.

.

sabato 5 luglio 2014

Tra Khedira e kebab

Più che dell'uscita di Francia, Colombia e Neymar dal Mondiale, all'amico del blog-matrioska servono dati più precisi per fare analisi comparate, per dimostrare quanto sia ben allocato il suo blog all'interno di un altro, che non si tratta d'incesto insomma, e quello che posso fare è di mettergli a disposizione informazioni anche molto private in modo che elabori statistiche pertinenti e strutturi analisi dettagliate, per esempio sul fatto che ho dimensioni intime irrilevanti, la cui tenuta oltretutto è come quella della Porsche di Lentini con il ruotino. Su questo mio outing genitale potrà scrivere editoriali memorabili. Per il resto la storia di Prandelli al Galatasaray ha dell’inverosimile, non ci vuole il fosforo svizzero per capire che c’è qualche anomalia sui tempi del passaggio dell’etico sul Bosforo. Oppure il fosforo manca a chi pensa che qualcuno si possa bere la storia della trattativa lampo, perché è una storia che non sa di caviale ma di uova di lompo. Se solo si pensa che Mancini ottiene la risoluzione consensuale del contratto all’inizio di giugno, è facile da capire che una squadra giallorossa come il Galatasaray non possa stare alla finestra ad aspettare che Prandelli si cambi la giubba, avrebbero potuto ingaggiare subito Arturo Brachetti, perché anche se non è più veloce di lui nei travestimenti era almeno più libero. E in questa vicenda che getta ombre di etica sul comportamento di Cesare, lunghe come quelle dei nostri amati cipressi, il mio pensiero va a quei tifosi Viola prima soli, poi soli con lui, ed oggi con la speranza di ritornare soli come prima di conoscerlo. Capisco benissimo che una volta tolta la testa da sotto la sabbia, non si sentiranno solo meno struzzi, ma sentiranno di avere la morte nel cuore, perché la vera, devastante solitudine del tifoso prandelliano non è quella di chi è solo da solo con se stesso, ma di chi è in due dove per secondo s’intende Prandelli, che dispera di poter essere di nuovo solo da solo. Sulla scelta invece di andare in Turchia, a parte il lato economico, Cesare dimostra l’incapacità di lasciar sedimentare il fallimento del mondiale, probabilmente per cercare di cancellarlo il prima possibile. Ho i miei dubbi che ci riesca, mi è sembrato un uomo che viene svegliato in piena notte da un incubo, si accende la prima sigaretta perché non riesce più ad addormentarsi pensando a Balotelli, e allora comincia a riempire l’innaffiatoio al lento pisciare del rubinetto del bagno di sotto dove la pressione è ancora più bassa della sua. E va avanti e indietro dieci volte dai gerani sul balcone, ai gelsomini profumati, alle rose nella vasca tonda di terracotta, all’uva fragola, al pungitopo e all’albero delle farfalle. Poi dopo un’ora di zelo scacciapensieri guarda soddisfatto il suo operato prima di rientrare, e sente un rumore strano alle sue spalle, questa volta non è Bettega, si gira a bocca aperta e in quell’istante è cominciato a piovere.

PS: Parto. Al mare non leggo, però mi piace guardare chi lo fa.

145 commenti:

  1. colonel.blimp5 luglio 2014 10:32

    Pollock e Ljuka (ultimo post sotto l'editoriale di ieri) magistrali. Ma, Ljuka, [ri]aggiungerei che fra i torti di Pekerman ci sono anche Jackson in pnchina e Gutierrez in campo, sostituito il quale il Brasile è andato in confusione, in tremarella, in bollitura. Ribadisco con forza che adottare la politica falso-equanime del «nessun giallo» (e il primo non è stato per Thiago Silva, peraltro meritato, perché va a caricare il portiere grossolonamente e intuilmente, per poi scaraventare in rete a gioco fermo per perder tempo: il primo è per il corretto, lordesco Jimmy) significa favorire i difendenti e Marcelo, con falli tatitici sistematici su Cuadrado (finché questi si è spento) ne ha ad esempio approfittato a dovere, Fernandinho poi non vi dico. E' stato un arbitraggio scientifico, juventino. Se «lasci giocare» in quel modo, poi non c'è da meravigliarsi se si trascende. Insomma, il Brasile non poteva volere la botte piena e la moglie ubriaca e non le ha avute: solo una delle due.

    RispondiElimina
  2. Pekerman ha sbagliato a far giocare Guarin e Ibarbo, probabilmente in allenamento ha avuto indicazioni promettenti poi smentite sul campo, anche se a un occhio esterno il fallimento era prevedibile. Teo Gutierrez fin lì era stato più utile al gioco di squadra rispetto a Martinez, è solo incappato in una serata no, peraltro mal servito dai compagni. Ma la causa vera della sconfitta è stata l'inesperienza dei colombiani-chiave, è stato palese fin dall'inizio che sono scesi in campo con la tremarella, regalando più di un tempo al Brasile. Cuadrado purtroppo [per il nostro mercato, anche] ha rivelato i suoi limiti in diretta mondiale: se deve ragionare ed ha più soluzioni sfruttabili si incarta spesso, se viene bloccato nelle prime due giocate non ne azzecca più una, e si incaponisce a partire in dribbling, perdendo palla regolarmente. Aveva anche regalato una palla ad Hulk in area, che poteva costare cara. Insomma, ottimo giocatore, non certo fuoriclasse. Quanto ai falli, non condivido le raccomandazioni FIFA [se esistono, come parrebbe, non ho letto] di non ammonire entro la prima mezz'ora, ma non c'è stato certo nessun favoritismo verso il Brasile: Neymar è stato tartassato come James Rodriguez, Thiago Silva ammonito giustamente ma un arbitro casalingo avrebbe potuto tranquillamente sorvolare.Purtroppo temo che il Mondiale del Brasile sia finito, perché affrontare la Germania senza Neymar e Thiago Silva è impresa omerica. Non vedrò la tanto attesa e desiata finale Brasile-Argentina, andranno avanti purtroppo crucchi e belgi.

    RispondiElimina
  3. Interesse della Fiorentina per Vietto: magari. Tra gli attaccanti, lui e Mendez sono i talenti under 21 più fulgidi di tutto il Sudamerica, quindi del mondo.

    RispondiElimina
  4. colonel.blimp5 luglio 2014 11:04

    No, Deyna, Jimmy è stato costantemente tartassato con falli da dietro (bestiale fra tutti, quello a cinque dal termine), che il Brasile ha usato in generale insieme ai tattici senza nulla temere, grazie alla «falsa equanimità». Neymar ha ricevuto come fallaccio solo quello finale. Ribadisco: il «laissez faire, laissez passer!» arbitrale va sempre, scientificamente, a favore del difendente e della squadra di casa. La nemesi del calcio si è abbattuta su una squadra sempre stata di merda in questo mondiale con l'eccezione di ieri fino al 2 a 0 e solo grazie a Pekerman. Quel che scrivi su Cuadrado, Deyna, è completamente avulso dalla realtà (a.e. «se viene bloccato nelle prime due giocate non ne azzecca più una, e si incaponisce a partire in dribbling, perdendo palla regolarmente»: oltre tutto, aveva cominciato bene, si è bloccato dopo lo strano errore altruistico e certo non egoistico, dopo gran giocata di Jimmy; oltre tutto bis, contro la Juve in casa aveva sfavato il primo tempo, salvo diventare un demonio nel secondo) e solo inteso a salvare un partito preso, una sentenza erronea a suo tempo recitata.

    RispondiElimina
  5. Il colonnello va avanti a postulati. Ora c'è che il Brasile è aiutato dagli arbitri, il che potrà avere anche del vero in futuro, ma, finora, a parte un rigore regalato a Fred, non ha avuto grossi riscontri. Ieri l'arbitro non ammoniva perchè arbitrava male, ma non perchè favoriva questo o quello. Thiago Silva poteva anche essere ammonito a termini di regolamento ma chi ha il compito di aiutarti non lo fa. Non ha caricato un bel niente ha solo tolto la palla di mano al portiere, abbastanza improvvido al rinvio. Il fallo di Zuniga è l'unico da rosso diretto che ho visto nella partita e non è stato sanzionato nemmeno col giallo e Zuniga non è brasiliano. Cuadrado ieri ha giocato decisamente male, che sappia fare molto di più è indubbio ma le occasioni di farlo a questi livelli non sono state molte sì che il dubbio che, a questi livelli, sia capace di fare quello cui ci ha abituati può esistere e chi paga 50 milioni non può avere dubbi. Speriamo.

    RispondiElimina
  6. Da dietro o da davanti, la Colombia - contronatura - è stata costretta spesso nella sua metà campo, così da dover commettere diversi falli, soprattutto su Neymar. Vero anche che i brasiliani fermavano con falli più o meno tattici le ripartenze. Ma mai nulla di cattivo, solo un intervento pesante su Rodriguez [quello che citi, penso], ma non da far danni. L'unico è stato quello di Zuniga, che penso si sia giocato la possibilità di far vacanze in Brasile per il resto della vita. A Cuadrado mi sembra succeda spesso questo, quando non parte ispirato...Poi nel campionato italiano è più facile che si riscatti parzialmente. Io ieri non l'ho visto nemmeno partire bene, però. Comunque i fatti parlano chiaro, in questo Mondiale la Colombia ha affrontato squadre mediocri come Grecia, Costa d'Avorio e Giappone, più un Uruguay ormai decaduto. Alla prima partita di alto livello, sia Cuadrado che la squadra sono stati fortemente ridimensionati, così che c'è da chiedersi quanto oro fosse a brillare. Rodriguez secondo me ieri ha confermato la sua dimensione, pur non giocando ai livelli precedenti, perché la sua prestazione è stata più danneggiata dai problemi di squadra, dal contesto, che da responsabilità personali. Cuadrado invece ha proprio steccato, e clamorosamente, finendo anche sostituito. Un po' poco per uno che chiamano con pretese ronaldiane [altro ridimensionato dal Mondiale] JC11...Poi intendiamoci, per la Fiorentina e per il campionato italiano continua a restare un lusso.

    RispondiElimina
  7. Un rigore generoso alla prima mi sembra sia un po' pochino per gridare al Brasile favorito dagli arbitri, giochino di moda ovunque oggi. Ora comunque gran parte del peso si carica sulle spalle di Oscar, spalle che mi sembrano un po' leggerine. Le alternative in panchina [Willian, Bernard...] non mi convincono, Lucas e Coutinho come fantasisti mi parevano migliori, ma li han lasciati a casa.

    RispondiElimina
  8. Sopravvissuto5 luglio 2014 11:48

    Parallele senza Bosfosforo, cfr. Prandelli per la stampa (1), Prandelli con il suo staff (2):

    1. Prandelli va al Galatasaray "Rimettersi in gioco è salutare e giusto, accettando serenamente le critiche".

    2. "Guadagnerò più del doppio che in Federazione, e anche voi di conseguenza; eviteremo inoltre insulti per strada durante la stagione".

    RispondiElimina
  9. Non mi è sembrato che l'arbitro abbia favorito questo o quello ieri sera. Ha arbitrato male, questo è sicuro. Il Brasile mi pare abbia vinto con merito, al di là delle solite cappellate del suo allenatore. Ma Pekermann mi sembra che nell'occasione abbia fatto di peggio. Quanto a Cuadrado, sicuramente quella di ieri sera non è stata certamente la sua miglior partita, ma di lî a sentenziare la sua presunta inadeguatezza a certI livelli, mi sembra un'affermazione assai azzardata. Ieri sera tutta la Colombia, Rodriguez a parte, è stata inferiore alle attese. Ma a sua giustificazione c'è il fatto di aver giocato la partita piû importante della sua storia sul campo dei padroni di casa. È il Brasile, anche in versione per così dire ridotta, è sempre una brutta bestia da affrontare in casa propria e per di più in un mondiale. Anche la magna Germania se ne accorgerà presto.

    RispondiElimina
  10. Sopravvissuto5 luglio 2014 12:02

    Io l'ho scritto dopo il primo tempo (cf."arbitraggio impercettibilemente pro Brasile") e siccome sappiamo cosa significa quell'impercettibilmente (specialmente a Firenze) non credo che il fronte Europeo del Sitollock (COLONNELLO ed io) ci siamo rincoglioniti; ragazzuoli, al Brasile é stato permesso di mettere in campo il suo furore agonistico- che a tratti sfociava in palla o piede ed era "piede", mentre regolarmente il contatto dei colombiani era sanzionato. Basterebbe riguardarsi gli interventi a centrocampo dei brasiliani (decisi...duri?) e l'uso delle braccia e delle mani dei centrali brasiliani. Vogliamo dire che Cuadrado non ha subito 11 falli, dei quali 2 erano da giallo- palesemente da dietro, con palla in movimento? Vogliamo dire che J.Martinez non ha avuto 2 entrate che se preso bene esce dal campo? Si chiamano intimidazioni, territorial-pissing-for-referee. Poi sono d'accordo che il primo tempo il Brasile ha meritato ma rimane un dilemma: l'ha vinta Scolari o l'ha persa Pekerman? Io propendo per una mia vecchia tesi: se si gioca a calcio, senza calci, vince il migliore. Neymarketing, alla fine, paga per tutti il lassismo dell'arbitro, gli interventi non sanzionati prima (2 nel primo tempo erano già da giallo). Non fischia uno, non fischia due, non ammonisce uno..due...tre...quattro...e -come succede- qualcuno alla fine si fa male!Eppoi, scusate: 2 calci d'angolo regalati, uno con palla toccata da un brasiliano (il Cafetero tocca quando già uscita la sfera), uno palesemente dubbioso...nell'era delle telecamere anche nel water.

    RispondiElimina
  11. Io non ho detto che Cuadrado è inadeguato, dico che a certi livelli è un giocatore molto buono, che può fare bene come molto male, se non è in giornata. A livelli più bassi può fare la differenza anche se non è ispirato, con un paio di giocate, in partite come quella di ieri è più difficile. Questo vale anche per altri, claro, ma in particolare per lui, che è un istintivo molto naif, tatticamente elementare. James Rodriguez, ad esempio, oltre ad avere molta più classe, ha un'intelligenza calcistica einsteiniana, a confronto. Insomma, se si parla di Cuadrado come di un ottimo giocatore mi sta benissimo, perché lo è, se lo si dipinge come un fuoriclasse non sono d'accordo. Su Brasile-Germania non sono così ottimista, senza Neymar e Thiago Silva non vedo come possa farcela la Selecao. Non che la Germania sia una grande squadra, ma è molto solida...

    RispondiElimina
  12. Fantastica però un'astuzia di David Luiz, che ho colto solo al replay: salta assieme a un avversario, in aria lo spinge [non ricordo se col gomito, con un'ancata, o cosa] via da se', per afferrargli sùbito dopo il braccio in volo, e cadere a terra fingendo di aver subìto una trattenuta. Geniale!

    RispondiElimina
  13. Mah, poteva abbracciarlo, ostacolarlo in altro modo, ma entrare da dietro con il ginocchio sulla colonna vertebrale non può essere catalogato come classico fallo tattico, se tattico può essere anche classico nello stesso momento. Poi è chiaro, il ginocchio di uno di 80Kg e passa, in movimento, contro lo scheletro di uno che ne pesa 60 ha prodotto il danno che sappiamo. P.s.: la disposizione FIFA di non ammonire per i primi 30 min. salvo casi eclatanti l'ha resa nota il telecronista RAI quando anch'egli, probabilmente, si è reso conto che la partita stava prendendo una certa piega.

    RispondiElimina
  14. Sopravvissuto5 luglio 2014 12:54

    Vi raccomando il gol annullato a Yepes.....dubbio, dubbio e a parti invertite non so cosa avrebbe deciso l'arbitro.

    RispondiElimina
  15. Non l'ho più rivisto, ma al primo replay mi pareva fuorigioco netto, tra le altre cose...Comunque non è gol annullato, aveva fischiato prima.

    RispondiElimina
  16. Quando si dice: "Meglio prevenire che....."

    RispondiElimina
  17. Questione Prandelli-Galatasaray: come fara' Cesare con la Benini?

    RispondiElimina
  18. Se la porterà dietro, il posto è bello, cazzo c'ha da fare qui, tanto?

    RispondiElimina
  19. Pare che Sabella intenda schierare Basanta a sinistra, stasera. Ora, spero intenda il terzo di sinistra in una difesa a tre, e non sulla fascia in una difesa a quattro, altrimenti è un massacro annunciato.

    RispondiElimina
  20. Zuniga ha fatto un fallo inutile e il salto non era giustificato,visto che non si contendevano un pallone di testa. Mi è sembrato un intervento intimidatorio e dato dalla frustrazione.
    Non sono d'accordo su Pekermann, perlomeno sulla formazione iniziale, che è stata quella delle due partite iniziali, Ibarbo compreso. Penso che l'errore sia stato quello della prima sostituzione, quella di Ramos, giocatore da spazi larghi, mentre serviva un attaccante in grado di dare profondità e fisico contro una difesa, ieri sera, concentratissima e fisicamente prevaricante.
    Su Cuadrado la penso per certi versi come Deyna. In una posizione in cui gode di troppa libertà tattica si perde, sbagliando spesso l'opzione della giocata. In quel caso rimane un ottimo giocatore che però può essere più facilmente neutralizzato. È lo stesso problema che si è presentato nelle ultime partite della Viola, quando schierato da trequartista esterno, soffriva le difese organizzate e chiuse. Lui ha due formidabili armi, la corsa ed il dribbling in velocità, armi che diventano decisive prima, quando, cioè, ancora non ha il pallone tra i piedi e più essere servito lanciato. Partendo col pallone tra i piedi diventa marcabile.
    Io lo vedo terzino perché con tre, quattro sovrapposizioni può dare una superiorità, tecnica e numerica, decisiva in ogni partita.
    James Rodriguez, ieri, ha sbagliato molto, soprattutto in rifinitura, ma è sempre riuscito a crearsi lo spazio per la giocata. Qui mi sembra veramente Zidane. È un animale unico nel panorama mondiale, perché di 10 reali non ce ne sono più. Messi è un attaccante come Neymar, mentre James è un trequartista vero.

    RispondiElimina
  21. Concordo, ma continuo a vederlo sfruttato al massimo davanti a una linea a tre, sulla fascia. Gli spazi sarebbero più o meno quelli, anzi non avrebbe un attaccante esterno davanti a indurlo in confusione [avrebbe fatto impazzire Prandelli ai tempi dei due scambi elementari Comotto/De Silvestri-Marchionni...] quando avanza, e potrebbe difendere con meno patemi. A marcare un minimo hanno imparato pure Maicon e Dani Alves, ma sono più robusti, ognuno a suo modo...Cuadrado regge botta, continuativamente? Rodriguez è veramente una delizia a vedersi, a me ricorda vagamente Pablo Aimar, ma con altro spessore e continuità...

    RispondiElimina
  22. comunque questa è l'ultima delle preoccupazioni della mia vita.

    RispondiElimina
  23. Credo anche della Benini.

    RispondiElimina
  24. http://www.fiorentina.it/it/news/articolo.37.13621/prandelli-il-mistero-dellesilio-lunedi-il-primo-allenamento-con-il-galatasaray.html



    Piuttosto brusco, Bruschi.

    RispondiElimina
  25. Io cerco di "universalizzare" il suo ruolo. In un centrocampo a cinque è grande, ma non può essere legato solo ad un modulo. Cambiando sistema, cioè in ogni altro tipo di schema, lo vedo più in grado di far male nel ruolo di terzino. Come una sorta di Robero Carlos di destra, paragone che ho già fatto. Il brasiliano è stato il più forte della sua era non certo per la fase difensiva. Pensa, ad esempio, a tutte le sovrapposizioni fatte quest'anno da Tomovic, pensa a come si sono chiuse e immaginatele fatte da Cuadrado.
    Rodriguez mi sembra più piazzato di Aimar, meno rapido ma più cosciente dello spazio che gli serve per incidere. Ogni stop, ogni sua giocata è mirata a crearsi quella sacca di campo in cui può alzare la testa per decidere la giocata. Un'attitudine che mi faceva sbavare per Zidane e , in maniera minore, per Totti.
    Se devo fare, invece, un paragone sul gesto tecnico, io ci ho rivisto il miglior Roberto Mancini.

    RispondiElimina
  26. Per me è un esterno di centrocampo ideale per il 3-5-2

    RispondiElimina
  27. Mi unisco al fronte europeo, sull'arbitraggio, non foss'altro perché, da viola, cose del genere siamo abituati a notarle e perché i vari commentatori italici (pavidi discorsomani), invariabilmente si lanciano all'automatico incensamento del probabile vincitore, a prescindere. Decisioni cervellotiche a parte (se è vero che nei primi trenta minuti non si ammonisce, e se il messaggio passa, servirà aumentare il numero di cambi: si vedranno belle cosucce, in futuro), una certa tendenza al fallo scientificamente studiato c'era nel Brasile di ieri; così come c'è era una certa benevolenza arbitrale, nei confronti dei gialloro. E' stato subito chiaro come il fabbro con la F. ed il ricciolone con la M., avessero avuto precise istruzioni: -Spaventateli e fateli infuriare, quei due. Se funziona, ci risparmiamo un mucchio di problemi. Ed ha funzionato, soprattutto con Cuadrado. James, più giocatore (almeno da questo punto di vista), è riuscito a farseli scivolare via meglio, i pedatoni.
    Cuadrado invece, era sull'orlo di una crisi di nervi, Ed un istintivo come lui,
    se non è "felice", rende meno della metà. Qui ha ragione Deyna: deve
    ancora farne, di chilometri, per arrivare ad uno standard "Messitipo"
    (anche se Messi è più tutelato, in genere: pedatoni a go-go, ma fioccano anche gialli e rossi).
    Sul gol: ho i miei bravi dubbi. Vero è che l'arbitro aveva fischiato molto prima, ma nessuno dei 22, in piena trance agonistica, ha sentito. I difensori in giallobianco, in particolare, hanno fatto esattamente quello che avrebbero fatto senza interruzione. Permettetemi quindi di ragionare come se il fischio fosse stato a fine azione ed il gol fosse stato, effettivamente, annullato. Sul lancio, due rossi sono in offside, ma non sono sicuro che la palla sia diretta a loro: infatti ci sono almeno un paio di calciatori colombiani che "entrano" da dietro. Se si fischiassero fuorigioco simili, in Italia, la juve (e non solo la juve) avrebbe, d'acchito, 20 gol in meno. Resta il fatto che David Luiz la colpisce (maluccio), la palla. Ed io mi chiedo: - Perché mai, se Zapata e Yepes hanno appena saltato senza nemmeno andarci vicino a prenderla, la palla?. La mia interpretazione è che fosse preoccupato di quello che vedeva, o meglio di "chi" vedeva arrivare. Il fatto che sia lui a rimettere in gioco Yepes, non è superfluo. Conclusione: si poteva annullare, ma anche no. Ergo: a maglie invertite, chissà che sarebbe successo. Sopra for president! (è un periodo così, sono sempre d'accordo con te. Però non ti abituare).
    Fallo di Zuniga: premetto che, in principio, ero allineato e coperto con Jordan. Stamattina, poi, ho rivisto la partita e qualche dubbio mi è venuto. Cercando su internet (sito gazzetta, per esempio), mi sono fatto l'idea che Zuniga sia stato meno macellaio di quello che pensavo: intervento da giallo, per me, non da rosso. Altra considerazione: siamo davvero sicuri che i falli fatti perché, a fine partita, ti si "intasa la vena", siano così peggio di falli fatti all'inizio, ragionati, con il solo scopo di far saltare "la bambola" agli avversari?
    Finale su david Luiz. Mi piace, lo sapete. Quanto però alla genialità di matrice deyniana "fallo fatto, finto fallo subito", permettetemi di ricordare un grande viola del tempo che fu, che ho avuto il piacere di conoscere, da ragazzino (non sono "così" vecchio!), che in fatto a genio calcistico e malandrino, non scherzava. Il Grande Beppe Chiappella, quando giocava con lo strisciato Charles (gran colpitore di testa), un attimo prima del salto, pestava i piedi al gallese. Beppe ha sempre sostenuto di essere stato lui, a farglielo allungare, il collo, a "John il lungo". Altri tempi: allora sì, che si poteva vincere qualcosa.

    RispondiElimina
  28. Ahahahahah, prevedo a breve un editoriale di condanna per eresia da parte di qualcuno eheheheh.

    RispondiElimina
  29. Condanne di eresia da parte del suddetto sono medaglie da porre al petto

    RispondiElimina
  30. Vorrei il parere di Jordan sulla punizione di Luiz. Io, come già scritto stanotte, penso che l'errore sia il piazzamento della barriera perché non scopre il calciante e soprattutto, per me, la postura del piede d'appoggio.
    Il modo di calciare la punizione di David Luiz prevede un colpo secco d'interno piede mantenendo la gamba rigida e dandole poco arco. Quasi come un colpo col ferro a golf ( Lele, dove sei?). Questo gesto presuppone un notevole sforzo sulla gamba d'appoggio che dev'essere puntata per forza verso l'angolo che si vuole prendere. In sostanza, penso che se Ospina avesse potuto intravedere il modo in cui Luiz si approntava a calciare, avrebbe potuto dedurne le intenzioni di tiro e scattare con quella frazione d'anticipo che gli avrebbe permesso la respinta.

    RispondiElimina
  31. Il riferimento all'anno sabbatico è ingeneroso: 4 mesi fa credo che si potesse aspettare eventuali richieste solo da club italiani, non si immaginava che lo potesse cercare un club straniero di una certa importanza. La proposta di Ufo deve essere arrivata senz'altro dopo. Ma di sicuro durante il mondiale come minimo la trattativa era gia' ben avviata, se non conclusa. Hanno tentato una manfrina qualche giorno fa (Prandelli "incerto", deve "sciogliere la riserva" etc.) ma ci ha pensato il presidente della squadra turca a tagliare la testa al toro con l'annuncio dell' "Era Prandelli".

    RispondiElimina
  32. Indubbiamente Ospina non è esente da colpe perchè un tiro da trenta e passa metri da quella che dovrebbe essere la tua parte non deve passare. Sbaglia soprattutto nel posizionarsi lui, più che la barriera, infatti ci si mette dietro, nel mezzo alla porta lasciando completamente scoperto il suo lato e togliendosi, come giustamente dici, la visuale. Neuer credo l'avrebbe alzata in angolo con un passo di lato seza nemmeno buttarsi se si fosse piazzato dove doveva piazzarsi, perchè il tempo di vedere dove andava il pallone c'era eccome ma bisognava vederlo partire e coprire la propria parte di porta.

    RispondiElimina
  33. Mi meraviglio che vi meravigliate. E' un trullallà (come tanti) santificato da una banda di illusi innamorati.

    RispondiElimina
  34. Jordan, durante un Campionato Europeo, un portiere che non mi ricordo, con una posizione centrale e ancora un po' più vicino alla porta, scelse di non schierare la barriera. Scelta giustissima che vanificò il tentativo avversario. Solo un Cristiano Ronaldo al mondo sarebbe in grado di tirare una bomba tesissima dai 30mt, che lo metterebbe in difficoltà solo se indirizzata chirurgicamente al sette. Ieri l'ingenuità di Ospina, perché di ingenuità si tratta, è costata carissima alla Colombia.

    RispondiElimina
  35. Non svegliare il Lele che dorme, lui aborre David Luiz, figurarsi le sue punizioni! Sulle responsabilità la vedo come te, barriera piazzata male.

    RispondiElimina
  36. E' una visione chiaramente di parte, su tutto. I falli li facevano di qua e di là ed il clichè di una squadra che attaccava e l'altra che si difendeva è parto di fantasia. Il Brasile fino al 2-0 ha attaccato e fatto più della Colombia, facendo e subendo falli come l'avversario. L'arbitro ha diretto male e basta. Se un segnalinee alza la bandiera e l'arbitro fischia quel che succede dopo non succede, nè chi fischia sa cosa può succedere, non si tratta di goal annullato quindi e che si sia continuato a giocare dopo il fischio non so proprio cosa significhi. Quanto al fallo di Zuniga saltare a capretto colpendo la schiena dell'avversario con le ginocchia col pallone lontano e coperto è fallo da espulsione senza dubbi, ed è comunque merdata di giocatore che ha perso il cervello ed il minimo rispetto per l'incolumità altrui.

    RispondiElimina
  37. Quando giocavo ero uno specialista delle punizioni, un cecchino, sia di collo pieno, che effettate [coi palloni di allora, quindi niente Pirlo, Pernanbucano o David Luiz]. In allenamento ci passavo le ore, sia con la barriera, che "allo scoperto", quando mancavano le sagome o i compagni non avevan voglia di rischiare il naso. Ebbene, senza barriera per il portiere era molto, molto più facile prenderle, la percentuale di realizzazione calava drasticamente.

    RispondiElimina
  38. Con i palloni di oggi la barriera la vorrei mettere anch'io, però non ti ci devi mettere dietro perdendo ogni visibilità e lasciando scoperto il tuo lato come ha fatto Ospina. La barriera una volta deciso di metterla doveva star lì, era lui che era messo male.

    RispondiElimina
  39. Jordan, mettine 2 se vuoi cercare di coprire un palo e dargli un senso, anche se non lo ha da quella posizione, comunque devi veder partire il pallone. L'effetto è stato come quello del gol magia di Maradona alla Juve su una punizione di seconda in area. Ospina ha reso possibile l'impossibile. E' proprio il caso di dire 'Ai confini della realtà'.

    RispondiElimina
  40. Grande Deyna, ma quali livelli hai raggiunto? Per curiosità, te lo volevo sempre chiedere.

    RispondiElimina
  41. Che il portiere non debba perdere di vista il pallone e la battuta è obbligatorio, ma Ospina lo perde proprio perchè alla barriera ci si mette dietro, non perchè eran due o cinque in barriera. Anche con la barriera come l'aveva fatta se si metteva dove doveva stare la visione del pallone poteva avercela ed era più vicino a dove sarebbe arrivato il tiro. Se poi David Luiz avesse cercato la soluzione del tiro dall'altra parte un tiro a scavalcare la barriera da 35 metri lo prendi camminando se lo vedi partire e non dormi.

    RispondiElimina
  42. Nazionale polacco. Ma icche c'entra l'Argentina?

    RispondiElimina
  43. In ogni caso siamo d'accordo sull'errore del portiere.

    RispondiElimina
  44. Nessuno, massimo giovanili della Lucchese, per il resto squadre giovanili minori...Ho smesso purtroppo molto presto, e non l'ho mai ben metabolizzato. Comunque per vari motivi non avevo molta testa per farcela, non in senso cassaniano, avevo problemi di concentrazione. Giocavo 20' alla grandissima, poi mi assentavo per altri 20', e così via. Questo con eccezioni, naturalmente.

    RispondiElimina
  45. Ahah, in qualche maniera c'entra..."Deyna78" è il nick che mi scelsi in fretta e furia per entrare sul sitone, non ci pensai troppo su. Era un omaggio a un campione che mi colpì molto ad Argentina '78, una figura di un calcio lontano, già 31enne in declino fisico e di ritmi, ma con una classe che mi incantava. Resta uno dei miei giocatori preferiti, ça va sans dire...

    RispondiElimina
  46. Si è persa l'occasione di sentir parlare un calciatore come si deve, senza cappello sulla testa. Ho capito, non doveva succedere.

    RispondiElimina
  47. Certo che è di parte. E, se per questo, anche la tua.
    Però mai detto che c'era una squadra che attaccava ed una che difendeva. Il Brasile ha giocato un signor primo tempo. Il fatto che siano stati i difensori a giocare molto meglio degli attaccanti non è necessariamente indice di difensivismo. Anche se il fatto che il Brasile, dal settimo, già vincesse, ha evidentemente indirizzato la partita su un binario più" gestionale".
    La mia interpretazione del gol annullato non significa proprio niente; voglio solo che nessuno dica: per forza ha segnato, erano tutti fermi. Sul fatto che si potesse annullare, o meno, sono in dubbio. Se Zuniga, fosse stato espulso non mi sarei scandalizzato. Dico solo che il fallo è meno "a far male intenzionalmente" di quanto pensassi ieri o di quanto continui a dichiarare tu. La Colombia ne ha fatte abbastanza, di bischerate, senza bisogno di affibbiargliene altre. Così come il Brasile ha vinto meritatamente, senza bisogno di stare a negare il fatto che picchino come fabbri.

    RispondiElimina
  48. D'accordo con tutti: barriera piazzata "Netescamente". Vorrei far notare anche che Thiago Silva, furbescamente, pilota Fred con il solo scopo di "coprire" il povero Ospina. Il fesso è il portiere, che lascia fare.

    RispondiElimina
  49. Queste punizioni, più che quelle di C.R., mi sembrano un marchio registrato Dorgba. Ronaldo le tira in posizione diversa e meno rigida, tanto che hanno più effetto. Quello che mi colpisce è che si cerca meno l'interno del piede e più la parte verso la punta. La palla compie una parabola dritta e non curva verso l'esterno o l'interno perché viene colpita meno sotto ma più centrale, non prende lo schiaffo ma la botta secca, anche se da una superficie del piede inferiore. È una meccanica che offre sicuramente precisione, anche se la mancanza d'effetto gli toglie imprevedibilità. Mi sembra anche un modo di tirare pericoloso per i muscoli e i legamenti in quanto non permette alla gamba calciante una corsa naturale ma fa leva su un movimento secco ma frenato nella parte finale. In qualsiasi meccanica di tiro la gamba sfrutta il momento post-palla per il corretto rilascio dell'energia cinetica e per il seguente scarico dei muscoli. Inoltre la gamba d'appoggio, in questo caso, si fa carico di tutto il peso del corpo mantenendosi, però, piuttosto rigida insieme al busto, particolare che le impedisce una corretta ammortizzazione.
    La leggerezza del pallone, certo, è molto importante. Credo che se si provasse un tiro del genere con i vecchi palloni di cuoio, magari imbevuti d'acqua, le ginocchia avrebbero sollecitazioni letali.

    RispondiElimina
  50. Già, Jordan, ma Fred come ha giocato quest'anno? E' un declino fisiologico [ma allora perché l'ha portato?], un calo momentaneo e sfortunato proprio in occasione del Mondiale della vita, o un problema di gioco che non riesce ad innescarlo?

    RispondiElimina
  51. Macché fallo da espulsione. Guardatelo bene, il ginocchio non è nemmeno proteso e lui guarda il pallone. Quando Zuniga è partito si immaginava una traettoria della palla più alta, e preso dalla foga salta senza potersi fermare, per questo travolge Neymar che si accinge a stoppare. Fallo assolutamente normale senza cattiveria.

    RispondiElimina
  52. A me sembra che Fred ormai sia buono per il campionato amatori.

    RispondiElimina
  53. Sopravvissuto5 luglio 2014 15:19

    Fred gioca male e continuerà a giocare male se Willian non gli porta la clava; Willian non gioca, Fred non gioca (per lo meno...diciamo che a Scolari va bene così, a noi no...) ma il Brasile avanza. Quindi, ora, chi al posto di Thiago Non-Motta e Neymarketing? Ma soprattutto: se da oltre trent'anni gli americani (epoca di Louis Ferrigno) pronunciano Hulk "Alk" (vedi anche "Alk Hogan" così come si pronuncia!), perché il brasileiro continua a chiamarsi Hulk? Eppoi, quasi per osmosi: Hulk Hogan era sponsorizzato dai Della Valle?

    RispondiElimina
  54. E qui mi piacerebbe sentire McGuire.

    RispondiElimina
  55. Non solo, ma coi vecchi palloni e questa tecnica forse non si potrebbero tirare punizioni pericolose da quella distanza

    RispondiElimina
  56. Scusate la mia mania ( dovuta al fatto che io non ero capace, quando calciavo avevo le stesse possibilità di spaccare la traversa o i vetri delle macchine nel parcheggio dietro il campo), ma vorrei avere da voi una classifica di quelli che considerate i calciatori che tirano o tiravano meglio. Non tanto per potenza o varietà, ma proprio per pulizia e naturalezza del gesto.

    RispondiElimina
  57. I nuovi palloni, secondo me, sono più facili da usare anche per il motivo che hanno un corpo unico, mentre una volta camera d'aria e rivestimento formavano due sfere separate che assorbivano l'energia in maniera difforme e l'una incideva sull'altra anche se erano a stretto contatto. Anche il materiale delle scarpette incide, sia sulla sensibilità che sull'attrito che si sviluppa al momento del calcio. Certo sarebbe bello avere un giovane Rivelino, o un Koeman ecc. e vedere che farebbero a questi palloni.

    RispondiElimina
  58. A quel che ricordo, di potenza Antognoni, Di Bartolomei, Bonhoff...Tiri violenti ma allo stesso tempo effettati Rivelino, Passarella, Francisco Marinho...Tiri di precisione a giro, il Maestro assoluto, Zico, e Maradona, Baggio stesso, Bertoni ed altri che dovrei sforzarmi di ricordare. Qualche anno fa in Brasile mi piaceva come tirava certo Alex Meschini. Poi coi nuovi palloni è nato un altro genere per pochi "studiosi" del gesto, maestro indiscutibile Juninho Pernanbucano. Ma sono dei SuperTele on steroids, non mi piacciono per nulla questi tiri, anche se il mezzo va sfruttato.

    RispondiElimina
  59. Io ho un mio preferito che magari non vi troverà d'accordo...

    RispondiElimina
  60. Ci dica, magari è proprio quello che mi son dimenticato. Ah già, anche Eder non era affatto male, Roberto Carlos spettacolare, ma ha campato di rendita su una punizione pazzesca in C. Cup...

    RispondiElimina
  61. Il pallone, le scarpette che si usano oggi fanno sì che il calciatore moderno sia abbastanza diverso da quello del passato. In particolare i palloni sono estremamente diversi da quelli in uso quando giocavo io. Con quelli attuali è un po' come giocare con dei Superflex di una volta, che erano roba da ragazzini.Tirare le punizione con i palloni vecchi era molto più difficile di adesso, soprattutto nel dare gli effetti. Senza parlare di come i palloni di allora diventavano sui campi pesanti, quasi dei palloni medicinali che ci voleva un coraggio non da poco nel colpire di testa, oppure nello schierarsi in barriera (davvero terrorizzante). I virtuosismi di oggi sono resi possibili non solo dai nuovi palloni, ma anche dalle scarpette che adesso sostengono molto meglio il piede e dunque l'azione del calciatore.

    RispondiElimina
  62. Già, anche il Bati si era perfezionato mica male, a ripensarci...

    RispondiElimina
  63. Infatti ci corre come il giorno e la notte: corpo unico, materiale sintetico, niente cuciture e superficie "liscia". Ma il regolamento internazionale prevede ancora, come un tempo, un peso standard per il pallone? E se esiste ancora il peso standard, è stato modificato?

    RispondiElimina
  64. Il peso è lo stesso, mi pare attorno ai 420 grammi. O perlomeno dai 410 ai 450. Come dice Mc, la differenza adesso è che senza cuciture e con i nuovi materiali, il peso non varia con le condizioni atmosferiche. La pioggia imbeveva i vecchi palloni, il caldo ne espandeva l'aria all'interno della camera d'aria, dando la sensazione di maggior leggerezza.

    RispondiElimina
  65. Non parlo di punizioni, ma di pulizia di tiro in generale. Ebbene, il mio preferito all time è Adrian Mutu.

    RispondiElimina
  66. http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/calcioestero/2014/articoli/1035827/edmundo-rivelazioni-shock-ecco-come-salvai-la-vita-a-ronaldo-160-.shtml



    Interessante intervista per chi ha amato Edmundo...

    RispondiElimina
  67. Mutu aveva un tiro chirurgico, sì...

    RispondiElimina
  68. Di tutt'altro stile, era fantastico Zico in area, per come piazzava la palla di precisione all'angolino...

    RispondiElimina
  69. Per me i migliori tiratori visti sono stati Zico e Rivelino. A seguire Passarella e Messi.

    RispondiElimina
  70. Ospina: "Di potenza, con effetto e comunque efficaci? David Luiz se li mette tutti in tasca!". Ahahahah! (Grande Sopra!)

    RispondiElimina
  71. E Levratto? Quello che sfondava la rete?

    RispondiElimina
  72. Levratto è troppo indietro per me ahahahahaha

    RispondiElimina
  73. Ah ho capito...Ci parli di Petrone, allora

    RispondiElimina
  74. Grandissimo, che botte, sinistro e destro. Penso che basti! Ho meritato la sufficienza? Ahahah!

    RispondiElimina
  75. Intanto par che Vrsaljiko passi al Milan per Matri in prestito più conguaglio. Galliani e Preziosi sono fatti per stare insieme. La cosa puzza come sempre.

    RispondiElimina
  76. Deyna, Teodora ha previsto cosa farai oggi alle 18. Secondo me ha indovinato. Grande Teodora, come sempre!

    RispondiElimina
  77. Stefano Vienna5 luglio 2014 17:28

    Letto. E va Edmundo facci un gol, che poi Firenze esplodera'.... Per me La Colpa fu del Gobbo di turno che purtroppo Seneca in panchina all'epoca, chi era a Roma quel giorno forse puo' capire.

    RispondiElimina
  78. Lui colpiva il pallone esattamente dove c'era la valvola (dichiarazione sua)

    RispondiElimina
  79. Peter Sagan è un campione, ma la volata la vincerà Greipel!

    RispondiElimina
  80. 1° Kittel, 2° Sagan. Caduta rovinosa ai 200mt dal traguardo con Cavendish coinvolto, forse colpevole, infortunato. Ed ora si dia inizio alle danze!

    RispondiElimina
  81. I Colombiani l'hanno presa bene.

    RispondiElimina
  82. L'Argentina perde il suo Burruchaga 2.0.

    RispondiElimina
  83. Wilmots scarso come l'estetista di Fellaini.

    RispondiElimina
  84. E' lo stesso dei Cugini di Campagna.

    RispondiElimina
  85. Foco, troppo indietro anche loro? Ahahahah!

    RispondiElimina
  86. No, no, li ci arrivo ehehehee
    Fellaini, onestamente, è inestetistizzabile.

    RispondiElimina
  87. Anche anestetizzante, per il Belgio!

    RispondiElimina
  88. Esce quello che ha un cognome da marca di pigiami ed entra Lukakone.

    RispondiElimina
  89. Marca di pigiami, ahahahah!

    RispondiElimina
  90. Ha levato Hazard, Wilmots ci ha il mal di capo

    RispondiElimina
  91. Queste manfrine quando escono, e non solo, non fanno bene al calcio. Tempo effettivo: poi posson fare anche il cooling break, l'apericena, l'happy hour e una sveltina, basta mettere i soldi nei parastinchi.

    RispondiElimina
  92. Argentina! Argentina! Argentina! Argentina!!!!

    RispondiElimina
  93. Complimenti!!

    RispondiElimina
  94. Sopravvissuto5 luglio 2014 20:31

    Quando giochi con uno dei Cugini di Campagna (7 alla carriera) che in realtà non si é mai notato, quindi era nei Camaleonti (7,5), tale Fellaini (4,5 a lui, 5 a Wilmots che lo schiera, 5 al M.Utd che lo ha acquistato, 8 all'Everton che ha intascato 40 cocuzze-!!-, 9 per tutti i soldi risparmiati con il parrucchiere) dove vuoi andare a parare (e non mi riferivo a Viviano,6)? Argentina (7,5) avanti con merito, senza la Mano de Dios (9 alla carriera, 5 all'uomo) ma con Basanta (6,5 oggi, 8 per il futuro se verrà a Firenze); Sabella (7) un po' come Scolari (5,5) ma comunque le azzecca tutte. Messi (8, sempre El Mejor) ha comunque il comando delle operazioni e senza di lui l'Albiceleste é una squadra normale, occorre dirlo. Belgio (solo 7 per colpa di Wilmots) causa il suo mister (6) va fuori più per demeriti suoi che per meriti sudamericani. Una squadra che attacca a guisa di membra di gentil segugio, senza ne capo ne coda, alla fine.
    (N.B.: al concerto dei Camaleonti non volava una mosca...................................).

    RispondiElimina
  95. Mosche, trattenute nei 'Pugni chiusi' fino alla fine del concerto e poi date loro in pasto, ahahah!

    RispondiElimina
  96. Che cazzata, l'era dei Ribelli...la memoria..la memoria!!!

    RispondiElimina
  97. Vabè la piccola gioia di uscire in semifinale anziché ai quarti, contentiamoci...

    RispondiElimina
  98. Se le 4 semifinaliste son quelle che hai scritto non dovrebbero esserci problemi, ahah!

    RispondiElimina
  99. Purtroppo eran simpatie mie, non pronostici!

    RispondiElimina
  100. Cresce Higuain, ma si è fatto male Di Maria, spero non sia nulla di grave, perché è fondamentale. Recupero lampo di Aguero, ma non credo che El Kun possa tornare in campo in questo Mondiale. E stasera forza Costarica!

    RispondiElimina
  101. Forza Ticos!

    RispondiElimina
  102. Ah già, Basanta: fuori ruolo, non ha il passo del terzino, ma se la cava discretamente. Anticipi, attenzione in marcatura, deciso nei tackle. Me lo ricordavo più forte di testa, però, speriamo non sia già all'inizio del calo fisico, ha "solo" 30 anni...

    RispondiElimina
  103. Hai ragione, quando s'è portato in avanti si è visto che non c'è portato.

    RispondiElimina
  104. La marcia della mia scommessa inesorabile, non capisco perché alla Snai non paghino subito.

    RispondiElimina
  105. Beh dai, posticipando l'eliminazione ci perderai un po' di meno, se giochi di volta in volta.

    RispondiElimina
  106. Sopravvissuto5 luglio 2014 21:55

    Ricky Gianco?

    RispondiElimina
  107. Ahahahaha, fantastico! Speriamo non venga trovato incaprettato nudo nel suo bagno, ufficialmente morto soffocato dopo un gioco autoerotico...

    RispondiElimina
  108. Sopravvissuto5 luglio 2014 21:56

    Per me segna Robben. (Ammazza ahó, Kluivert é più magro ora rispetto a quando giocava....).

    RispondiElimina
  109. Non so di chi è, ma la cantavano loro.

    RispondiElimina
  110. Navas, che si conferma grande portiere, ne ha già salvate quattro.

    RispondiElimina
  111. Primo tempo Olanda-Navas 0-0- Il Costarica fa un bel catenaccio ma dietro gioca bene ed ha un gran portiere. Però passa l'Olanda, non credo possa durare

    RispondiElimina
  112. Comunque il modo e la concentrazione che hanno nel difendersi è qualcosa di magico. Se Clasie non gioca, visto il centrocampo orange, mi sa che tutto sto granché non é. Robben mostra il suo rovescio della medaglia, fino ad ora, per scelte di gioco, sarebbe da prenderlo a calci in culo.
    Campbell segna.

    RispondiElimina
  113. L'hanno levato, un altro allenatore furbo

    RispondiElimina
  114. Ha fatto un recupero difensivo un centrocampista adesso da manuale dei movimenti difensivi. Dietro giocan bene proprio come reparto.

    RispondiElimina
  115. Navas miglior arquero del Mondiale, per distacco.

    RispondiElimina
  116. Comunque i centrali olandesi giocano a pallone per puro caso. Martins Indi fa sembrare Chiellini un virtuoso.

    RispondiElimina
  117. Robben inesauribile. Poco lucido ma sempre a mille.

    RispondiElimina
  118. I colombiani sono gente più sofisticata, al massimo lo trovano decapitato col fischietto infilato nel cavo sbagliato.

    RispondiElimina
  119. A quindici minuti da un tiro di monetina che rimarrebbe nella storia.

    RispondiElimina
  120. È una cosa fantastica comunque.

    RispondiElimina
  121. colonel.blimp6 luglio 2014 00:37

    Di Maria ha finito il Mondiale. Sempre più Germania.

    RispondiElimina
  122. Comunque se i rigori li tiri bene, come li hanno tirati a Navas, non c'è guascone che li pari. Può influenzare i cagasotto che se la fanno addosso già di suo.

    RispondiElimina
  123. colonel.blimp6 luglio 2014 01:02

    Effettivamente dopo la prima volta doveva ammonire. Ma vedi, Jordan, che Krull ritardava anche la messa in posizione e che prendeva per il culo da lontano. Lo fa sempre, anche al Newcastle, anche sui calci di punizione. L'unica è mettergli sotto il naso il rosso, ma non vedo arbitri con questa determinazione, in questi Mondiali. Rivera fu innervosito da Agroppi, in una famosa finale di Coppa Italia, e Rivera era un rigorista sopraffino e freddo, Jordan.

    RispondiElimina
  124. E se fosse Brasile-Argentina? mai dire mai. Alla fine son rimaste le quattro che dovevano rimanere, con molte più difficoltà del previsto, ma son rimaste loro.

    RispondiElimina
  125. A volte in quel modo puoi rompere la concentrazione anche a uno coi nervi di ghiaccio, non gli doveva essere permesso di avvicinarsi agli avversari...

    RispondiElimina
  126. Dare il rosso ad un portiere quando si battono i rigori non so nemmeno se è previsto dal regolamento e cosa succede, però il giallo al primo rigore era obbligatorio, almeno smetteva di fare il bischero ed andava in porta senza rompere più i coglioni.

    RispondiElimina
  127. L'Argentina è già fuori, spero ci vada il Brasile in finale, a portare il titolo in Sudamerica. Ma la vedo dura, senza Neymar e Thiago Silva...

    RispondiElimina
  128. Di Krull ricordo se ne parlava in chiave viola, l'ho seguito un po' anche per questo, e confermo che è un'impareggiabile testa di.

    RispondiElimina
  129. Lo so che parli per scaramanzia tenendoti le palle in mano, però non è affatto così, ha più possibilità l'Argentina del Brasile, purtroppo per me, però ce le hanno ancora tutte e due.

    RispondiElimina
  130. questo l'ho appena detto, giallo obbligatorio e minaccia di esser buttato fuori

    RispondiElimina
  131. colonel.blimp6 luglio 2014 01:08

    Fra Argentina e Olanda è una gara al peggio, può vincer chiunque. Non vedo il Brasile senza Neymar e senza Thiago Silva e con que' cessi che si ritrova batter la Germania, oppure bisogna che Blatter e Platini scelgano un ciabattino cambogiano come arbitro e come guardalinee un venezuelano con la mamma brasiliana e un francese che voglia essere alla prossima finale di Champions (che ci sta anche, intendiamoci).

    RispondiElimina
  132. Dovendo ancora giocarsi le partite, possibilità ne hanno ancora sulla carta, ma l'Argentina non può reggere l'urto dell'Olanda di Robben. Scusa la sintesi, ma fo fatica a battere sui tasti con la sola sinistra, ahahah

    RispondiElimina
  133. Sopravvissuto6 luglio 2014 01:12

    Il padre ignoto di Montolivo, come guardalinee....

    RispondiElimina
  134. Mi preoccupa più l'assenza di Thiago Silva che quella di Neymar. Però se il Costarica quasi elimina l'Olanda cosa vuoi fare pronostici. Per me è 30-70. Mentre Argentina e Olanda le vedo a 50-50.

    RispondiElimina
  135. Ma va là! L'Olanda è ormai alla frutta. Lo so che lo dici per scaramanzia, ma la finale sarà sicuramente tra Argentina e Brasile.

    RispondiElimina
  136. colonel.blimp6 luglio 2014 01:18

    Concordo pienamente con Jordan, con tolleranza millimetrica zero, sulle quote delle semifinali. Mi avanzo alla finale: se Germania-Olanda 65%-35%, se Germania-Argentina 75%-25%, se Brasile-Olanda 70%-30%, se Brasile-Argentina 55%-45%.

    RispondiElimina
  137. colonel.blimp6 luglio 2014 01:22

    Già mi vedo Angiolina in piedi, con una delle sue mises da vomito e color vomito, allargare le braccia in tribuna, aprendo la bocca per esultare, a tazza di water, al novantesimo della finale.

    RispondiElimina
  138. colonel.blimp6 luglio 2014 01:25

    Angiolina, governaci!!!!! Ti si vo' bene!!!!! E' unn'ascortà qui' fanatiho di Renzi!!!!! Chi disprezza e' compera!!!!! E' ti vo' solo trombare!!!!!! E' unn'è come quenn'antro che diceva di te a i' telefono cose che unn'ho voglia di ripete, pecché e' ci pò legge gente fina come Magda!!!!!

    RispondiElimina
  139. http://video.gazzetta.it/argentina-sfiora-gol-sabella-quasi-sviene/836f10ee-046a-11e4-8373-3e8480017209

    RispondiElimina
  140. Nel Brasile, Jordan, si è infortunato anche Willian, pare non ce la faccia per la Germania.

    RispondiElimina
  141. ne sia più di me che son qui. Ho appena sentito Scolari alla televisione che lo presentava tra i possibili sostituti di Neymar o quando si è fatto male? a cena? Comunque non è certo Neymar che ci sia o meno non è che cambi il mondo. Speriamo che Oscar, se la smette di fare lo schiavetto ritorni lui.

    RispondiElimina
  142. Comunque tra veder esultare lei e la Dilma un so icche mi fa più vomitare. Meglio non pensacci a quelle du' scorfane.

    RispondiElimina