.

.

venerdì 11 luglio 2014

Dal tramonto all'alba

Diego Della Valle detta l'ordine del giorno proprio il giorno dopo il mio proposito di non voler parlare più di Prandelli. Se fossi stata una donna avrei fatto sicuramente la puttana. Troppo invitanti le parole di Diego per soprassedere, perché in sintesi, chi lo aveva inquadrato meglio di un corniciaio fiorentino, ieri ci ha detto; "Avete presente le porte dei supermercati che scorrono se ti ci metti davanti? Beh chi ancora non ha capito il vero Prandelli, pensa che l'apertura di quelle porte sia una coincidenza". Del pontificato di Prandelli a Firenze voglio ricordare tra i momenti più salienti il giorno del suo addio, toccante, per il quale furono proclamati tre giorni di lutto cittadino. Molti continuano ancora a toccarsi appena uno lo nomina. In memoria del suo codice etico, le discriminazioni contro le donne e contro i gay furono messe a mezz'asta. La cerimonia sarebbe potuta essere più veloce, è vero, ma ricordo che i cardinali presenti erano continuamente distratti dai chierichetti. Con l'addio di Prandelli muore il grande sogno di vincere finalmente qualcosa, sogno che è rimasto tale anche con la Nazionale, e che adesso cercherà di realizzare in Turchia. Anche i turchi hanno già cominciato a toccarsi. Il suo codice etico è comunque riuscito a fare da collante e quindi a unificare le cinque grandi religioni del mondo: cristianesimo, ebraismo, juventinità, islam e Facebook. La cosa che personalmente mi ha fatto più male è stata la delusione che ha provato la mia amica Beatrice che in lui aveva creduto come a un Messia, di lui si fidava, amava persino i suoi giubbottini strinti, le sue conferenze stampa, il suo accento così radical-chic, delusione tipica e tremenda di chi crede in qualcuno che poi tradisce la sua fiducia. Solo un'altra volta l'ho vista così distrutta, quando prima ancora di credere in lui credeva di essere una brava cuoca. Poi un giorno vide il suo cane che mangiava da McDonald's. E dopo il tramonto definitivo di Prandelli dietro al Cupolone vi regalo la mia meravigliosa alba di oggi dalla quale dovrò presto separarmi non senza qualche rimpianto.

77 commenti:

  1. Solidarietà a Joachim Löw che dovrà rivedersi tutta Argentina-Olanda per studiare gli avversari.

    RispondiElimina
  2. leo, ti rispondo qui che il post è troppo sotto:
    fra DDV e prandelli ce ne corre come tra mangiare e stare a guardare. di permaloso c'è solo il secondo, il primo è sicuro di sé come uomo e ne ha ben donde d'esserlo; e soprattutto, non accetta passare da fesso con gentucola come prandelli.
    l'uscita di DDV non la considero fuori luogo, piuttosto necessaria: l'ha sistemato, e lo ha fatto a margine di interviste su tutt'altri argomenti e da persona esterna alla fiorentina.
    che si metta a ceccia prandelli e vada avanti come se la fiorentina non esistesse. gli brucia esser stato smascherato, esser passato da doppiogiochista quale è ed ogniqualvolta si presenti l'occasione cerca di screditare in maniera diretta o indiretta l'ambiente viola, mantenendo comunque la faccina d'angelo e da vittima di chi paga le tasse. un tempo qualcuno ci cascava, oramai soltanto pochissimi innamorati patologici, così ogni volta che il santo prova a mettere una toppa sulla sua situazione fa un casino più grande del buco.

    RispondiElimina
  3. Ma é vero che a Copacabana ci sono perizomi a mezz'asta?

    RispondiElimina
  4. La Germania è più squadra dell’Argentina, anzi è più squadra di ogni altra Nazionale vista al Mondiale, mentre l’Argentina sembra più dipendere dall’estro del suo asso (ma comunque è meglio, anche da questo punto di vista, del Brasile). Inoltre la Germania ha un giorno di riposo in più nelle gambe e ha giocato praticamente solo mezz’ora, mentre l’Argentina ha giocato 120 minuti più i rigori.

    La Germania è quindi nettamente favorita, ma nonostante ciò l’Argentina vincerà.


    Fa male vincere 7-1, i tedeschi saranno troppo sicuri di loro. L’Argentina è squadra che si è dimostrata solida, è squadra che sa soffrire, è squadra che, pur avendo difensori non eccelsi si sa difendere bene, è squadra che non si fa
    infilare in contropiede, è squadra – infine – che ha il miglior giocatore al mondo, che potrà risolvere la partita.

    RispondiElimina
  5. E questo chi cazz'è???

    http://www.fiorentina.it/it/news/articolo.54.13928/ufficiale-dallaustralia-arriva-joshua-brillante.html

    RispondiElimina
  6. Prospetto. Magari ti dice bene...Importante sia stato visionato da Macia. (Magari nomen-omen).

    RispondiElimina
  7. «Solo un'altra volta l'ho vista così distrutta, quando prima ancora di
    credere in lui credeva di essere una brava cuoca. Poi un giorno vide il
    suo cane che mangiava da McDonald's»: ahahahahahahahahahahahah! Abbiamo comprato Luca Brasi, sigarone e gessato, reggicravatta e gemelli in oro, ghette e risvolto 5 di pantalone. Tatticamente, Anto, la partita ruota tutta su Messi, l'unica speranza dell'Argentina e dunque non c'è tattica. La difesa dei pigiamati è la più grezza che abbiano mai avuta, di loro che inventarono il difensore dai piedi educati, buona per gli uno contro uno spigolosi ma inabile contro lo spallettismo a folate. Del centrocampo non parlo perché non mi va di vomitare alle 10,20 del mattino. McGuire, te tu ridi ma quell'imbecille della solista delle rintRonettes pensa che chiunque, te compreso, le dia di imbecille sia io, non si crede così popolare come invece è: sarà che la lunga estate calda sta riuscendo freschina (ahahahahahahahahahahahahahahahahahahah!). L'uscita del sommo Dieghissimo ha fatto, in effetti, uscir di capa i tre sfigatoni sopravvissuti dello sdaiolismo, che si moltiplicano a nick su cloaca per arginare la piena del consenso. C'è anche Ludde ma lui non conta, i suoi sono ormai post trasparenti come l'Uomo Invisibile. Il Giubba Iscariota è al suo fondo, non osa nemmeno replicare: chissà che gli consiglia la Silviona, l'Enoteca è ormai lontana.

    RispondiElimina
  8. Ahahahahahahahahahah! Avete fatto riapparire la Madonna! E lacrima, lacrima... miracolo! Ahahahahahahahahahahah! Dice che siete dei «villani»! Ahahahahahahahahahahah! Sitollockiani asserviti e vigliacchi, vu' venihe a soccorso di me imbrancati (già, mica come gli sdaioli... ahahahahahahah! L'imbecille usa lo stesso argomento del povero Gufolino contro di loro e nemmeno se ne accorge... ahahahahahahahahahah!), di me che fino a questa mattina alle 10 manco sapevo cosa fosse successo, e cioè che ero stato insultato irresponsabilmente e gratuitamente da una scheggia impazzita dell'illibatezza, in garitta dopo le dichiarazioni del SOMMO DIEGHISSIMO, su un sito in cui non scrivo da due anni... Ahahahahahahahahah! Ma come, sitollockiani sarvatici, a una signora come lei, che usa linguaggio così fine, così fine, così fine... Ahahahahahahahahahah! Eppure Pippuccio senese avrebbe dovuto consigliarla... ahahahahahahahahah! Per me è tutto fieno in cascina, anzi in archivio... ahahahahahahahahahah! Ma è più forte di lei, se paranoicamente non mi vede ovunque appostato (come quell'eterno portatore di pannolini di Louison, le Journal des Femmes, che mi prese per Renzi e Lucia, per via del Manzoni... ahahahahahahahahah!) e se non m'insulta le rimane, come al solito, il vuoto... dentro (ahahahahahahahahahahah!). Oh yeah, the long, hot summer... ahahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  9. Comunque che siete dei villani l'aveva già detto più volte Ludde e io comincio quindi a crederlo. Del resto, non è che si può esser sanfredianini, macellari, golfisti, geometri e siderurgici e conservar le buone maniere. Dovrei prender le distanze da gentaglia come voi ma ci ricado sempre.

    RispondiElimina
  10. ahahahah! ...almeno lui é da solo e non ha i collaboratori di Van Gaal con i loro taccuini che giocano a battaglia navale quando c'é la partita

    RispondiElimina
  11. Ahahahahah ma io non posso fare il topo d'archivio qui e di là per riesumare il corpus della discordia che traspare dagli scritti mattutini su sitone, la mia lunga assenza è colpevole, ok, ma riassumetemi la diatriba, di grazia!

    RispondiElimina
  12. I repubblichini vigilano, con manganello in mano. Sereno, sii sereno, COLONNELLO.

    RispondiElimina
  13. Ahahahahahahahaha, Cartman: "L'arcivescovo dal giubbino ipnotico"! Ahahahahahahhahhahaah! Ma questo è pronto per il Sitollock, arruolarlo, arruolarlo!

    RispondiElimina
  14. DDV ce l'ha ancora con Prandelli, in effetti ancora adesso non mi capacito di come mai ci abbia messo quattro anni a capire l'individuo. Io (come altri) ce ne ho messo anche di più, ma lui dovrebbe essere uno con l'occhio più lungo verso i suoi dipendenti. Di fatto ha ancora del rancore perché è stato fatto fesso per anni e non se ne è accorto.

    RispondiElimina
  15. Ahahahahah, morsi anche dal Buk, il feroce cerbero padronale!

    "Chiusura per Prandelli che il mercato se l'è fatto da solo. L'ultima bordata sulla fuga dell'ex Ct del disastro brasiliano arriva da Diego e Andrea Della Valle. Quattro anni fa l'allora allenatore della Fiorentina abbandonò la squadra viola in difficoltà dopo una stagione disastrfosa (17 sconfitte) per buttarsi nella braccia della Nazionale. Voleva cambiare l'Italia e ce l'ha fatta: l'ha cambiata in peggio. In Turchia non lo vediamo benissimo, quello è un paese concreto, se tenterà anche una sola delle tante supercazzole che ha raccontato in Italia il codice etico glielo imporranno loro. E quelli non scherzano."

    RispondiElimina
  16. Ué, branco di mezzadri andrologicamente non funzionanti, buorngiorno. Ahahahahahahahahahah
    M'avete fatto incuriosire e sono andato a sbirciare al piano si sotto, è stato bellissimo. Colonnello, per 100 sterline al giorno più le spese ti scorto io, la strada per il patibolo potrebbe non essere sicura, dicono che i boschi sono pieni di briganti che ti assaltano a colpi di scaglie di reggiano, le mura ducali siano protette da giannizzeri pronti con calderoni di caponata bollente e che le strade del posto siano infestate da branchi famelici di chow chow randagi.
    Sono passato anche per il Sacro Blog, dove il Chiari ha accusato il Gran Sacerdote di labirintite da sanitario. Sacrilegio che non resterà impunito.
    Intanto le parole di DDV hanno risvegliato le armate del Santo, che si sono subito attivate per la guerriglia. Si prevedono azioni clamorose come un sit in violento davanti ai negozi Hogan in cui tutti indosseranno espadrillas come forma di protesta. Dovevano anche sorteggiare il nome del coraggioso che si doveva far esplodere nel centro di Casette D'Ete, ma, al momento dell'estrazione, si è scoperto che i bigliettini riportavano tutti il nome di Donadel. Ci aspettano settimane insanguinate, o almeno sporche di sugo. Costantinopoli è ripresa, Firenze lo sarà.

    RispondiElimina
  17. Ma diciamolo con precisione, cosa ha detto DDV di Prandelli:

    "Le dimissioni di Prandelli? - ha risposto DDV alle agenzie in merito all'ex c.t. della Nazionale italiana - se c'è qualcuno che non si meraviglia più di nulla sui comportamenti di Prandelli quello sono io. Perchè l'ho visto all'opera".


    "Vederlo scappare dopo il casino che ha fatto non mi meraviglia affatto. Sta nel DNA dell'uomo".


    "Prandelli è una persona che non ha le capacità per fare bene le cose. Riesce a costruirsi dei rapporti mediatici sempre molto forti, ma quando c'è da dimostrare con i fatti manca all'appello e non ha spiegato a nessuno cosa è successo".

    RispondiElimina
  18. Pollock , ora che ritorni in San Frediano, sappi che lì è tutto infestato dall'avvento dell''Onorario, e, finché non derattizzerete quella zona a fondo, non potrete primeggiare né contro Borgo Ognissanti (ma Lele su quale fiume starà pagaiando?), tanto meno contro Rifredi, ahahahah!

    RispondiElimina
  19. Comunque, è opportuno fare il punto sugli Irriducibili. Intanto: sono pochissimi, al netto del banale, scopertissimo multinickismo su cui prospera, di prosperità apparente ma solo clinica, cloaca. C'è il foraggiamento da parte di interessi esterni, ma in questo momento non prevalente. C'è chi conosceva il Turco da prima che venisse a Firenze e ci mangiava la caponata insieme e non si va lontano anche in quel caso. C'è chi ha stretto amicizia col giubbottato, abilissimo nel crearsi teste di ponte, che poi sono di minchia, in ogni ambiente (ancora ieri, un lemure che gli ha incorniciato un libro marrone intorno, lo difendeva su tivù locale). C'è chi ha stretto amicizia anche col diretto beneficiato dal nepotismo dell'Importante, come confessò il Piro dei Fatturati. Gli altri sono dei suggestionati a livello di «Tartuffe ou l'Imposteur» molieresco: ormai incendierebbero le chiese e ammazzerebbero il Papa in nome di un contadino delle valli bresciane che dicesse loro di aver visto San Giuseppe parlargli di una bonazza bocchinara che lui si fece e che era della stirpe di Davide. Per questi autentici matti il Fattore di Crescita è diventato una ragione di vita e se la Fiorentina si mette di traverso la Fiorentina deve essere abbattuta. Vorrei dire infine che capisco benissimo chi ha avuto stima per l'Iscariota fino a quando DIEGHISSIMO non lo scaricò insieme alla spia del Bosforo. Jordan e io ci basavamo sulla dolente conoscenza degli uomini che viene da tutta una vita e su uno scetticismo tipicamente fiorentino, ma va da sé che il fiuto non costituisce prova. La puzza ci sembrava salire al cielo ma è come a Larderello, se ci vivi da sempre il tanfo di uova marce non lo senti e l'abilità dell'Immondo fu quella di crear consuetudine a tutto dopo i primi due anni, che furono in effetti magnifici. Ci sono dinamiche psicologiche collettive che io e l'ingegnere, finanziatore occulto del Gay Pride, sfidammo, forse con superbia: bastava aspettare il redde rationem. Facemmo i ganzi a voler aver capito prima, ma in certi casi ci vuole pazienza, tanto le cose vanno dove e come devono andare.

    RispondiElimina
  20. https://www.youtube.com/watch?v=tsCTV6dzzLs

    Fuochi nella Notte [di San Giovanni].

    Parlano piano al sole le ombre stanche di rumorose rabbie e infinite
    menzogne
    Lunghe di sterminati fili in lunga fila sorde ai tonfi di corpi che
    vengono abbattuti
    Tra poco arrossa il cielo della sera sospeso tra azzurri spazi gelidi e
    lande desolate
    Quietami i pensieri e le mani e in questa veglia pacificami il cuore
    Così vanno le cose, così devono andare
    Così vanno le cose, così devono andare
    S'alzano sotto cieli spenti i canti di chi è nato alla terra ora di
    volontà focose speranze
    E da energie costretto e si muove alla danza, danza, danza, danza,
    danza, danza, danza
    Festa stanotte di misere tribù sparse impotenti, di nuclei solitari che
    è raro di vedere insieme ancora
    E s'alzano i canti e si muove la danza
    E s'alzano i canti e si muove la danza, danza, danza, danza, danza
    Muoiono i preti rinsecchiti e vecchi e muoiono i pastori senza mandrie
    Spaventati i guerrieri, persi alla meta i viaggiatori
    La saggezza è impazzita, non sa l'intelligenza
    La ragione è nel torto, conscia l'ingenuità
    Ma non tacciono i canti e si muove la danza
    Quietami i pensieri e il canto e in questa veglia pacificami il cuore
    Così vanno le cose, così devono andare
    Così vanno le cose, così devono andare
    Chi c'è c'è e chi non c'è non c'è
    Chi c'è c'è e chi non c'è non c'è
    Chi è stato è stato e chi è stato non è
    Chi c'è c'è e chi non c'è non c'è
    Chi c'è c'è e chi non c'è non c'è
    E non tacciono i canti e si muove la danza
    E non tacciono i canti e si muove la danza
    Danza, danza, danza, danza, danza, danza, danza, danza...
    (Così vanno le cose, così devono andare...)

    RispondiElimina
  21. stefano vienna11 luglio 2014 13:34

    Rompo gli indugi, dopo settimane dedite alla scaramanzia, forza Argentina!

    RispondiElimina
  22. stefano vienna11 luglio 2014 13:46

    Brillante ovviamente non lo conosco, ma due cose: ci serve un terzino destro come il pane e, se investono il giusto su prospetti interessanti, forse è un segno che su Cuadrado fanno sul serio

    RispondiElimina
  23. Per me forza nulla, visto che non c'è l'Italia in finale. Per il calcio in sé, però, è meglio che vinca la Germania, perché l'Argentina lo sta disonorando.

    RispondiElimina
  24. stefano vienna11 luglio 2014 13:59

    Non bisognava avere informazioni nemmeno tanto riservate. Prandelli era il pupillo, non come calciatore s'intende, di Boniperti. Dal lato umano non l'ho mai rispettato più di tanto, ma come tecnico non è scarso, il problema è che fa il tecnico solo quando gli conviene, poi si mette a fare altro. Già prima delle parole di Diego, Prandelli era già andato in zona rossa, quando pensò bene di cacciare Dainelli, uno dei leader del gruppo, perchè il buon Dario ne minava l'autorità all'interno dello spogliatoio. Due settimane prima degli ottavi di finale di Champions League. Lì si capì che ormai il bene della Fiorentina non rientrava più nell'orizzonte del tecnico Prandelli, che ormai seguiva una sua logica di potere avulsa dalla responsabilità che gli era stata affidata. Non si può neanche dire che i Della Valle abbiano sbagliato valutazione. Con tutti i limiti che si riscontrano in chi lavora per te, la fiducia a certi livelli si deve dare per scontata, data la remunerazione elargita. Il tradimento della fiducia è atto grave e non preventivabile.

    RispondiElimina
  25. Oramai è ovunque, LUD....

    RispondiElimina
  26. stefano vienna11 luglio 2014 14:04

    Io tifo sempre per i più deboli, con poche eccezioni, una per esempio è quando i gobbi giocano in Champions League. Fa parte di un aspetto relativo alla mia fede nel politeismo cosmico, che applico volentieri al calcio. Per me, il dio del calcio, quando riesce a manifestarsi, si manifesta così, come quando il Liverpool rimontò tre gol ai rossoneri in quel di Instanbul. O quando l'Italia sconfisse il Brasile di Falco, Zico e Cerezo.

    RispondiElimina
  27. Inquietante, quell'occhio massonico, caro Sopra.

    RispondiElimina
  28. Tra qualche mese.
    "L'Impero Romano d'Oriente era più importante di quello d'Occidente".
    I tifosi del Gala: "EEEEHHH OLEEE GRANDEEEE!!"
    "Infatti mi ispiro a Terim sia come allenatore che come imperatore".
    I tifosi del Gala: "EEEEH OLEE GRANDEE!!!".
    "La gente che ama questa squadra è speciale, ci capiamo con uno sguardo (non riesco ad imparare il turco, ma questa è meglio non dirla".
    I tifosi del Gala: "EEEEH OLEE GRANDEEE!!!".
    "Ormai mi sento turco, fumo quattro pacchetti al giorno"
    I tifosi del Gala: "EEEH OLEEE GRANDEEE!!!".
    "Comprerò casa a Istanbul, a fine carriera vivrò a Instanbul, i miei discendenti dovranno essere turchi".
    I tifosi del Gala: "EEEH OLEEE GRANDEEE!!".
    "Sono pronto a rinnovare col Galatasaray per altri 47 anni".
    I tifosi del Gala: "EEEH OLEEE GRANDEE!!!".
    "Questo è un grande progetto. Lo scudetto? Entro 5 anni".
    I tifosi del Fenerbahce: "EEEEH SIAMO NOI SIAMO NOI I CAMPIONI DE LI TURCHI SIAMO NOI... NON VINCETE MAI NON VINCETE MAI SONO CINQUE ANNI CHE NON VINCETE UN CAZZO..."

    RispondiElimina
  29. Beh là ha in pratica il 50% ogni anno di vincere il campionato, è quasi sempre una lotta a due, almeno per i bisestili dovrebbe farcela. La prova vera sarà in CL...

    RispondiElimina
  30. Anche il logo è chiaramente una svastica contratta, chissà quanti segreti nascondono i fondali di quel lago...Gomez deve stare attento, o diventerà un'attrazione fantomatica da quelle parti, come il Mostro di Loch Ness.

    RispondiElimina
  31. stefano vienna11 luglio 2014 14:21

    önemli=importante

    RispondiElimina
  32. Ma che rompi, dì forza Germania, la Germania ha già vinto!

    RispondiElimina
  33. stefano vienna11 luglio 2014 14:23

    Non ce la faccio, è più forte di me. Eppoi ormai le scaramanzie sull'arrivo di Basanta diventano anacronistiche. Perdoname!

    RispondiElimina
  34. stefano vienna11 luglio 2014 14:25

    E' la prima cosa che ha fatto la Berti quando ha saputo che la portava ad Istanbul. Ha cercato la traduzione di importante sul dizionario.

    RispondiElimina
  35. Vabè, tanto c'è poco da far rituali e macumbe, la Germania ha già il titolo in tasca...

    RispondiElimina
  36. E noi che si infama, guardate cos'ha dovuto sopportare quel pover'uomo...

    http://www.horseexpress.it/PDF/1giu.pdf

    RispondiElimina
  37. Attento Giubbetta, fila dritto in Turchia, i tifosi del Gala han già pronti i BuKangal, non amano esser presi per il sellino...

    https://www.youtube.com/watch?v=Tv8WjJ46jRE

    RispondiElimina
  38. mi fa un certo effetto vedere accostati alla viola calciatori coi quali ho giocato assieme, nemmen da troppo bimbetti, e che giocavan titolari una partita su due.

    RispondiElimina
  39. Annapampa e Catia....ah ah ah ah ah ah ah.aha ha ha ha h il multinickismo non conosce sesso....ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah altro che Locke, Canterbury, etc..ah ah ah ah ah ah ah Annapamoa e Catia....sul sitone voglio proprio evitare polemiche, come ha detto Diego...ah ah ah ah ah ah ah ah aha....

    RispondiElimina
  40. Eh succede spesso...Chi, nella circostanza?

    RispondiElimina
  41. Sopra, hai dimenticato Marina. Il trio dunque, dal Parma Music Hall, sotto la direzione orchestrale di Kurt (= Prandelli non è più l'allenatore della Fiorentina, può dire quel che vuole, invece i DV sono i proprietari della Fiorentina, non possono dir male di Prandelli: ahahahahahahahahahahah! Il cervello in pappola... ahahahahahahahah!), le rintRONETTES! Per LUI! Solo per LUI!


    https://www.youtube.com/watch?v=jrVbawRPO7I

    RispondiElimina
  42. giulio donati. giocava in mezzo al campo, era piccolino a differenza dell'armadio che è diventato. giocatore di fatica, motorino inesauribile, piedi accettabili. calciatore senz'altro utile, il classico dodicesimo. ma le partite che contavano, contro vivai e giovanili, le stava a guardare. e poi tac, lo vedi giocare la champion's. tra l'altro, è pure bravo. ma se dovesse venire alla viola, gridargli di correr dietro alla palla non mi verrebbe naturale. nulla di male, eh. ma mi stranisce la cosa.
    ce ne sono anche altri che han fatto carriera, ma lui è l'unico accostato a noialtri fiorentini.
    un altro, che ho conosciuto solo da avversario, era Bonaventura: era uno dei più bravi, giocava seconda punta, ma la vera stella era il centravanti Marconi, soprannominato "uomo-lupo" per il suo precoce irsutismo. esordio in serie A contro la juventus; segnò pure, a 18 anni, in serie A. essermici francobollato addosso ed avergli impedito di segnare in 3 gare consecutive mi valsero una certa reputazione (credo anche un primato, in realtà) e pure qualche attenzione di club di cadetteria.
    poi il resto son chiacchiere e come sono andate le cose è sotto gli occhi di tutti.

    RispondiElimina
  43. ah, adesso marconi è finito nei meandri di lega pro

    RispondiElimina
  44. Credo non ci sia bisogno di descrizioni, né di specificare chi fosse il destinatario di tanto omaggio:

    https://www.youtube.com/watch?v=G6muLRI3WJs

    RispondiElimina
  45. Ci son giocatori che esplodono "tardi", magari maturando fisicamente o mentalmente...Però uno se li ricorda per quel che erano, e anche se li vede migliorati nettamente, fatica lo stesso a crederci. Ancora più frequente il caso inverso, baby-fenomeni fino a 16 anni, poi gli altri crescono e loro si perdono...

    RispondiElimina
  46. già. anzi, di casi come quelli che hai detto tu ce ne sono a manciate piene. da quello che ho intuito - e magari frainteso -, ce ne sono anche su questo blog.

    RispondiElimina
  47. Mi era sfuggito che il Barca si è assicurato anche Halilovic, giovane fenomenale.

    RispondiElimina
  48. Rintronettes ok ma emerge prepotente la frustrazione per non essere una Wag. Neanche ha tentato di cambiare forma stilistica, aggettivi, forme verbali, sintassi....boh..beccata con mani nella marmellata, la Lady (non) marmelade

    RispondiElimina
  49. sì difatti, l'ho scritto anch'io sul sitone ad un tipo che elencava gli acquisti del barca e se n'era scordato.
    haljlivic è pazzesco, ma sembra che lo faccian partire dal barcellona B..

    RispondiElimina
  50. stefano vienna11 luglio 2014 16:48

    Io a dodici anni ero fortissimo, poi volevano che mi allenassi tre volte a settimana e ho smesso. Come ripeto sempre, il lavoro distrugge il talento.

    RispondiElimina
  51. Per quello che mi riguarda, no. Io ero solo un sociopatico coi piedi in ghisa che si aggirava per i campi più infimi del dilettentismo umbro. Ho marcato Zampagna ventenne ( tre reti e manco il gusto di potergli menare), affrontato Nesta e Di Vaio implumi ( a fine partita avevo i conati a forza di corrergli appresso) e litigato con assassini di categoria fino alla sacrosanta squalifica. Pure a bigliardino sono stato una pippa.

    RispondiElimina
  52. Stefano Fiore....." L’ex centrocampista di Valencia e Torino si è espresso però con toni di sorpresa a Calciomercato.com nei confronti delle ultime tappe della carriera di Prandelli: “Ho avuto la fortuna di essere allenato nei miei anni trascorsi a Firenze da Cesare Prandelli e devo dire che rispetto alle sue ultime uscite, non lo sto riconoscendo rispetto ai miei ricordi con lui. Non ho trovato coerente la dichiarazione rivolta nei confronti di Balotelli, che ha definito non ancora un campione, perché sull’attaccante italiano del Milan ci ha costruito il suo progetto tecnico offensivo in Nazionale e ho trovato non veritiere le parole spese a riguardo di Giuseppe Rossi, perché quest’ultimo non mi sembra che con l’amarezza dimostrata per la mancata convocazione al Mondiale, abbia mancato di rispetto al gruppo e all’ex c.t.. Parlare di delusione umana per quanto fatto da Pepito mi è sembrato esagerato. (É vai!!)

    RispondiElimina
  53. Pole San Frediano "pareggiar" con Rifredi? La risposta è dentro di te, boss. Solo che è sbagliata.
    Prandelli? Anche no, grazie. "Non ti curar di lui, ma guarda e passa".
    Oggi va così, viaggio a frasi fatte (da altri). A riscriversi quando l'argomento sarà più interessante.

    RispondiElimina
  54. Viste le maglie del Palermo, sono sempre più convinto che la Joma, quest'anno, ci sta facendo scontare qualcosa.

    RispondiElimina
  55. anch'io ero allergico agli allenamenti, due coglioni mamma mia.. credo inoltre che ci fosse poco da imparare, se vieni fuori lo fai da autodidatta, a meno che tu non sia nelle giovanili di qualche club, ma spesso anche in quei casi lì

    RispondiElimina
  56. il giocatore che più mi brutalizzò fu il centravanti dell'arezzo. non ricordo il nome, non credo abbia sfondato, comunque non so. ma era fortissimo. ci buttò fuori in semifinale, 3-0, due gol suoi. tecnica eccelsa, e fisicamente un armadio a 4 ante. dopo esser stato ridicolizzato tutta la gara decido di farlo fuori: rinvio del portiere avversario a campanile, lui è a centrocampo, prendo la rincorsa per infliggere il colpo mortale ma quando mi avvento sulla preda lui si volta dandomi una sportellata che mi lascia col culo per terra. stop di ginocchio, palleggio, tiro al volo sotto l'incrocio. 3-0 e grossa figura di merda.

    RispondiElimina
  57. Te ne potrei raccontare molte, tantissime veramente comiche.

    RispondiElimina
  58. Vedo che qui ci sono potenziali campioni di calcio non sbocciati, per una ragione o per un'altra. Nel mio piccolo, dopo aver smesso col pallone, mi cimentai con la Pallavolo, con risultati ancora peggiori. Nonostante tutto venni convocato ufficialmente con la Nazionale Juniores per un ritiro a Ostia. I miei genitori non fecero una piega, non sapevano neanche dell'esistenza di quello sport e non gliene sarebbe fregato di meno neanche fosse stato vero. Infatti qualcuno era incorso in un errore di omonimia e non mi detti pace finché la verità non fu ristabilita. Quello bravo giocava nella Sestese, ahahahah!

    RispondiElimina
  59. avremo modo di snocciolarle strada facendo

    RispondiElimina
  60. Di nuovo Catia, Marina e Annatampax, dall'Oympia di Siena: dirige Ludwig Zaller [preferisco la performance precedente, questo è un aggiornamento insopportabilmente beatlesato: notevole però lo scatenamento finale per i fans ormai rétros del mitico gruppo, purtroppo prestissimo disciolto].


    http://www.youtube.com/watch?v=8-0upHlWfQ4

    RispondiElimina
  61. http://voxnews.info/2014/07/11/balotelli-imbraccia-fucile-e-minaccia-chi-osa-criticarlo/

    Questo é da psicanalista!

    RispondiElimina
  62. «When i feel blue in the night
    and i need you to hold me tight...»

    Le Multae in Una di cloaca hanno votato questa canzone perché conforti la convalescenza dell'Uomo di Gesso. Dirige John Aldous Travers:



    http://www.youtube.com/watch?v=tbU3zdAgiX8&feature=kp

    RispondiElimina
  63. Pensavo a "So vain" di Carly Simon...

    RispondiElimina
  64. «All the things you've said
    And things you've done
    I remember, in memoriam
    You said that you did
    But you did not...»

    La storia del Giubba, in un autentico capolavoro («I believe you liar»), almeno al mio gusto. La voce femminile del sitollock non può essere che la Rita, cui Pollock ha elevato monumentum aere perennius. Dirige Foco:


    http://www.youtube.com/watch?v=IaP1AM1mdpE

    RispondiElimina
  65. Ma lo sa che il Giubba lo odia? Forse qualcuno dovrebbe dirglielo...

    RispondiElimina
  66. King Lear! C'é anche Cordelia!!

    RispondiElimina
  67. Dieghissimo ha riscritto «A Silvia»:


    https://www.youtube.com/watch?v=lCcoQqx47vY

    RispondiElimina
  68. No. Semplicemente apre una fetta di mercato. Quest'anno, a Palermo, presentazione sul livello di quella in Piazza Signoria, due anni fa. "E la gira la gira la ruota la gira...". Visto che siamo in tema, ci sta bene anche il seguito, in contesto un po' più mistico. Per alcuni, sul sitone: -"...la storia del nostro incredibile amore continua, anche senza di te!"

    RispondiElimina
  69. Si può dire di tutto, su Fiore. Ma è sempre stato uno con sale nel posto giusto. Tra l'altro, il miglior ex giocatore visto a Firenze, fino alla venuta di Joaquin.

    RispondiElimina
  70. http://www.violanews.com/altre-news/foto-vn-al-campo-di-moena-anche-tifosi-argentini-20140711/



    Fiorentina! Argentina! Fiorentina! Argentina!

    RispondiElimina
  71. Intanto Giuseppe Rossi ha affidato ad un portavoce la sua replica a Prandelli:

    www.youtube.com/watch?v=T6tLz9KTD5s


    RispondiElimina
  72. stefano vienna11 luglio 2014 22:05

    Ci provo anche io, con una chicca.


    http://www.youtube.com/watch?v=Xj43dafq0r0

    RispondiElimina
  73. Ma su sitone è sparita la notizia delle dichiarazioni di DDV? Non la trovo più...

    RispondiElimina
  74. Niente, l'ho ritrovata

    RispondiElimina
  75. Ahahahahaha, l'unico commento bello che abbia mai fatto california viola (sotto la notizia di Rizzoli che dirigerà Argentina - Germania:

    "Disastro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Se l'Argentina gioca con la prima maglia (a righe) e la Germania con la seconda (a righe) questo finisce col dare dieci rigori a testa!!!!!!!!!!!!!!"

    RispondiElimina
  76. http://m.youtube.com/watch?feature=kp&v=ZQgYn23Xvck

    RispondiElimina
  77. parli proprio tu di cervello? Spettacolo puro!

    RispondiElimina