.

.

mercoledì 27 ottobre 2021

L'ora solare


Una volta saputo che domenica scatta l’ora legale mi si è complicata l’aspettativa di vita, così ho cominciato a pensare che la maratona di nuoto di 24 ore fosse uno Squid Game sull’acqua. Anche se devo ammettere che “aspettativa di vita complicata” sembra un derivato di quel “relazione complicata” che veniva scritto nello stato sentimentale di alcuni social, e che di fatto significava che il capo sposato le metteva a pecora un paio di volte alla settimana avendo promesso di divorziare. Oggi invece è tutto meno complicato, le ragazze sono molto più dirette, ne sa qualcosa Tyler. Gonzalez non ha più bisogno nemmeno di infortunarsi, gli basta prendere il Covid. E questo mi fa pensare a quanto sia strano abituarsi tanto alla bellezza quanto alla volgarità fino quasi a non vederle più. L’assuefazione non è mai buona cosa, questa volta ne sa qualcosa il Bambi. Non mi sorprenderei se Gesù oggi venisse ritratto da Leonardo (ex Milan) nell’ultimo apericena. In San Frediano ancora si recrimina per la sconfitta di Venezia, si sa che la vita potrebbe essere meravigliosa, ma ancora non ci sono prove. Prima quando ho avuto contezza dell’ora solare oltre a quanto già scritto, ho avuto anche un attimo di smarrimento in cui ho pensato di riscaldarmi la brioche con la piastra dei capelli di Rita. Prima della partita contro Tamarri vorrei regalarvi un’immagine serena della nostra vita, della classifica, e tolto il solito culo di Pioli, pensare che passate davanti a una vetrina dove c’è la commessa con in mano il braccio del manichino che sta sistemando, voi la salutate perché è una bella passera e lei proprio con quel braccio vi risponde al saluto. Nel caso di mancato risultato, invece, ci abbineremo perfettamente all’autunno.

martedì 26 ottobre 2021

L'approccio


Parliamo dell’approccio che secondo il calcio parlato è all’origine di tutti i risultati, e non solo quelli riferiti al calcio, ma questo lo vedremo più avanti. Sbagliarlo pregiudica, indovinarlo è imprescindibile. La combinazione migliore è quando nella stessa partita una squadra lo indovina e l’altra lo sbaglia. Migliore per quella che lo indovina. Quando entrambe lo azzeccano è partitone, combattuto, feroce, quando entrambe lo scazzano è partitaccia, spenta e noiosa. Ma come si induce un approccio corretto? E cosa non funziona quando invece l’approccio è inadeguato? A chi riconoscere i meriti e a chi le colpe? Quando si parla di approccio lo si riferisce solitamente all'intera squadra, ma è possibile che tutti lo sbagliano nella stessa partita, o tutti lo indovinano? Può essere che un approccio sbagliato di taluni possa coinvolgere anche altri e viceversa? E quando non si parla di approccio a cosa si dà evidenza? Certo, ognuno darà l’interpretazione che crede così come i meravigliosi colori dell’autunno per qualcuno non è un caso che siano uguali a quelli dello Spritz. Per esempio mia nonna mi diceva sempre che non è la bocca che va alla forchetta ma la forchetta che va alla bocca, e qui al Bambi non interessava il concetto nel merito, lo usava solo per sostenere che come la forchetta anche l’uccello. Il Bambi appunto, vero maestro dell’approccio sbagliato tipo Venezia, una volta a una lei di nome Vincenza (vedi a volte il caso) pur di sbagliare l’approccio, disinteressato alle scarsissime possibilità di riuscita che tale approccio contemplava, disse “Hai delle mani bellissime, me la fai una sega?”. Ecco, perché c’è anche l’approccio volutamente sbagliato, tipo per fare fuori l’allenatore. Lo potrebbero fare mercoledì i giocatori della Lazio, oppure come il Bambi che attraverso l’approccio con Vincenza ha voluto ribadire una volta di più che se non ci stai, e qui oggi il riferimento a Vlahovic è molto forte, c’importa una sega.

lunedì 25 ottobre 2021

L'adolescente del piano di sotto


Allora è stato solo un passo falso, anzi doppio, con in evidenza la meravigliosa giornata per deludere di Venezia. E’ tornata la Viola che quando fa bene, anzi molto bene come ieri ti ricorda che vanificare un occasione voce del verbo lo so fare benissimo. Ma noi tifosi Viola siamo abituati alle tempeste, una volta il diavolo disse a mio nonno Gigi: "non sopravviverai in mezzo a questo alluvione, e Gigi rispose: "parla più forte che non si sente un cazzo con 'sto cavolo di alluvione". Finalmente Calle in panchina, mentre Saponara oltre che ispirato un voto in più se lo guadagna perché nessuno questa volta l’ha potuto scambiare per Amrabat (che mi ricorda il pacco tirato alla Juve con Melo). Molto bene anche Maleh (quindi da oggi Beneh), poi funziona pure l’attacco, insomma la squadra verticalizza e non concede. Speriamo solo che a gennaio la proprietà dia una chance a questo gruppo, integrando giocatori di valore per puntare ad un qualche obiettivo che non sia la salvezza o l’anonimato. Perché a me mettere Viola Park e stadio nuovo davanti al risultato sportivo mi sta istigando a commettere un abuso edilizio. E purtroppo ho 110 mt di terrazza che non chiedono altro. A chi dice che Squid Game è diseducativo dico di guardare una squadra di Mazzarri, che alla fine equivale un po’ a quel nipote che pur facendo i complimenti al pollo della nonna confessa comunque di apprezzare di più le crocchette del McDonald's. Come sintesi della partita racconto che nell’appartamento sotto al Bambi ci vive un’adolescente per la quale lui ha già fatto più di un pensiero erotico, a un certo punto ha sentito dire alla madre di lei “trovati qualcuno che ti guardi come Vincenzo guarda Dusan. Come sintesi del tifo Viola, invece, il più contento alla fine risulterà il Pizzichi, per la vittoria e poi perché quello contro di lui al Fantacalcio aveva Simeone in panchina.

domenica 24 ottobre 2021

Il Sassuolo non doveva ridimensionare il Venezia


Dopo la fuoriuscita di fiducia causata dalla ricaduta di una passione che non tiene più, e pensare che un tempo era IP68, per rispondere all’Empoli ho comprato un Dolcetto d’Alba. Vado sul sicuro, perché tanto lo so che è dura combattere le delusioni, quelle sono furbe e si travestono da illusioni. Magari comprano pure la maglia di Kokorin. O addirittura Pioli ne vince 8 su 9. Ma dopo essere sopravvissuti all’acqua alta di Venezia, ho raggiunto la consapevolezza che al mio prossimo probabilmente non gliene importa una sega se ho superato indenne l’acqua alta. Una speranza c’è però, se è vero che il nuoto è uno sport completo, il parquet è bello me è difficile da mantenere, i film più belli li danno solo di notte, preso un semaforo rosso li prendi tutti, dal 20 ottobre tv e decoder che non ricevono canali in HD devono essere risintonizzati, ma la squadra più forte non è detto che vinca sempre, per questo dico che oggi c’è speranza. E poi dolcetto o scherzetto intendo quello. Sto cercando di selezionare vini che almeno non siano quelli della GD, ma che non abbia ancora acquisito le nozioni almeno sufficienti è dimostrato dal fatto che ogni squadra di serie A che mi viene in mente ha un attacco superiore al nostro. TUTTE. Devo essermi intossicato con i solfiti se è sempre la solita solfa.

sabato 23 ottobre 2021

Come è antitrust Venezia


Temo dai molti discorsi che sento in giro che le criptovalute siano diventate la nuova passera. Nella foto gente in mutande proprio per colpa dei Bitcoin.  E vista la tragedia di Alec Baldwin non possiamo neanche più dire che Kokorin spara in porta a salve. Il Bambi è molto vicino all’attore statunitense, chi meglio di lui sa che queste disgrazie capitano. Un anno ad una festa di compleanno mentre stavano giocando alla pentolaccia diede inavvertitamente 20 bastonate sul groppone a quello che trombava il suo allora sogno erotico. Fu addirittura accusato di vederci sotto la benda. Tornando all’attualità  ho paura che malgrado la più che augurabile vittoria dei Viola contro Mazzarri i Novax non accetterebbero di buon grado la conseguente iniezione di fiducia che ne trarrebbe tutto l’ambiente. O forse è solo brutto quando la direttrice di produzione ti sta sulle palle. Mentre dovete ringraziare me che sono vaccinato se potete scrivere sul blog. Ora che ci penso ricordo  che c’è stato pure un periodo nel quale il Bambi è stato un doppiatore di rutti. Sta di fatto che saremmo potuti essere tutti dei calciatori famosi se non fosse stato per un ginocchio, una caviglia, l’anca, la spalla, i bitcoin quando ancora erano passera. Spero vivamente che domenica non venga insultato Vlahovic, ma se proprio il bisogno impellente è quello di sfogarsi con degli improperi, ricordo a tutti l’esistenza dei parenti. E a proposito di messaggi per il sociale il Bambi chiede se l’antitrust si è mai pronunciato sulla salsa di soia Kikkoman.

venerdì 22 ottobre 2021

Cavolfiorentina


Ho comprato il decoder per mia mamma, ma trovo assurdo che dopo aver speso 50 € si veda ancora Rete4. La buona notizia, un autentico riconoscimento al grande architetto che fu, la comunità sismologica internazionale ha deciso di abbandonare le scale Mercalli e Richter per adottare quelle elicoidali del Franchi. Problema nel problema? Non intendo il turnover senza nemmeno le coppe, mi riferisco invece agli indecisi del Green Pass, perché se aspettano ancora un altro po’ ci ritroveremo per Natale ad assistere all’aumento delle perplessità, si chiederanno di sicuro se dentro il vaccino ci sono l’uvetta e i canditi. E anche il Papa vuole farci intendere che Pioli deve tutto a Ibra. Però, e sottolineo però, la sconfitta Viola ci regala finalmente il ritorno alla tanto agognata normalità. E sicuramente pandemia e vaccino non hanno reso migliore Kokorin. Non so, forse è solo che commetto errori di gioventù a 60 anni. Se c’è un altro che dorme oltre a Barone e Pradè è Staffelli, cosa aspetta ad andare da Wanda Nara? E se proprio devo confessare come ho cercato di combattere la tristezza dovuta alla sconfitta sconfortante, ho bollito un cavolfiore. Funziona. Il problema è che eravamo poeti, santi e navigatori, poi deve essere successo qualcosa se siamo diventati tutti allenatori. Per forza. Questo autunno sembra proprio fatto apposta per uscire fuori ad ammirare il tramonto di noi tifosi stessi. E sarà l’occasione giusta, quella definitiva, per chiarire le differenze che ci sono tra l’amore per la squadra del cuore e quello per la propria donna. Per la quale l’uomo che ama veramente si sveglia anche alle quattro meno un quarto per scrivere un biglietto dettato dal cuore in cui specificare come si vuole tostato il pane.

giovedì 21 ottobre 2021

La punizione senza barriera e senza nemmeno quella zona circolare altamente pigmentata


Era troppo facile far giocare i nazionali? Non è più tempo delle cose semplici come il succo di frutta alla pesca o all’albicocca, oggi si tende al mirtillo, zenzero e karkadè, alla carota con i chiodi di garofano, Amrabat regista, Igor con l’avocado, Kokorin con l’avvocato, Benassi minestrone e brugole. Ma vai a spiegarglielo ai tifosi quando c’è chi ancora non ha capito come funziona il Televideo. E a proposito del non capire certe sconfitte, deve essere andato storto anche qualcos’altro se Mastella è ancora sindaco di Benevento. La sconfitta però è perfetta per coprirsi di foglie e di erbacce umide. Non vorrei che nel rinnovo di contratto proposto a Vlahovic ci fossero state parole come resiliente, distopico, sostenibile e coeso. Mentre la notizia buona, sì c’è anche qualcosa di buono oltre il Canal Grande, grande come ci hanno fatto il canale meno nobile, insomma ITA dopo il primo giorno di attività non è ancora fallita. Purtroppo temo che tra un po’ non le considereremo neanche più sconfitte, ma piuttosto vellutate. E poi una sconfitta gratis è comunque pagata da altri, tipo Ristic per esempio. Anche l’omino che faceva colazione con la sambuca liscia e tre pacchetti di sigarette a questo punto non capisce più l’utilizzo di Callejon, aggiunto al contraccolpo del mancato quarto posto, questa settimana sta facendo colazione con caffè corretto allo stravecchio e due pacchetti di sigarette. Allora che dire di chi prima di Venezia ci mostrava seni prosperosi, e oggi non va oltre i capezzoli senza nemmeno le areole. Tra i tanti delusi c’è anche chi si consola col fatto che almeno la Nutella non lo giudica. E della serie mai una gioia è arrivata la zanzara che resiste al freddo. Se perdiamo contro Mazzarri non impreco, non me la rifaccio con Rocco, Vlahovic e nemmeno con il destino cinico e baro, mi punirò per aver riattaccato la spina mettendomi a guardare Ballando con le stelle.