadra malissimo allenata, claro - non avrebbe certo vinto di goleada, con i due migliori in campo [Thiago Silva e Neymar], e uno Scolari più accorto. Io sono per uno scatto d'orgoglio delle due grandi sudamericane, di un ritorno al calcio offensivo che non sia scriteriato e dilettantesco come sotto Maradona e Batista, ma scientifico e geniale come col Loco Bielsa. Con una squadra decimata e per il momento, però, apprezzo Sabella per come ha compattato la squadra, e gli ha evitato un'eliminazione precoce causa presunzione, quando ha una formazione che ha perso pezzi per la strada.

    RispondiElimina
  29. Comunque la vincitrice scontata di questo mondiale è l'Argentina.Per come sono andate le cose,compreso il 7-1 al Brasile,sarebbe troppo scontata una vittoria tedesca.Complimentoni Deyna,la tua squadra ha vinto.Prepara coppe e Champagne,ti aspetta una domenica sera di baldoria totale

    RispondiElimina
  30. Prandelli è stato ondivago, ha cambiato continuamente uomini e modulo, non ha saputo creare un gruppo coeso, e la squadra gli è esplosa in mano. Per l'Argentina prevedevo una partenza lenta, per poi vedere un'esplosione dai quarti in su. Purtroppo Messi mi sembra ancora quello visto in stagione, Di Maria e Aguero son saltati, Higuain sta entrando in una forma accettabile solo ora, dopo i problemi fisici in fin di campionato. L'errore grave di Sabella è stato non convocare Tevez e forse Banega, che se in forma avrebbe potuto dare fantasia al centrocampo e inserimenti, ma in queste condizioni credo faccia bene a dare solidità difensiva, tenuto conto che non ha un reparto eccezionale, e in porta c'è un Romero che può fare prodezze, ma è molto più incline alla cappella. Insomma, quando hai l'attacco atomico falcidiato, non puoi non preoccuparti di coprire una difesa appena sufficiente, in se', e un arquero preoccupante.

    RispondiElimina
  31. DKN1 , collassato? Mai successo? Nonnhanvisto Lazio- Fiorentina di quest'anno...ah ah ah ah ah ah.....,,

    RispondiElimina
  32. stefano vienna10 luglio 2014 11:48

    Io questa Argentina così scadente non l'ho vista, paragonarla all'Italia mi sembra un pò eccessivo. La Germania era già in partenza la favorita secondo molti, e secondo me a ragione. Sabella il suo l'ha fatto, niente da dire. Contano anche le motivazioni che è riuscito a dare al gruppo, cose che da fuori sono difficili da valutare. Quattro anni fa l'Argentina era più forte e furono distrutti da una Germania meno forte di quella attuale. Ma il gruppo, la testa, la concentrazione erano assenti.

    RispondiElimina
  33. Ti dovevi svegliare molto prima del mio "senza ritorno", ma scaramanzia a parte la Germania è troppo superiore per farmi anche solo sperare. Onore a Sabella e ai ragazzi, perché hanno fatto il massimo possibile in queste condizioni. E benvenuto a Basanta, ora abbiamo un vice-campione del mondo in squadra.

    RispondiElimina
  34. Deyna,ormai ti voglio punzecchiare sino in fondo.Mi rimproveri bonariamente per aver tifato Italia,da tifoso fiorentino;io ti faccio lo stesso quesito:come puoi avere in simpatia lo sfregiato,ai limiti dell'adorazione,dopo che oltre ad indossare una maglia vomitevole e rappresentante i peggior difetti italici(gli stessi che tu specifichi molto spesso),ha fatto il simpaticone sotto la Fiesole mitragliando la curva a presa di culo(seguito da quel lungagnone francese di merda?).Per me un tifoso fiorentino,se fosse vero tifoso fiorentino,non solo non potrebbe aver simpatia per Tevez,ma lo dovrebbe qusi "odiare".Come vedi la medaglia ha sempre due facce..ma io so che tu tifi viola davvero,e sorvolo;non metto in dubbio la tua fede.Ed ancora complimenti per la vittoria dell'Argentina,vittoria ormai sicura.

    RispondiElimina
  35. Questo Mondiale ha visto anche il ridimensionamento totale di C. Ronaldo ai massimi livelli [non è mai stato la "figura" di un Europeo o di un Mondiale, pur essendo spesso arrivato parecchio avanti con la squadra], e quello parziale di Messi, per ora almeno. E' vero che nessuno dei due è venuto al massimo della condizione fisica, ma la delusione non può che esserci.

    RispondiElimina
  36. L'attacco atomico falcidiato era/è comunque rappresentato da:Messi-DiMaria(sino ai quarti)-Higuain-Palacio.Sinceramente io avrei fatto a cambio col nostro...

    RispondiElimina
  37. Quando gioca la Fiorentina(compreso lo 0-5 coi gobbi) non collasso mai.Al limite mi incazzo come una iena,ma non collasso!!

    RispondiElimina
  38. Stefano no nera mi intenzione paragonare l'Italia all'Argentina.Intendevo dire che se si giustifica Sabella per il non gioco offerto,nonostante potesse schierare Messi-DiMaria-Higuain-Palacio,perchè orfano di Aguero è perchè non convocato Tevez,allora si può giustificare Prandelli che ha dovuto fare i conti con la peggior nazionale di sempre.Sia chiaro è una provocazione,Prandelli a questi mondiali rimane ingiustificabile!

    RispondiElimina
  39. Quello per Scarface è un amore di vecchia data, infatti vederlo in maglia bianconera mi fa star male. Come, in scala minore, mi farà star male vederla addosso a Iturbe, quella maglia maledetta. A lui e Pogba sono state sicuramente date disposizioni dall'alto, penso, magari proprio da Agnelli in funzione anti-DDV. Anche perché Pogba credo manco sappia chi sia Batistuta. Se vado allo stadio fischio Tevez come dovrebbero far tutti, ma quando [quando? Sabella, perdio!] indossa la sacra maglia dell'Albiceleste si monda di tutti i peccati, eheh. Guardo comunque la totalità del personaggio, una presa pel culo a una tifoseria, anche se fa incazzare, ci può anche stare a caldo, sono altre le cose che mi disturbano nei calciatori. Ad esempio non ce l'ho nemmeno con Pogba, che per me è men che neutro come nazionalità.

    RispondiElimina
  40. Palacio comunque a livello internazionale è ben mediocre, non lo paragonerei agli altri...Giusto nel campionato italiano spicca, e questo la dice lunga sul livello dello stesso.

    RispondiElimina
  41. Ehehe...Sei un diplomatico mica da ridere!

    RispondiElimina
  42. Palacio vedi sopra, Higuain fino ai quarti era totalmente fuori forma, in campo camminava quasi...

    RispondiElimina
  43. Con Palacio se lo è divorata nei supplementari, con Higuain c'era fuorigioco, con Maxi non si è divorata nulla. Hai sognato la partita, Deyna, come ho scritto sopra. L'Argentina è una squadra di merda, ieri ha fatto cahare quanto l'Italia, sarà malmenata dai crucchi. Stop.

    RispondiElimina
  44. Sabella non ha fatto nessun ragionamento, non ne è in grado. E nulla di più ridicolo delle sudamericane quando vogliono fare le europee. ne vengono fuori solo dei falsi bonds.

    RispondiElimina
  45. stefano vienna10 luglio 2014 12:10

    Deyna, guarda che Sabella ha fatto bene a non portare Tevez. Ha dato più coesione al gruppo. Queste sono le esclusioni che ci stanno. Troppe teste calde in un Mondiale ed esci alla prima difficoltà. Certo poi quando l'Argentina ne beccherà quattro domenica sera si può facilmente tirare in ballo gli esclusi, ma una cosa è farlo con una squadra che esce al primo turno -quindi costruita male, segno inequivocabile che il ct ha fallito già in partenza come selezionatore. Scusa se sono ripetitivo, ma a Basanta vorrei risparmiare i festeggiamenti e vederlo già agli ordini di Montella bello incazzato e concentrato. Se non fosse per questo -prima la Fiorentina, poi a distanza siderale il resto, tiferei pure Argentina che mi sono relativamente simpatici. Relativamente ai crucchi di sicuro.

    RispondiElimina
  46. stefano vienna10 luglio 2014 12:15

    Colonel, l'Argentina un minimo ha provato a vincerla, almeno con questa mentalità sono scesi in campo (vedi primi venti minuti), poi la stanchezza e una certa superiorità fisica olandese hanno portato gli argentini ad essere più prudenti. A me l'Olanda ha dato l'impressione che volessero andare ai rigori. Non so in base a cosa, ma gli olandesi contro avversari di pari livello si sentivano superiori. E sono stati giustamente puniti dal dio del calcio. I tedeschi, pur partendo con i favori del pronostico, hanno imparato -grazie a noi nel 2006- che non c'è errore più grande di sentirsi superiori agli avversari. Ergo, non faranno l'errore degli olandesi.

    RispondiElimina
  47. Ah, adesso vinci il Mondiale virtuale, quello con Di Maria in finale... Ma dài, c'è un limite alle boutades, Deyna! E certo poi che non avrebbe vinto 7 a 1, la Germania, con Thiago Silva e con Neymar, chi l'ha mai detto? Sabella è l'anticalcio e se lo apprezzi, Deyna, ti situi fuori dal comprendoio calcistico. Ah, poi: Gomez è stato escluso per decisione tecnica o per condizioni fisiche? Stai con Ludde o entri in cortocircuito con te stesso, cioè? La Germania è stata ed è superiore a tutte le altre squadre del Mondiale sul piano tecnico, tattico, mentale, civile: poi, capisco che il tifo o l'ideologia o la picca antispagnola possano accecare, ma questo non rileva.

    RispondiElimina
  48. stefano vienna10 luglio 2014 12:18

    In questo anche i meriti di Sabella. Argentini umili, si sono considerati per tutta la partita gli underdog nonostante Messi, ma mai sottomessi, ci credevano, ma con umiltà. Invece dall'altra parte Van Gaal con deliri di onnipotenza -vedi cambio del portiere col Costarica-, delirio che ha contagiato inevitabilmente i giocatori.

    RispondiElimina
  49. Bella, LJUKA...premesse per dei quesiti che non scrivi o che mascheri sotto forma di speranza (Romulo, Shaquiri, etc)....eh eh eh eh h eh...Ti piacerebbero? Magaraaaa!!! Shaquiri é in crack, é un concreto, é un over-pay, quindi non da viola...Purtroppo.
    DEYNA, la tua scaramanzia sta affossando l'Albiceleste, attento...eh eh eh eh eh eh......Io credo che l'errore più grande di Sabella sia stato ed é uno solo: cadere nella trappola-Messi; lampante che in questa argentina ci sia nulla di Sabella, della sua mano, del suo essere tattico. Nulla. Saby ha scelto la formula vecchia come il cucco, quasi sorpassata: palla all'asso. Punto.
    Argentina e Olanda raramente così tattiche (in senso negativo) in campo, mai visto (sporadicamente, anzi) i terzini fluidificare per creare superiorità numerica, assenza totale di un cerebro in campo per entrambi, nessun inserimento dei centrocampisti. Zero.
    Questa partita ha ingannato nello svolgimento, così come ha ingannato il Modern-Wunderteam contro il Brasile. Troppo brutta l'Argentina, troppo bella la Germania; prevedo (ma io sono fallace, come Rocco Siffredi) una finale tattica, purtroppo.
    LJUKA, Romulo per me deve restare, andrebbe fatto giocare a destra, creando una bella rotaia con Cuadrado (ma come dice il COLONNELLO, Cuadrado é venduto); Shaquiri era adorabile a 16 anni, quando già giocava in uno degli stati che sarà Pangermanico (la Svizzera), ha mantenuto le promesse ed un top, a tutt'oggi. Chi non lo vorrebbe?
    ... Ma se un calciatore che ha fallito in Portogallo (era giovane, molto), ha fatto un ottimo campionato nella nostra mediocre Serie A, non ha portato la sua squadra neanche in EL ma é valutato 20/22 milioni di euro (riscattato già a 15!), e scrivo di Iturbe, quanto vale Shaquiri, uno che mette in difficoltà anche Guardiola poiché sa giocare ovunque, segna ed é determinante anche nelle coppe? Siamo concordi nel dire che la Viola ha un ottimo attacco, un buon centrocampo e una difesa da rifondare? Bene, cosa occorre? Una ottima punta di ricambio, due difensori di livello almeno europeo (mondiale? Basanta?), un cagnaccio avanti la difesa, un cervello in mezzo (Pizarro a me ha rotto i coglioni con le sue turbe a quell'età -etá calcistica- se ne andasse dove cazzo vuole!!!). Se la Juve da l'assalto alla CL con Morata e Iturbe, allora noi siamo in una botte di ferro ma la botte va chiusa, sigillata, quindi io la priorità la darei alla difesa in toto. Come diciamo da una vita, tifosi fiorentini, "Quest'anno o mai più". E allora di-diciamolo.

    RispondiElimina
  50. Un minimo, Stefano. E infatti la davo favorita e ci ho chiappato anche stavolta, ma Sabella ha cercato di farmi sbagliare il pronostico con tutti i mezzi, come mai avrei creduto. Davanti a loro, scarponi inguardabili che, come tu ripeti paro paro da me ieri sera, giocavano per andare ai rigori ma che Sabella ha imbrigliato tatticamente vincendo ai rigori, appunto, non tirando mai in porta fino alla gag di Palacio, disinnescando Messi, sostituendo genialmente Perez, facendo vomitare due miliardi di spettatori eccetto Deyna e Jordan, il quale ultimo deve tifare Argentina perché schiuma per le pappine rifilate al Brasile e perché deve giustificare gli assurdi peana levati per quei cessi arancioni che avevano battuto l'aborrita Spagna (è chiaro, ci vuole Migliaccio, ci vuole Ambrosini, quindi ieri partita perfetta tatticamente, Olanda squadrone). In totale, Germania «leggermente» favorita e solo perché non ci sarà Di Maria (Gomez escluso per scelta tecnica, siamo d'accordo con Ludde, no?), ma l'acume di Sabella può sovvertire il pronostico. DKNE, inutile discutere, quando si tratta d'Argentina e d'Italia si fodera gli occhi di prosciutto.

    RispondiElimina
  51. Quindi indirettamente è l'ennesima dimostrazione che in questo periodo storico c'è ben poco in Italia ehehe

    RispondiElimina
  52. Ragazzi, il calcio alla fine è semplice, se infortuni o squalifiche ti fan fuori i fuoriclasse, puoi vincere lo stesso se sei ben organizzato e hai creato un gruppo solido, ma molto più spesso perdi. Altrimenti non staremmo a rimpiangere le perdite di Gomez e Rossi in stagione. Prendi la Spagna 2010, fagli infortunare Xavi, Iniesta e magari Puyol o Ramos nel 2010, e se ne riparla. Gomez, Colonnello, credo proprio sia stato escluso per le condizioni fisiche, ma non mi sembra sia stato mai un fuoriclasse indiscutibile, nemmeno per Loew. Sicuramente al Mondiale avrebbe giocato, e si sarebbe alternato con Klose, ma in questa Germania non è così indispensabile. L'Argentina di Sabella l'ho vista giocare fin dall'inizio della sua gestione, e ti assicuro che al completo è tutt'altra cosa, anche se nell'ultimo anno era già calata, ma appunto anche per i problemi fisici di Messi e del Kun. Non ha mai fatto il tiqui -taca, ma aveva organizzato una squadra formidabile nel chiudere e ripartire con ottimi scambi in velocità, a colpire negli spazi lasciati scoperti. E Di Maria, come ti dicevo da tempo, era l'uomo chiave.

    RispondiElimina
  53. stefano vienna10 luglio 2014 12:29

    Un CT deve essere un buon selezionatore, un discreto tecnico e un ottimo motivatore. Ogni altra combinazione -ottimo tecnico e motivatore scadente per esempio- porta solo al fallimento. Sabella appunto ha selezionato un bel gruppo, l'ha motivato bene e, con poca fantasia tattica, l'ha messo in campo. E' bastato per arrivare in finale e non penso che Sabella commetterà gravi errori tattici nella finale -nè farà un capolavoro. Ieri al massimo gli si può imputare di avere fatto cambi un pò cervellotici, Perez non l'avrei tolto, era stato il migliore, ma alla fine gli è andata bene.


    P.S.: anche su Romero non so quanti ct l'avrebbero portato (io no per dirla tutta), ma alla fine ha avuto ragione, tecnicamente non è un fenomeno, ma è un tipo tosto e serio. Neuer per dirla tutta è minimo un paio di categorie sopra, ma ha anche una testa che boskovianamente serve per portare cappello. E non è detto che in finale non commetta qualche fritattona. Se gli algerini fossero stati più furbi, alla seconda uscita l'avrebbero bucato dalla distanza.

    RispondiElimina
  54. Vorrai mica paragonare l'importanza di Di Maria per l'Argentina, con quella di Gomez per la Germania? Uno è l'elemento-chiave del gioco, ancor più di Messi [se hai seguito tutta la gestione Sabella te ne sarai reso conto], l'altro un forte centravanti mai stato titolare fisso con Loew, e comunque non fondamentale per questa Germania, per il gioco che svolge. Ma secondo te l'Argentina può regalare alla Germania Di Maria, Aguero, Tevez, con Messi e Higuain che saranno ora a dir tanto al 60/70% della condizione? La Germania è arrivata intatta alla finale, nemmeno un infortunio o una squalifica: da un lato è un merito, ma la fortuna gioca un ruolo non trascurabile...

    RispondiElimina
  55. Intendevo infatti "dello stesso" campionato, eheh

    RispondiElimina
  56. Quando leggo che le patrie (Brasile e Argentina) che da sempre sfornano assi a go-go, ottimi calciatori come fossero noccioline calde, atleti formidabili hanno problemi per una o due assenze (Neymar? Thiago Non-Motta? Di Maria?) non so se ridere o piangere. Sicuramente proverei vergogna se fossi argentino o brasiliano. Contegno, occorre contegno.
    (N.B.: alcuni esperti, non qui- excellentia- scrivevano che l'Argentina e il Brasile potrebbero fare minimo due nazionali a testa, con la classe e i giocatori che hanno....).

    RispondiElimina
  57. stefano vienna10 luglio 2014 12:37

    Palacio veramente inguardabile, almeno Caos Insigne -l'altro inguardabile del Mondiale- ha la scusa della giovane età. L'unico vantaggio di portarsi Palacio ad un mondiale e che lo sa anche Palacio stesso di essere una mezza sega a certi livelli e quindi, a differenza di Tevez, va in panchina senza rompere tanto le scatole, anzi implorando Sabella di non metterlo troppo presto in campo, ma solo quando gli avversari sono già stanchi, per limitare al minimo le figuracce. In confronto Pinilla è stato veramente un grande, nonostante la sfiga. Pinilla uno con i controcoglioni.

    RispondiElimina
  58. stefano vienna10 luglio 2014 12:40

    Immobile naturalmente peggio di entrambi, ma più che inguardabile, un ologramma, quindi invisibile. Me lo immagino adesso in spiaggia che si nasconde dietro l'ombrellone.

    RispondiElimina
  59. Iturbe riscattato a 15 e rivenduto a 20 o 21....Se lo staff viola vende Cuadrado oltre i 35 sono fenomeni, allora!!

    RispondiElimina
  60. stefano vienna10 luglio 2014 12:44

    Io non capisco cosa aspetta la Fiorentina a farsi dare Pinilla -detto Ironballs- dal Cagliari. Anche solo per impedire che ci purghi per l'ennesima volta. Gli si dà in prestito Matos che con Zeman magari fa il botto.

    RispondiElimina
  61. La situazione è un tantino cambiata, con l'esportazione in Europa dei talenti, ormai fin dalla più giovane età. Prendiamo il Brasile, tanto per non parlare solo d'Argentina: non mi sembra che avesse tanto da chiamare, tolti i 23 convocati, non vedo troppe esclusioni eccellenti, non vedo le tre nazionali potenziali che Scolari avrebbe lasciato fuori. Chi? Di difensori più forti di questi non ne vedo, di centrocampisti neppure [e hanno un centrocampo penoso, il più debole di sempre: il solo Sandro, a memoria, sarebbe più forte, ma è reduce da un'annata brutta], di attaccanti c'era il solo Leandro Damiao, ma dicono sia mezzo rotto. Ripeto, togli alla Spagna 2010 Iniesta, Xavi e Puyol, e vediamo se vince lo stesso.

    RispondiElimina
  62. I soldi per Cuadrado però ce li abbiamo messi noi, quelli per Iturbe dal Porto credo ce li abbia messi la juve...

    RispondiElimina
  63. stefano vienna10 luglio 2014 12:47

    S'è fatto un anno col volenteroso El Hamdaoui come riserva, Pinilla sarebbe perfetto.

    RispondiElimina
  64. Pinilla non avesse avuto per anni problemi di alcolismo e testa calda sarebbe stato davvero un gran bel centravanti...

    RispondiElimina
  65. stefano vienna10 luglio 2014 12:52

    Comunque, fossi Marlon Brando, schiererei la stessa formazione di ieri sera con Aguero al posto di Higuain, ovvero farei il cambio invertito a metà secondo tempo. Un vantaggio chiaro per la Germania sono anche i quattro giorni in più di riposo (dopo l'amichevole col San Marino), in pratica dai quarti di finale non giocano una partita seria, se non dagli ottavi, l'unica partita dove i tedeschi si sono dovuti impegnare al 100%.

    RispondiElimina
  66. Concordo, nella top5 dei gesti tecnici-fisici-mentali visti al Mondiale, col recupero di Mascherano, il primo gol di Rodriguez all'Uruguay, lo sprint di Robben su Ramos, lo show di David Luiz che consola Amès e poi ascolta l'inno con la maglia dell'assente Neymar in mano. Ma mi scordo senz'altro qualcosa...

    RispondiElimina
  67. Però Stefano d'altro canto c'è che il suo esser matto gli ha impedito di avere una carriera anche lontanamente consona al suo indiscutibile talento, che ricordo bene soprattutto dai tempi del Grosseto (fino a quell'anno seguivo parecchio anche la Serie B e C, i prinicipali campionati europei e i campionati giovanili, ora non ho più tanto modo e tempo). Fu anche molto strano il contesto in cui fu svenduto dal Palermo al Cagliari: a gennaio, per circa 3 milioni, quando era il miglior giocatore dei rosanero, che a loro volta erano un club più ricco e una squadra più forte (almeno quell'anno) dei sardi...sembra la tipica situazione di qualcuno che deve andarsene per forza, per qualche motivo misterioso ma preciso. Infine, c'è da considerare una propensione-record agli infortuni.

    RispondiElimina
  68. La propensione record agli infortuni, in gran parte muscolari, credo fosse dovuta all'alcolismo e allo scarso recupero dopo i bagordi...

    RispondiElimina
  69. Il nesso tra le due cose è probabile, e poi, diciamocelo: per farti tatuare in un punto esposto la vignetta in cui colpisci una traversa, devi essere veramente sbronzo, ahah! Comunque penso che il ritorno in nazionale gliel'abbia consentito l'uscita dal gruppo di Jimenez, o almeno, se non ricordo male, qualche anno fa Pinilla ne era stato allontanato dopo una lite (inclusiva di scazzottata, se non sbaglio) col nostro ex, al quale aveva barcagliato quel popò di strappona di moglie.

    RispondiElimina
  70. Io comincio a scomodare i pezzi grossi per domenica, che almeno riescano ad alleviare un po' la sconfitta...

    RispondiElimina
  71. DEYNA, tra i gesti tecnici dimentichi Sabella che scivola dopo un'azione da gol argentina e la firma sulle dimissioni di Prandelli.

    RispondiElimina
  72. Ecco, vedi! Ahahaha

    RispondiElimina
  73. Comunque vada, o l'Argentina fa 5 gol alla Germania o la Germania segna solo il gol della bandiera....alla fine i tedeschi rimarranno, per noi, quelli paonazzi, rossi scottati e ustionati dal sole, con sandali e calzini. Le loro mogli le migliori Milf (un po' passive però, occorre dirlo) dei nostri 20 anni sino ai....l'altro ieri!

    RispondiElimina
  74. Quale Papa? Non facile!

    RispondiElimina
  75. www.fiorentinanews.com/babacar-e-il-post-misterioso-arrivo-italia-boh-foto/

    Il bello é che, se andate a vedere la foto, lui ha addosso un camouflage con i colori dell'Eintracht Francoforte!!

    RispondiElimina
  76. Periferia di Monaco, appartamenti piccoli in zona molto bella, figaio ariano con seni da 4a o 5a misura che si tenevano su da soli, sederi da GP, insomma una macedonia di figa sontuosa e succosa (eh eh eh eh eh eh) ma c'era lei. Lei! Una debordante bellezza che innaffiava i suoi fiori con una maglia da calcio del Bayern abbastanza lunga da farla uscire con nulla sotto (eccetto slip ma non si vedeva)...Evitava con classe i contatti, sembrava sempre di corsa o impegnata. Allora tattica "infrarossi", cioè attacco serale! Salgo 20 gradini (2 piani più su) e mi appresto a sciorinare un inglese studiato per frasi ad hoc ma...ma...sulla sua porta c'erano un foglio giallo, ben scritto a mano...."Non ho sale, non ho zucchero, non ho olio, non ho detersivo, non ho vino da cucina, non ho salse, non ho parmeggiano (scritto così), non ho piante da mostrare, non faccio traduzioni, sono impegnata tutte le sere e tutti i weekend" (in italiano e in inglese!!!). Vedi, DEYNA, l'organizzazione tedesca?!?!?!?!?!?

    RispondiElimina
  77. Scusa Deyna, ma non rinfrescando la pagina non avevo visto le foto! Me lo immaginavo, ma più chiaro di così, ahahah!

    RispondiElimina
  78. Lì potevi solo suonarle il campanello vestito da polizei, e quando si accorgeva che il tuo cappello fatto simile a quelli d'ordinanza era in realtà in latex, ormai era troppo tardi per buttarti fuori

    RispondiElimina
  79. Invece gli italiani volavano....

    RispondiElimina
  80. colonnello hai ragione..Deyna è ingestibile se si parla di Argentina ed Italia ahaha

    RispondiElimina
  81. Comunque la Germania mi sta sulle palle per infiniti motivi,ma questa finale,per chi ama il calcio,mi porta a livello tifo,verso i teutonici.Superiorità manifesta,schiacciante,mai in discussione.Come invece dall'altra parte,tolti i singoli colpi di Messi,si è visto apatia,noia,paura.Insomma,almeno per questi mondiali,è calcio contro anti calcio.

    RispondiElimina
  82. Fosse arrivata l'Italia in finale,come è arrivata l'Argentina,Deyna si faceva monaco per lo schifo provato!

    RispondiElimina
  83. http://www.huffingtonpost.com/2014/07/09/brazil-fan-trophy_n_5570952.html

    RispondiElimina
  84. Sopra, claro che sì.
    Shaquiri mi piace tanto (Shakira anche). il dubbio allucinazione resta, ma se a Monaco, ancora grati alla viola per avergli tolto di torno un "vero nove" (inutilizzabile, con la "guardia spagnola"), ci facessero il regalino...
    Romulo invece, "Montellah" piacendo, ce lo potremmo anche tenere.
    Alle perse, per lo svizzero, ci organizziamo: viaggetto in terra crucca, tattica ad infrarossi, sacco di juta. Volata in Italia, con tappa a Pietrasanta: lo lasciamo nelle capaci mani del Ginevrino di spirito, suo conterraneo, per qualche giorno. Al nostro ritorno, il "tabarino magico" urlerebbe: - Dove? Dove? Dove devo firmare? Tutto, anche un quinquennale, pur di non sentir parlare più di Ljajic, 433, falsi nueve, Prandelli e Guardiola! Quando si dice allocar bene le risorse...
    PS: Lud, fammi riprendere, sono ancora in crisi di rigetto.

    RispondiElimina
  85. Nnnnnnnnh yaaaaaaaaaawn mch mch mch...quanto stanno? Messi ha segnato?

    RispondiElimina
  86. Il neopresidente della Samp: "Ho detto a Mihajlovic che ci sono cinque partite che deve vincere: Roma, Fiorentina, Genoa, Lazio, Napoli". Dopo Preziosi, ecco a voi un altro servo messo lì a lavorare per le strisciate.

    RispondiElimina
  87. Giuoco al giochino del Colonnello [si fece già un par d'anni fa, chissà le idee che abbiam cambiato...], solo post-1970, ché "gli antichi" li ho visti troppo poco per giudicare:

    ITALIA MORTA [4-2-3-1]: Zoff [Albertosi]; Maldini, Vierchowood, Baresi, Cabrini; Oriali, Tardelli; Conti, Antognoni, Baggio; Rossi [Bettega] [a disp.: Buffon, Gentile, Nesta, Scirea, Benetti, Pirlo, Causio...] ---> volendo inserire anche quelli del '70, che ho visto giocare molto meno: Zoff [Albertosi]; Maldini, Vierchowood, Baresi, Facchetti; Oriali, Tardelli; Antognoni [un po' alla Liedholm, ma ce lo devo far entrare per forza!], Rivera, Baggio; Rossi [Riva].

    OLANDA IMMORTALE [3-5-2]: Van Beveren; Stam, Hulshoff, Krol; Neeskens, Rijkard, Van Hanegem, G. Muhren, Davids; Van Basten, Cruijff [a disp.: Van Der Sar, Rijsbergen, Gullit, Haan, Rep, Van Nistelrooy, Rensenbrink, Robben...]

    GERMANIA IMMORTALE [4-3-1-2]: Maier; Vogts, Kohler, Beckenbauer, Brehme; Schuster, Matthaus, Breitner; Overath; G.Muller, Rummenigge [a disp.: Khan, Hummels, Netzer, Littbarski, Voeller, Klose...]

    BRASILE IMMORTALE: Julio Cesar; Carlos Alberto, Aldair, Luis Pereira [Thiago Silva], Francisco Marinho; Dunga, Falcao, Zico, Rivelino; Pelè, Ronaldo [Romario] [a disp.: Leao, Edinho, Cerezo, Socrates, Ronaldinho, Jairzinho, Tostao]

    ARGENTINA DIVINA, versione menottiana [4-2-3-1]: Fillol; Zanetti, Samuel, Passarella, Chamot; Redondo, Ardiles; Bertoni [Di Maria], Maradona, Messi; Batistuta [a disp.: un portiere preso a caso nella hall dell'albergo del ritiro mondiale, Tarantini, Sorin, Mascherano, Simeone, Kempes, Tevez] ---> versione più prudente, sabelliana: Fillol; Zanetti, Samuel, Passarella, Chamot; Ardiles, Mascherano, Redondo; Messi, Maradona; Batistuta. Vi regaliamo Di Stefano, troppo in là col tempo, e non metto i meritevolissimi Perfumo, Marzolini e compagnia bella fine '60/'70 perché non li conosco così approfonditamente come gli altri.



    PS: a Colonnè, ma chi cazzo è VW terzino sinistro tedesco?

    RispondiElimina
  88. Molti nemici, molti onore.

    RispondiElimina
  89. Wolkswagen.

    RispondiElimina
  90. Deyna sul resto non metto lingua perchè mi ricordo il giusto degli stranieri e di queste classficihe non sono particolarmente innamorato, molti confronti sono comunque improponibili. Però che Zoff sia stato meglio di Buffon non sta nè in cielo nè in terra. Uno è stato un portiere bravo ma ampiamente nei limiti della normalità, di eccezionale ha avuto solo la longevità (ma anche Buffon non scherza), l'altro, per un discreto periodo è stato un top mondiale che Zoff non è stato mai.

    RispondiElimina
  91. Eh lo so, ma credevo fosse il soprannome di qualcuno...

    RispondiElimina
  92. Lo era, di Schnellinger. Sopra, con la «v» scempia iniziale, per cortesia!

    RispondiElimina
  93. Germania leggermente favorita perchè si troverà davanti un avversario e non una banda di sciainati presi dallo scacazzo e dalla depressione cosmica da delusione di insuccesso prima, di disfatta poi. La Germania ha giocato contro nessuno e mi sembra che la sopravvalutiate abbacinati da un'impresa troppo facile. Per me è più forte dell'Argetina attuale, ma la vipera morde, non è imbalsamata, e se riesce a mordere saran cazzi anche per i crucchi. 60-40 non di più. Scordati il Brasile morto e ricordati l'Algeria viva cui l'Argentina di Sabella, indubbiamente più forte degli africani, somiglia molto di più. Se i supplementari di mercoledì li avessero fatti i crucchi e gli argentini si fossero allenati con il S.Cristovao il martedì, sarei per un 50-50.

    RispondiElimina
  94. So che Maier [Kahn forse si farebbe preferire, ma ha fatto una papera in una finale mondiale che lo macchia irrimediabilmente] e Zoff non ti piacciono particolarmente, e di portieri certamente ne capisci assai più di me, ma mi sembra che Zoff vanti molta più considerazione all'estero che da noi. Nel periodo prima del Mondiale '74 era ammiratissimo in Europa, per il lungo periodo di imbattibilità, e certo non era inferiore a Maier, Hellstroem, Leao o Tomaszewsky, quindi si poteva già considerare un "top" nel ruolo. Fu accusato per i tiri da lontano nel '78, ma riguardandoli trovo responsabilità solo su quello di Haan, giusto per la distanza siderale, un po' poco per crocifiggerlo. Nell'82 divenne una leggenda. Non era spettacolare - anche se gli ho visto fare voli prodigiosi, all'occorrenza - ma aveva un senso della posizione straordinario, che gli faceva sventare tiri pericolosissimi semplicemente muovendosi in anticipo con un passetto, senza nemmeno tuffarsi. Nelle uscite alte, poi, non ne ho più visti di così sicuri e precisi. Buffon è stato un grande portiere, ma è finito prima, ha sempre avuto uno stile più brutto, ed era più debole in uscita, senza contare il fatto che come pararigori era scarsino. E' stato un po' più reattivo ed ha avuto una migliore copertura della porta, visto anche che il tempo ha "selezionato" portieri più alti, ma nel complesso preferisco Zoff.

    RispondiElimina
  95. Ah, non ricordavo...

    RispondiElimina
  96. Comunque incollo un'intervista a un personaggio al di sopra delle parti, che taglia la testa al toro:

    http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/calcio/2013/articoli/1014373/dino-zoff-in-esclusiva-su-premium-calcio-buffon-meglio-di-me-no-sono-piu-bravo-io-.shtml

    RispondiElimina
  97. Nell'82 si rese un goal sul suo palo da Socrates che se lo pigliasse Neto il colonnello lo mette in croce per un mese. Quando era in forma mi piaceva di più Albertosi, figurati. Haan gli fece goal da 80 metri nel '78 e Dirceu dalla linea del fallo laterale da quaranta metri. Era u portiere costante regolare, con buon senso della posizione e con buon tempo dell'uscita alta, ma il top per me è altro.

    RispondiElimina
  98. Sì, voglio paragonare Gomez a Di Maria, Deyna. E una volta paragonati, cambia nulla. Germania che fa tanto tanto tanto più gioco, con allenatore tanto migliore e con tasso medio di classe superiore, se si toglie il fuori-quota Messi che però, con la sua nazionale, ha prodotto meno di un Klose, in decisività, tanto per dire. Con 'sta storia degli infortunati ti riservi la vittoria in potenza in ogni Mondiale, Deyna: intendiamoci, per valori di base, di vivaio, Argentina e Brasile dovrebbero vincere un Mondiale l'uno e uno l'altra, a rotazione, ma siccome sono due popoli stracoglioni finiscono per far vincere anche e soprattutto gli altri. Sabella assomiglia a un mio vecchio amministratore di condominio, velista e/ma manigoldo: tanto per informarvene. Infine: il grande Gavito diceva che todo pasa entre el dos y el cinco. E' terribile, ma sospetto il gran pancione, il mio idolo nell'arte, di pre-sabellismo occulto! Jordan, i supplementari l'Argentina se li è cercati, contro dei pellegrini: stai a vedere che sarà un alibi! D'accordo che l'Argentina attuale vale più del Brasile, sempre detto e sempre pensato. Ribadisco la mia quota: 75 contro 25. Cioè: a mani basse. E tedeschi un poco più incasinati se fossero stati finalisti gli scarponi arancio.

    RispondiElimina
  99. Non esageriamo con le distanze, dimezza, e poi Dirceu tirò dal limite dell'area nell'angolo. Da posizione laterale semmai tirò Nelinho, ma fu un capolavoro, forte ed effettatissimo, non credo fosse parabile.

    RispondiElimina
  100. https://www.youtube.com/watch?v=BNrc3TejOyI



    Se Neto avesse preso un gol come questo, avresti detto che è assolutamente imparabile. Scherzo, ma mica troppo, sulla boutade-Neto...E sono un pro-Neto di ferro, come sai!

    RispondiElimina
  101. La Germania ha un gioco più evoluto, ma Sabella non mi sembra il citrullo che dipingi, man mano che va avanti, per piccoli aggiustamenti, ha sistemato la difesa argentina, che era il punto debole. Gli infortuni contano eccome, la Germania non ne ha avuto nemmen uno dall'inizio del Mondiale, l'Argentina si è presentata con un centravanti che cammina [Higuain, in timida ripresa solo dalla partita col Belgio], un Messi lontano dalla sua forma dei tempi migliori, un Aguero tartassato in stagione dagli infortuni e sùbito ricascatoci, un Di Maria rotto ai quarti. Dimmi te se è la stessa cosa...Quanto ai vivai, sono realtà economiche diverse, i sudamericani allevano giocatori per venderli in Europa e sostenersi, i tedeschi stan bene e tengono quasi tutti i loro in Germania o comunque li lasciano andare già maturi, così da forgiarli nelle loro strutture, c'è un abisso didattico in questo...Comunque pure io davo la Germania favorita a inizio Mondiale, ma ora non cediamo all'esaltazione eccessiva, anche perché per Loew non mi pare ci fosse tutta questa stima rasentante il culto, fino a ora...Che non diventi il Guardiola 2.0 di un nuovo fondamentalismo!

    RispondiElimina
  102. Poerino lui può dire quel che gli pare, quanto alla sua capacità di allenatore uno più bollito di lui a Firenze l'ho da rivedere.

    RispondiElimina
  103. Diciamo che eran trenta, ma in posizione obliqua con una fetta di porta da difendere abbastanza ridottta. E' vero che se lo si fa tirare cento volte Nelinho novantotto lo butta in curva, ma un portiere top...

    RispondiElimina
  104. Fosse stato un tiro dritto per dritto sì, ma un tiro con quel genere di effetto a rientrare va fuori dalla portata della mano, mi pare, prima di infilarsi...Comunque da allenatore sì, da noi era bollito, come portiere lo ricordo così:

    https://www.youtube.com/watch?v=RX5EtY-X7jU



    Se non era un top questo...e dimenticavo quasi la presa.

    RispondiElimina
  105. Saluto con piacere DEYNA e il COLONNELLO (va bene l'incipit, graduato?), alle prese con questa battaglia ideologica su calcio nordeuropeo e sudamericano. Praticamente se un essere umano avulso dal calcio leggesse ciò che scrive (scaramanticamente, non puoi essere così, guapo...) DEYNA scriverebbe un libro sul calcio argentino parafrasando Riff-Raff di Ken Loach, con Sabella che impersona la Tatcher...mentre volendo lavorare su ciò che scrive il COLONNELLO* la Germania potrebbe essere rappresentata da "La strategia della lumaca" di Sergio Cabrera (questi Pian piano si portano la coppa a casa, demolendo l'antichissimo detto "I mondiali in Sudamerica li vince una sudamericana)**.
    *il COLONNELLO nel '78 sarebbe stato al governo in Argentina, visto il potere dei Colonnelli...eh eh eh eh eh eheh...
    ** Detto fasullo, poiché eccetto il miracolo Uruguay, solo Brasile e Argentina hanno vinto, quindi....altro che sudamericane...

    RispondiElimina
  106. La finale di questo Mondiale determinerà il destino storico di Messi. Maradona si caricó l'Argentina due volte sulle spalle: una volta trionfando ('86), la seconda quasi ('90) e la terza-sciorinando cose mai viste- quasi di nuovo trionfatore; Lionel ha uno sbarramento storico da superare: essere l'erede vero- e decisivo per il suo paese- dell'Argentina e quindi l'unico veramente avvicinabile al Pibe de Oro, oppure continuare ad essere...Messi.

    RispondiElimina
  107. Se vale di più o di meno del Brasilee non lo so certo è che è messa in campo con un progetto tattico che non potrà piacere ma che è efficace e non a cazzo di cane e davanti ha gente che può far male in ogni momento (in questo ha più della Germania). Quando ha trovato gente così anche se tecnicamente ben inferiori ma che correvano e pressavano come matti come gli algerini anche la grande Germania non ha vinto 7-1 ma si è fatta una bella sudata. Quindi nel calcio ci andrei sempre cauto con i giudizi assoluti. Niente è scontato. Qualificare poi una squadra che ha gente com Van Persie, Robben, Kuyt, e tiene in panca uno dietro al quale la viola sbava da un anno, una banda di scarponi e eccesso dialettico retorico che può scappare solo nella foga del discorso. L'Olanda degli scarponi ne ha dati cinque agli ex-campioni del mondo, non ha perso partita ed ha mancato la finalissima per un calcio di rigore dopo i supplementari.

    RispondiElimina
  108. Il solito grande DDV

    RispondiElimina
  109. Ha sganciato l'ordigno fine di mondo.

    RispondiElimina
  110. Veramente queste affermazioni non depongono a suo favore. Se l'onorario non era capace di far bene le cose, Diego se ne è accorto solo dopo che gli hanno spifferato che stava andando a Torino? Mah!

    RispondiElimina
  111. "Cesare, siamo orgogliosi di nominarla cittadino onorario di Firenze..." "ONORARIO? Sì, beh, il mio è importante, accetto solo cifre importanti, ma per questioni etiche e affettive potrei accontentarmi di un milione di euro per accettare, grazie"

    RispondiElimina
  112. Gonfia, ho la sensazione che ci fosse serio diverbio, tra i fratellini. A DDV, Cesaretto non è mai piaciuto, mentre l'ex-CT era pappa e ciccia con ADV. Al momento del disimpegno di Diego (pro- Corvino, semmai), causa calciopoli, ADV decise, Prandelli ebbe carta quasibianca, Corvino cominciò il "solo contro tutti" ed in Fiorentina iniziarono i problemi. Almeno io la vedo così.
    In ogni caso DDV, quando deve, sa come e dove picchiare. Boxeur di classe, altro che.

    RispondiElimina
  113. Caro Jordan, c'è un solo modo per sapere se una squadra «vale» più dell'altra, come per gli eserciti: scontrarsi in campo aperto. Quindi l'agnosticismo in materia non è concesso e la Germania ne ha rifilate sette al Brasile, così mi risulta. E poi: chi ha mai detto che gli algerini sono dei beduini? Lo sono gli olandesi (e c'è più eccesso retorico nel considerare fuoriclasse Van Persie e Kuyt e nel salutare nell'Olanda i portatori del nuovo verbo perché ti hanno battuto l'odiata Spagna). E ci credo che con questi algerini ti fai la sudata! Deyna, adesso metti anche il «fuori forma» in conto alibi? Occorrerà un parere anche dei preparatori atletici per assegnare la Rimet o come diavolo la chiamate voi ragazzini adesso? Ozil non mi risulta in gran forma ma si può dire o siccome c'è stato Hitler per dodici anni da loro, nell'altro secolo, bisogna ometterlo? E Messi, ha sempre problemi di forma fisica quando deve provare di essere un grandissimo? Bisogna interrogarlo alla cattedra sempre e solo quando è «preparato»? Bisogna accettarle tutte, le giustificazioni dei genitori sul diario? Mi fate pensare, Deyna e Jordan, a Platini dopo la nostra vittoria nel 2006: «L'Italia non è più forte della Francia e non è la più forte al mondo, ha semplicemente vinto una serie di partite». E allora, caro semifrancese che si vergogna delle sue origini italiane, a che serve il Mondiale, perché lo organizzi e ci mangi dentro, se lo può vincere chiunque? Ma non può vincerlo chiunque, solo gli arbitri e i maneggi extra-campo possono far vincere chiunque. Dei Mondiali cui ho assistito furono viziati dai maneggi quello del '62 (Garrincha squalificato e poi riammesso alla finale), quello del '66 (errore arbitrale sul gol di Hurst), quello del '78 (miei colleghi colonnelli, Quiroga, Gonnella): non è molto, lo scandalo fu enorme essenzialmente nel '78 e sono cose che sanno anche i citti all'asilo. Gli altri Mondiali li ha vinti chi doveva. Ma argentini e brasiliani al frigno sono adusi e vivono nell'isola che non c'è.

    RispondiElimina
  114. stefano vienna10 luglio 2014 21:08

    Diego, un nome una garanzia.

    RispondiElimina
  115. Sì Ljuka, penso anch'io più o meno così. Diego si defilò dopo i noti fatti, lasciando la situazione in mano ad Andrea che, com'è noto, non appartiene alla categoria degli Zamparini, turbolento quanto vuoi ma che almeno un po' di calcio ci capisce, vedi esonero di Venezia. Andrea è stato in balìa di Prandelli, una su tutte il Terzo Tempo, roba che a ripensarci fa crepare dal ridere, a esse' boni!

    RispondiElimina
  116. Grande grande grande grande grande grande grande grande grande grande grande grande grande grande grande grande DIEGHISSIMO!!!!!!!

    RispondiElimina
  117. Non mi risulta di aver mai salutato nessuno come portatore di nessun verbo, ti devi sbagliare con qualcun'altro. Ma tra essere portatori di nuovo verbo e una banda di scarponi c'è una bella gamma di valori nel mezzo. Chi arriva alla semifinale di un mondiale e manca la finale ai rigori, dopo non aver perso nemmeno una partita definirli "beduini" e peggio mi sembra un po' fuori dal mondo. Se pensi poi che tra il calcio tedesco ed il calcio brasiliano ci siano sette gol di differenza anche qui sei fuori dal mondo. A formazioni complete e con un tecnico intelligente in panchina la rigioco quando ti pare senza esser sicuro di vincere ma nemmeno di perdere e, comunque certo di giocarla fino in fondo. Quella di martedì è stata una disfatta epocale ma più basata su errori tattici e fragilità psicologica che su differenza tecniche, almeno di quella entità. Io dico che la finale Germania-Argentina non è affatto scritta come pensi, niente di più, anche se riconosco ai tedeschi più compattezza di squadra, dei vantaggi atletici (un giorno di più di riposo, praticamente anche cinque e niente supplementari) e quindi un certo vantaggio nel pronostico. Però non esagerato, è tutta da giocare e chi ha avuto difficoltà con l'Algeria può benissimo perdere con l'Argentina se i Denyani avessero Eupalla un po' favente.

    RispondiElimina
  118. Su Raisport1 stanno tutti, tranne Brio chiaramente, tessendo le lodi di Prandelli. E lo conoscono solo per la Nazionale. Giudizi spassionati, ma coincidenti su tutto il fronte.

    RispondiElimina
  119. Diego Armando Della Valle

    RispondiElimina
  120. DDV dopo la risposta di Prandelli e la chiamata di piazza (che soprattutto lo fece incazzare) voleva buttarlo fuori a calci in culo. Furono ADV e gli altri a convincerlo a soprassedere per non creare turbative nella piazza, e allora DDV venne fuori con le sue "dimissioni" e fuori si chiamò. Ma che era la fine anche della storia Prandelli a Firenze, era ovvio, solo che fu una fine strascicata per mesi che provocò più danni della grandine, in campo e soprattutto fuori. I rapporti DDV-Prandelli si erano già incrinati da tempo, e gli orizzonti già stavano divergendo, ma la palla al balzo a DDV venne dalla telefonata del suo amico juventino che gli disse che il suo allenatore stava flirtando con Bettega, cioè con la controparte del telefonista. Il telefonista ebbe la meglio poi dentro la Juve. Per questo per Prandelli alla Juve ci fu porta chiusa, dopo, e non certo per i divieti di nessuno. A DDV un Prandelli alla Juve, a dispetto delle parole, avrebbe risolto un sacco di problemi con le moltitudini di adoratori che lasciò a Firenze. Lasciare sull'altare un traditore di quella fatta sarebbe stato troppo, almeno per tanti.

    RispondiElimina
  121. Colonnello, la condizione fisica non è un'opinione. Nel 2010 non ho giustificato Messi, che era reduce da un'ottima stagione e, mi sembra, scevra da infortuni. Semplicemente non fu all'altezza [o meglio, non fu all'altezza della sua fama e delle aspettative: partì anche giocando bene, ma senza segnare, poi prese a giocare male, continuando a non segnare]. Quest'anno è stato a lungo fermo, ripartendo con una serie di infortuni che sotto Guardiola lo avevan risparmiato [coincidenza? non credo...], tanto che avevo paura saltasse il Mondiale. E non solo io. Qui ha segnato quattro reti, ma non lo vedo il solito Messi, in particolare mi pare frenato nella sua classica azione in velocità, in verticale. Antognoni nel '78 giocò il Mondiale con la tarsalgia, non erano da giustificare le sue prestazioni negative, allora? Poi magari Messi ha completamente recuperato, e gioca semplicemente sotto al suo livello, ci sta di tutto, ma a me non dà l'impressione di essere al 100%. Nel '78 il Perù, già soddisfatto del passaggio del girone, dopo la sconfitta con la Polonia tirò i remi in barca, subì uno 0-3 col Brasile giocando molto passivamente, come con l'Argentina, avevan venduto anche quella partita? Semplicemente, una volta visto che non sarebbero andati in finale, mollarono gli ormeggi, con la differenza che dal Brasile presero 3 gol, dall'Argentina sei. Ho visto e rivisto quella partita, e se Quiroga si fosse venduto, avrebbe favorito qualche gol dell'Argentina, invece non risultano papere, anzi. Inoltre, se l'Argentina avesse organizzato la pappetta, avrebbe fatto le cose con più cura, e si sarebbe fermata al quarto o al quinto gol, sei danno più adito a sospetti...La finale poi me la sono consumata, tra vhs, dvd e video scaricato da emule: non c'è traccia di rigori inesistenti dati all'Argentina, né di rigori negati all'Olanda, né di fuorigioco dubbi, niente di niente. Ci fu gioco durissimo, potevano esserci espulsi, ma da ambedue le parti, tra entrate sulle gambe e gomitate. Anche le maglie argentine erano insanguinate...E la finale del '90, quando allo scadere alla Germania fu regalato un rigore inesistente?

    RispondiElimina
  122. Eh si, stagione travagliata, brutta di Messi...44 presenze, 41 gol....Fuori forma, si.....

    RispondiElimina
  123. Deyna, stai buono, la "marmelada di Perù" in Brasile se la ricordano ancora. Far giocare l'Argentina in fondo, quando il Brasile aveva già giocato e si poteva sapere quanti gol ci volevano, fu una manovra da "generali". Il fatto poi che a definire la classifica del girone e, quindi, l'accesso alla finale, fosse la differenza reti è altra decisione da manicomio. Se facevano semifinali e finali cosa ci rimettevano? Qulache rischio in più di non andarci?

    RispondiElimina
  124. Per il vetriolo, Diego Della Valle : Prandelli = Luttazzi : Berlusconi.

    RispondiElimina
  125. Luttazzi chi? Lelio? Della serie "Dio come ti amo"

    RispondiElimina
  126. Non ho detto che tra il calcio brasiliano e quello tedesco ci sono sette gol, questo è un ammennicolo dialettico che lascia il tempo che trova, ho detto che ne hanno buscate sette, il che è realtà non valori aggiustati secondo i desideri: sette tra l'altro confessando oggi di essersi fermati all'intervallo sennò erano di più. E quando ne buschi sette non è come quando ne buschi due. Il tecnico era quello che era fin dall'inizio del torneo, con quello dovevi/dovevate fare i conti e i pronostici e per il resto esibisci il patrimonio dei poveri, quello dei «se» e dei «ma», la Beresina è la realtà, il resto è il «Se fossi se fossi se fossi» dello Zecchino d'Oro. Se la finale con l'Argentina è tutta da giocare lo vedremo fra due giorni, poi ci sarà tutto il tempo per nuovi alibi.

    RispondiElimina
  127. La condizione di Messi, oggi, con quella di Antonio nel '78 non è minimamente comparabile. Nella finale Gonnella lasciò fare di tutto agli argentini e segnatamente a Passarella, una sega «da ambedue le parti»! Lo scadere non è l'83° di una partita, Deyna e quel rigore c'era. Il fatto è che ce n'era anche prima uno su un argentino che non ricordo e l'arbitro non lo aveva fischiato. Non ha lo stesso peso comunque che il gol di Hurst nei supplementari, non quello della possibile assenza di Garrincha, che senza Pelè era metà Brasile, alla finale del '62, non quello del Mondiale di Stato argentino, anche perché non c'era interesse di favorire piuttosto la Germania che l'Argentina, allora potentissima, col vicepresidente, in seno alla Fifa. E bada, che non nego che l'Argentina avrebbe meritato di vincere, sulla carta, per somma di figurine, altri Mondiali. Ma occorre vincere, per poter dire di aver vinto. Sennò, si ritonfa nella logica-Platini, che poi è quella argentino-brasiliana di sempre. Siamo e' mejo! Beh, provatelo... Ma mi faceva male il gomito, non potevo menare come so! Ti faceva male il gomito? Troppe seghe, allora!

    RispondiElimina
  128. Il calendario credo lo abbia organizzato e disposto la FIFA, non Videla e Massera...Il fatto poi che a definire la classifica del girone e, quindi, l'accesso alla finale, fosse la differenza reti è altra decisione da manicomio, può darsi, ma il sistema che ha mandato in semifinale l'italia nell'82 nel gironcino con Argentina e Brasile non era molto diverso concettualmente. E comunque era la stessa identica formula del '74, ma di quella nessuno ha detto nulla.

    RispondiElimina
  129. Appunti sparsi. La forza mentale ed il carattere del Brasile, di questo Brasile, era di pasta frolla, e fortuna che avevano la psicologa, chissà senza.......ma quando parte la testa si pare dei brocchi senza speranza e gli altri fenomeni imbattibili. Che la Germania partisse con i favori del pronostico era lapalissiano, anche dopo aver spuntato il Brasile degli unici due giocatori in grado di fare la differenza. A mio parere sarebbe passata lo stesso la Germania, perché più squadra, ed avveduta tatticamente, cosa che Scolari non è mai stato a differenza i Loew, innovatore, non certo da questo mondiale. Se poi, alla presunzione dell'allenatore, si aggiunge un paese e un stampa che già parlavano di finale si capisce perché, in casa, il Brasile non vincerà mai un mondiale, che sia maracanazo o mineirazo ne vivranno altre di simili storture, in casa. La Germania è all'ottava finale, dopo quattro semifinali consecutive nel mondiale, straparlano di sistemi da copiare, da emulare nella filosofia e nell'attitudine ma i tedeschi sono così storicamente, ogni 3 per 2 arrivano in fondo, o quasi, a loro le generazioni durano per 2-3 mondiali alla volta, sono unici. L'Olanda è partita forte ma si è spenta come un cerino nel proseguo, simpatia Robben è andato scemando di carburante (partenza troppo forte, i soliti presuntuosi), così ne ha risentito tutta la squadra che ritiene un De Jong fondamentale (immaginate un po'..........) ieri sera la più brutta partita del mondiale, Ecuador-Honduras ha regalato più emozioni, e non aggiungo altro; l'Argentina è partita piano, e prosegue piano, Messi continua a incidere poco in nazionale, molto meno dei palloni d'oro e dei trofei vinti nel club, inutile sostenere il contrario, anche ieri sera non pervenuto, e non è certo la prima volta quando deve difendere i colori del suo paese, magari disputerà una finale alla Messi ma non risulterà, anche per questa edizione, il giocatore che tutti aspettano e credono, soprattutto in patria. Brutta l'albiceleste, poche partite degne di essere ricordate, men che mai quella di ieri sera dove il portiere della Samp, di cui nessuno ha ricordanze spettacolari in campionato, è risultato di gran lunga il migliore. Apriti cielo, hanno giocato schifosamente male entrambe,sarebbe stato meglio, per il calcio, che fossero uscite entrambe e ripescare un Belgio o un Costarica per i valori espressi. In finale sarà tutta un'altra musica, argentini che potranno dare il massimo avendo speso il minimo finora, e tedeschi che già sanno che non ci sarà un altro Brasile, troppo più accorti e scafati quest'altri sudamericani ma partono ugualmente con i favori del pronostico. Avremo un finalina di presuntuosi da una parte e una finale con due squadre che vantano un fuoriclasse autentico ciascuna, una ha pure qualche campione in più, l'altra gioca a latitudini più consuete e conosciute ma di solito organizzazione e testa alla fine emergono ed per questo che vedo favoriti i panzer che giocheranno da squadra contro una che dovrà contare su qualche virtuosismo dei singoli.

    RispondiElimina
  130. Ma nell'82 l'Italia cos'altro doveva fare ?! Giocato male il girone ma poi, Argentina, Brasile, Polonia e Germania per laurearsi campione, a me pare basti, ad averne di quegli "uomini".

    RispondiElimina
  131. Lasciando pure stare il rigore per l'Argentina, Klinsmann si buttò alla grande, altrochè! Nel '78 Passarella piazzò una gomitata in faccia a Neeskens, ma altrettanto duri furono gli olandesi anche in precedenza, Tarantini e Luque avevano la maglia insanguinata per delle botte in faccia. Soprattutto gli olandesi entrarono male sulle gambe, in scivolata. Doveva finire 9 contro 9, o giù di lì, ma non ci furono favori all'Argentina.

    RispondiElimina
  132. Mica dico il contrario, parlavo della formula...Quello è stato l'unico Mondiale veramente vinto, regolarmente, dall'italia. Sorvolo anche sulle mancate espulsioni di Gentile quando marcava Maradona e Zico [anzi, col Brasile non avrebbe nemmeno dovuto esserci, dopo esser stato espulso con l'Argentina e squalificato], perché complessivamente se lo meritò...

    RispondiElimina
  133. Nel 2006 non ha rubato niente, di certo non è stato un mondiale tecnicamente eccelso ma è stata senza dubbio la migliore, battuti i padroni di casa e una gran Francia in finale, nel '34 e '38 non mi pare ci siano stati biscotti ma non ero nato io e nemmeno tu, ma se vogliamo metterla su questo piano l'Italia ha vinto 3 mondiali con merito "onestamente" l'argentina mezzo a meno che non siano validi i goal di mano.........ometto il '78, burla mondiale, soprattutto la finale.

    RispondiElimina
  134. Semmai Voeller..........

    RispondiElimina
  135. E furono gli argentini a finire con le mani insanguinate, dalle manate rifilate......siamo seri, riguardati pure la premiazione. Sangue anche fuori dal campo, chiamarlo mondiale ce ne vuole.........

    RispondiElimina
  136. Fuori dal campo è un altro discorso, che riguarda anche l'italia del '34. Che però corruppe e minacciò, ecc ecc, ma ben si sa. In campo, nel '78, la partita fu epica e violenta, ma picchiavano come fabbri anche gli olandesi, se ti va riveditela.

    RispondiElimina
  137. Ops, Voeller, sì. Klinsmann era un Robben ante-litteram, sempre per le terre, per questo mi son confuso.

    RispondiElimina
  138. Fatto! E da tempo......non è certo un mondiale vinto "onestamente", se l'Italia è a 3 onesti aspettiamo il primo dell'argentina, magari questo è quello giusto.

    RispondiElimina
  139. Quanto alle dichiarazioni di DDV, Prandelli ha detto parecchie cazzate ultimamente, non mi aspettavo ne aggiungesse altre anche il patron. Due caratterini ugualmente spigolosi, permalosi e un tantinello orgogliosi, mi meraviglia siano andati a braccetto d'accordo per tre anni e mezzo, peccato per quello e mezzo di convivenza forzata, potevano risparmiarselo.

    RispondiElimina
  140. Diegone ha coventrizzato il Giubba e su cloaca un plotone di fedelissimi dell'ex Santo trasmigrato tra gli infedeli è subito andato in suo soccorso con supremo sprezzo del ridicolo. Segnalo, tra gli altri, la provolaccia parmigiana, subito in prima linea quando c'è da sputare veleno sulla Fiorentina.
    Passando ad altri argomenti, mi schierò con Deyna per la prossima finale di domenica. Per me l'Argentina ha buone probabilità di vincere. In partite come quelle è buona norma cancellar tutto quello che è accaduto prima. I tedeschi potrebbero farsi ingannare dal risultato incredibile di una partita assolutamente irripetibile sotto ogni aspetto. Gli argentini sono tignosi come pochi, sanno difendersi, hanno esperienza e un attacco che se dovesse trovare la giornata giusta farebbe a pezzi qualsiasi avversario. Per me le possibilità stanno 55 a 45 per la Germania. Non di più.

    RispondiElimina
  141. Veramente a Barry Bonds la scommessa persa e mai pagata gliela rinfaccio io. Poi darmi del Barry Bonds è quasi da interruzione immediata dei rapporti se non sapessi che scherzi. No le scommesse in genere non le faccio neanch'io ma questa era una chiara provocazione alla tua smaccata scorticatura di palle.

    RispondiElimina
  142. Ricordavo del povero Colonnello vilipeso perché non accettò una scommessa...Non è scorticatura di palle, ahimè, solo triste realismo...

    RispondiElimina
  143. I servi del calciomercato "Il Milan avrà giocatori di esperienza, come la Juve, giocatori di 31 o 32, di grandi prospettive...". Boh.....

    RispondiElimina
  144. Un persona seria che fa quel mestiere quando non esistono più le condizioni per farlo come vorrebbe, toglie il disturbo e non sta a fare il trullallà, a cercare altre sponde, a prepararsi il futuro trascurando il presente. Io parlo di una persona seria, che poi lo facciano in tanti o in pochi dipende dal numero i persone serie che ci sono nell'ambiente. Proabilmente poche. Ma lui lo ritenevate un santo, almeno una persona seria poteva dimostrarsi, senza far miracoli. Che poi non è una persona seria lo ha ridimostrato adesso, dopo aver miseramente fallito tutto, se ne va sbattendo la porta invece di chiedere scusa e fare autocritica. Se ne va offeso? Ma di che? Che vada in Turchia e ci rimanga finchè ce lo tengono, poi i soldi li potrà guadagnare anche negli Emirati. Tanto quello gli interessa all'ex-santo. Però la smetta di parlare di noi e dei nostri giocatori, pensi ai turchi e non ci rompa più le palle.

    RispondiElimina
  145. E dai! Io invece sono sulla linea di McGuire, domenica si vede.

    RispondiElimina
  146. Pubblicheranno questa sul sitone?
    Diego della Valle é stato a contare i trofei, che se non sbaglio sono gli stessi di Prandelli, NUVOLAVIOLA. A me sembra che Diego Della Valle abbia espresso concetti oggettivi, mica castronerie. I dati di fatto dicono (e io lo scrivo da anni) che tutti attendiamo :1)spiegazioni da Cesare Prandelli sui suoi contatti (all'epoca) con la Juventus (é come in giurisprudenza: Faccio affermazione, dimostra il contrario, quindi "Prandelli pizzicato con Bettega e trattativa avviata, dimostri il contrario". Ancora attendiamo), 2) spiegazione da Montolivo sullo sgarbo ricevuto (fascia da capitano l'aveva, proposta di 5 anni con 2 milioni +bonus ogni anno, fulcro della squadra...più di questo!), 3) Spiegazione di Cesare perché decise di depauperare il capitale della Fiorentina svendendo gente poi chiamata in Nazionale (Osvaldo, Balzaretti, Maggio...), 4) Spiegazione di cosa sia successo nello spogliatoio della Nazionale (dove quindi il concetto di "squadra" era finto, come lui), 5) Spiegazione dei criteri di applicazione del codice etico (rigirato contro se stesso), 6) Perché se aveva già detto due volte a Pepito Rossi che non sarebbe andato al Mondiale lo ha convocato contro l'Irlanda, rischiandone l'incolumitá?, 7) Perché solo un centravanti al Mondiale (Immobile)? 8) Perché cambiare modulo al Mondiale, dopo aver giocato in un certo modo per 3 anni? 9) É normale cambiare 4 moduli durante un match? 10) Non si sente umiliato, Cesare, anche da Scolari, prono davanti la stampa? 11) bizzarro dimissioni e firma turca dopo pochissimi giorni, o é normale? 12) non si é sentito delegittimato da Scommetti-Buffon e Te Faccio Male- De Rossi? 13) con una delle più forti squadre allenate -Fiorentina del 3o posto- non é sembrato, a Cesare, di soffrire un po' troppo andando a prendere i punti decisivi a Torino (rovesciata di Osvaldo) all'ultima giornata? 14) Cacia, Dainelli affermano che Cesare neanche parla con alcuni giocatori ma si affida ai collaboratori per le comunicazioni, é questa la sua professionalità e umanità? 15)Quando pensa di vincere qualcosa? Quest'anno con la squadra più forte e ricca della Turchia? Se fallirà la colpa di chi sarà? Dei turchi che fumano troppo? O delle turche troppo piccole per contenere stupidaggini? 16) riuscirà a miscelare dottrina da santo con integralismo islamico? 17) Quando pensa di restituire le chiavi della città? Non é che dopo aver rubato un sogno e la dignità, fa man bassa in città di creduloni?

    RispondiElimina