.

.

domenica 6 luglio 2014

La duna

È un privilegio addormentarsi con il rumore del mare, un po' come tifare Viola, il mare alle 6 di mattina da il meglio di sé, mentre la Fiorentina è più pigra, oppure molto semplicemente si lascia solo desiderare di più, e il meglio lo da poche volte nella sua vita. Il mondiale invece, alla fine si dimostra troppo scontato, neanche una sorpresa, e così sceglierà la sua migliore tra squadre che avrebbe potuto prevedere anche Lud. Intanto il sole si alza tiepido e puntuale, l'uccello no, quello è come per le vittorie della Fiorentina, capita di rado. Comunque ne avevo proprio bisogno di questa vacanza, a prescindere dalla pigrizia sessuale che supera di gran lunga quella intestinale, la duna dove mi trovo, tra la macchia mediterranea, mi fa pensare alla presunzione arrogante della famiglia Agnelli nel pensare di chiamare così una macchina di merda come quella. Avevo bisogno di staccare un po', anche la Rita del resto, lei però non può farlo perché pur essendo sulla duna con me, non può godere degli stessi privilegi visto che avrebbe avuto bisogno di staccare soprattutto da me. Ti accorgi che è il momento di staccare e di scappare sopra una duna quando non riesci più nemmeno ad aprire la porta di casa, quando cioè ti aggiri come uno zombie tra le abitudini e lo stress, e alla fine usi le chiavi della macchina per farlo. Poi quando neanche il Polase basta più a farti aprire la porta di casa, succede che per far riparare la serratura che pensi sia rotta, vai a chiamare un fabbro, ma non riesci a farlo perché per aprire la portiera della macchina usi le chiavi di casa. Per fortuna camminare fa bene, e allora gli ho detto di venire subito. Poi succede che ti guarda smarrito perché non può aiutarti, del resto l'ortolano di via Sant'Agostino ha sempre fatto altro nella vita. 

52 commenti:

  1. colonel.blimp6 luglio 2014 09:40

    Un totale delirio, una provocazione personale, oppure addio, sitollockiani!


    «Gli occhi (ma non solo) della Fiorentina, scrive il Corriere Dello Sport sono finiti tutti su Marouane Fellaini,
    nazionale belga di 26 anni del Manchester United. Ha un contratto
    ancora lungo con lo United, fino al 2018, ma non rientrerebbe nei piani
    di Van Gaal. Lo United per averlo aveva speso 33 milioni anche se adesso
    la sua valutazione è scesa di molto. Con lo United i rapporti sono
    discreti, e ai Red Devills piace Cuadrado. Non si parla però di scambio tra i due nel caso in cui gli inglesi si facessero avanti a livello ufficiale con un’offerta. Solo soldi per la cessione del colombiano, per poi puntare anche, in caso, su Fellaini».

    RispondiElimina
  2. Jordan:

    http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/Brasile2014/2014/articoli/1040555/brasile-si-ferma-anche-willian-160-.shtml

    RispondiElimina
  3. colonel.blimp6 luglio 2014 10:32

    Il Mondiale ha perduto il suo interesse, ormai. Tutto mi sembra scritto. Né capisco come Jordan possa sottostimare l'assenza di Neymar. La Germania, con le sue quattro coppe, ci sorpasserà nel palmarès perché vanta un numero maggiore di finali disputate e di piazzamenti nelle prime quattro. Nessuna novità tattica di rilievo da questo Mondiale (aggiornamenti più o meno squallidi del contropiede), nessuna nuova stella (almeno per i competenti: Jimmy era per me un sommo già da ben prima). Unica buona notizia: l'innalzamento del livello dal basso, la fine delle squadre-materasso. Il simbolo di questa edizione resterà il Costarica.

    RispondiElimina
  4. La Germania è favorita ma di poco, secondo me. Penso che Neymar fuori sia una brutta botta dal punto di vista tecnico, sicuramente, ma credo che senza sia più facile trovare la quadratura tattica del cerchio. Se Scolari non si è rincoglionito del tutto, abbandonerà quel cazzo di 4231, immetterà un terzo centrocampista e riporterà Oscar nella posizione naturale dietro Fred e Hulk. Hulk che sarà più vicino alla porta e meno defilato. Squadra meno imprevedibile ma con un senso.
    Olanda- Argentina la vedo altrettanto complicata. Robben è un alieno, per continuità e ferocia anche più di Messi. Van Persie ed Higuain per me sono pari, forse Lavezzi sposta un pochino la bilancia in favore dei sudamericani, ma per il resto mi sembra una sfida molto equilibrata.

    RispondiElimina
  5. per l'amor del cielo. passare da aquilani a fellaini sarebbe come passare dalla bellucci ad arisa.

    RispondiElimina
  6. Pensavo anch'io a una cosa del genere, soprattutto all'inserimento di Hernanes. Anche se credo giocherà Ramires. Inserire invece nel 4-2-3-1 uno dei giovani trequartisti, illudendosi che possa sostituire Neymar, sarebbe invece un suicidio, credo. Guardando la partita di ieri sera, non vi nascondo che a un certo punto, vedendo Robben sprintare, la sportività ha vacillato. Possibile che si rompano tutti gli argentini-chiave [Aguero, Di Maria...], e quel mostro non si prenda nemmeno uno stiramentino? Sarà un grande problema fermarlo, Rojo è comunque più adatto di Basanta, per passo.

    RispondiElimina
  7. colonel.blimp6 luglio 2014 10:49

    Effettivamente, Foco, Robben fa pensare a un alieno cinematografico o a un serial killer della West Coast, di quelli sistemati alla fine del film da Bruce Willis. Ancora non ho incassato l'ennesimo gruzzolone in via Cairoli per aver predetto il Turco fuori sùbito, ciò che fece impazzire Beberri l'Anormale su cloaca. Ancora Ludde sotto lo sciacquone per aver scritto che il pareggio col Lussemburgo era di buon augurio perché eravamo programmati per la finale. Sapere stanca, direi aggiornando Pavese.

    RispondiElimina
  8. colonel.blimp6 luglio 2014 10:56

    Dichiarazioni del Magic Raven, quasi stucchevoli per densità di sapere:

    «Per quanto riguarda la Nazionale ero scettico, perché ai Mondiali ci
    siamo arrivati con nessuna vittoria nelle ultime sette partite che hanno
    preceduto la competizione. Rossi lo avrei portato perché uno della sua classe sarebbe servito anche e solo per mezz’ora. Quanto al passaggio di Prandelli al Galatasaray, dico che l’allenatore ha colto un’opportunità, che non è certo tecnica, di quelle che possono capitare agli addetti ai lavori».

    RispondiElimina
  9. colonel.blimp6 luglio 2014 10:58

    Tomas Pina, dice.

    RispondiElimina
  10. colonel.blimp6 luglio 2014 11:00

    Aquilani sempre più lontano.

    RispondiElimina
  11. E' vero che Prandelli lo portò Corvino? E se sì, lo conosceva o si era fidato delle referenze? Non l'ho mai capito questo connubio, anche per i dissapori che non tardarono a manifestarsi.

    RispondiElimina
  12. Pare che Corvino abbia imposto Prandelli ai DV, che avevan già scelto Guidolin. Va detto che allora Prandelli aveva un'altra immagine, dopo la rinuncia alla Roma per seguire la moglie [i più maligni sostenevano già allora, però, che in estate aveva avuto grossi contrasti con Cassano e i senatori romani, e i motivi familiari non furono un pretesto per lasciare, ma quasi], e certi aspetti della sua personalità non erano ancora emersi. Io stesso ho capito con enorme ritardo la doppiezza del personaggio, tanto che l'uscita di Diegone sul giornale mi parve mossa fuori luogo ed esagerata. Mentre invece oggi, conosciuti i retroscena, direi che fu anche troppo moderato.

    RispondiElimina
  13. Come certi oggetti che, finché non li tocchi con mano, non capisci se sono gelati o ardenti! Diego si comportò da gran signore. Grazie Deyna.

    RispondiElimina
  14. colonel.blimp6 luglio 2014 12:00

    Per ringraziare il Sopra del bel post riassuntivo, gli dedico il mio giudizio assai criptato sul Museo Novecento, di fresco (davvero! Non appoggiarsi a certe pareti: portereste via la vernice) aperto a Firenze: «Avete svuotato i magazzini, criminali!». Salvare: 1) i Vedova (supremi); 2) i Casorati (tra i medio-alti di Felix); 3) il Cavaglieri (capolavoro disumano). Bruciare quasi tutto il resto, soprattutto esaltandosi piromaniacalmente per le fiamme avvolgenti Mirko e Magnelli, Guttuso e Fillia. Rosai, Mafai e Morandi (non più di un pezzo decente per ognuno) da riportare nelle cantine per non menomarne la fama.

    RispondiElimina
  15. colonel.blimp6 luglio 2014 12:01

    Ma non scherziamo, su Toulalan!

    RispondiElimina
  16. Sopravvissuto6 luglio 2014 12:06

    Fellaini é un fake suggerito da me a Vocalelli per stanare il Colonnello ma chiaramente un giornalista con un po' di materia grigia neanche pubblicherebbe una notizia come quella......Toulalan, caro DEYNA, ha dato tutto in Francia, l'han spremuto in Spagna (come una vinaccia che rimane dopo aver fatto del buon vino; la vinaccia va usata per vino di seconda scelta; la terza volta quella vinaccia viene usata per un sottoprodotto alla vino Ronco- cioè speremuti acini disidratati, tralcio, foglia, peduncoli....) e quindi sarebbe un Amrosini-bis. Valdivia, tu m'insegni, ha furoreggiato con i vari Fierro, Mati Fernandez, El Chupete nel Coco Colo di molti anni fa; ottimo talento, non giocherebbe in Brasile (!!), andava disciplinato, responsabilizzato...é un Cerci più cabezon, più discontinuo ma non é male. Toulalan, Valdivia....valgono Aquilani? No, ne come ruolo ne tantomeno come età. Basta con gente che viene a spendere ferie a Firenze....

    RispondiElimina
  17. Sopravvissuto6 luglio 2014 12:07

    Qui hai tu riassunto il mio parere su Toulalan.

    RispondiElimina
  18. Sopravvissuto6 luglio 2014 12:26

    COLONNELLO, quando in un museo sul '900 poni installazioni, video, multimedialità vuol dire che non hai chiara la "mission" del '900 stesso (secolo che non ha prodotto importanti "movimenti artistici italiani" ma ha rimpinguato la storia dell'arte di ottimi artisti); se scriviamo di Emilio Vedova (un mezzo barbone strappato alla strada, unico vero genio che divenne direttore d'accademia pur senza laurea!), trattiamo di uno di statura mondiale, poi il resto e scopiazzatura. Bella l'idea di fondo del museo ma fare accozzaglia non mi pare giusto. Magnelli? Filia?......vado a consultare il "Who's Who"del quartiere. Casorati? Stava disegnando una piazza romagnola e un passante (probabilmente di Parma o di Rio De Janeiro o forse di Ginevra) gli disse "Eh...cosa ci vuole a fare una piazza, a disegnarla....", e l'artista non rispose: gli diede una matita in mano pregando di tenerla ferma con la punta della grafite verso l'alto, poi prese un foglio(attaccato alla sua mano) e "a verso in giù" lo passo più volte sopra la matita...disegnando la piazza. Ecco, questo era il tipico genio del '900. Se in un museo com questo manca Mario Ceroli, che museo é? L'omo DePisis tracciò un piccolo solco, il Morandi non-natura morta sarebbe da mostrare, il Fontana paesaggista giovane é da mostrare, il Cremonini che coabitava a Parigi con Frued....Non ho visto il museo, il mio é parere sospeso ma dal battage, dalla visibilità sui media sembrerebbe una buona cosa ma, ripeto, credo ci sia un po' di confusione tra il '900 e gli ultimi "imbianchini, riparatori tv e saltimbanchi" (cfr. Dio- Flavio Caroli e i suoi strali)...per me l'arte é ancora pennello, spatola, bulino, masonite, tela, tavolozza...il resto é un Fellaini spacciato per un calciatore.

    RispondiElimina
  19. Appunto, me lo ricordavo un bel po' fuor di cottura, il francese. Valdivia non l'avrei preso nemmeno ai suoi massimi, è del tutto estraneo al calcio italiano concettualmente, oggi poi mi sembra anche calato in brillantezza. Penso siano nomi sparati là, tanto per.

    RispondiElimina
  20. colonel.blimp6 luglio 2014 12:35

    Le ultime dal manicomio giudiziario del Dubitoso: Basanta vale Rossettini. O, se volete, Rossettini vale Basanta. Sopra, grande recensione di un'opera mai letta, alla Sainte-Beuve! E' come dici tu! E l'unico Morandi potabile esposto è appunto un paesaggio preappenninico. Ed è troppo vero che il Novecento ci ritrae artisticamente in quanto popolo come nessun altro secolo: geni, in mezzo al nulla. Collante assente. Infine, ti segnalo eccellente pezzo di Lardera, un pevsneriano da rivalutare in mezzo a tanto metallo novecentesco da fondere per cannoni.

    RispondiElimina
  21. AntoineRouge, gnamo venvìa, peppiacere! Mancano i tuoi capolavori.

    RispondiElimina
  22. colonel.blimp6 luglio 2014 12:43

    Insomma, ci manca il direttore amministrativo: Angiolina metti tu il connettivo, noi mettiamo il Talento della Stirpe (dal «Nuovo manifesto sulla razza», Alta Ciociaria, Edizioni del Sopravvissuto, 2014 sotto torchio [dell'Ovra]).

    RispondiElimina
  23. colonel.blimp6 luglio 2014 13:04

    Via Cairoli, dove c'è il mio salvadanaio permanente, dà, per la vittoria finale, Germania, Argentina e Brasile alla pari, Olanda dietro. Insomma, a puntare l'ovvio scontato banale preconfezionato, e cioè la Germania, uno vince pure quattrini! Fortuna, che al mondo sia tanto diffusa l'incompetenza!

    RispondiElimina
  24. colonel.blimp6 luglio 2014 13:08

    Ahahahahahahahahahah! Immaginate le giornate intense di macumba di Beberri, dico di Beberri l'Anormale, ora che ho emesso il Verdetto... ahahahahahahahahahahahah! Poro Beberri, pora dismissione-pontellizzazione, poro Tutunci, poro Turco, pori fatturati, pori Cellino/Zamparini/Preziosi presidenti modello, pori alibi arbitrali che non valgono, pori quarti posti boni e quarti posti cattivi, poro Tavernello, poro te... ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  25. Dismission???? Aspettiamo tutti la risposta in coro, il boato del Sitollock, forza!

    RispondiElimina
  26. Pare che dalla camera color seppia della povera nonna siano scomparse la vecchia collezione di bambole inizi '900, strisce di stoffa gialla, verde, bianca, celeste, e il cestello pagliato con gli spilli da cucito. Torna su piccino mio, vieni a fa merenda, è inutile che perdi ore con quei rituali, quella giubba-reliquia che hai appeso sopra il letto in cameretta e un li fa più miraholi! Un l'ha mai fatti, o grullo!

    RispondiElimina
  27. Ieri a dire il vero l'ho visto meglio del solito, all'Everton pure gli ho visto fare qualche buona partita, ma nel calcio italiano credo sarebbe un flop di proporzioni colossali.

    RispondiElimina
  28. colonel.blimp6 luglio 2014 15:21

    Pare che, se vendiamo Cuadrado,



    «a Firenze si dovrà temo parlare di una ennesima occasione perduta, dello smantellamento incomprensibile e vagamente folle, oltre che non indolore sul piano economico, di una squadra perfetta».


    Al solito, la logica della Fava Atomica è farinosa: se Cuadrado parte sarà per plusvalenza fiabesca, onde non si vede dove sia il dolore economico se non per chi lo acquista; una squadra che arriva quarta in campionato non è «perfetta» a meno che sia molto imperfetto l'allenatore, ciò che il montellomane ha sempre escluso fieramente; la squadra attuale non era perfetta a dire della stessa Fava Atomica, dal momento che aveva disastrosamente venduto Ljajic, disastrosamente negletto il Gabbia, Guidetti e Marrone di Mutanda, disastrosamente acquistato Gomez e Ilicic; come la partenza di un giocatore per tanti dindi che permettono tante compere possa esser considerata uno «smantellamento» è roba che lasceremo all'analisi del medico di Beberri l'Anormale e del Dubitante, quel che è sicuro è che fra Pradè e la Fava Atomica l'unico che possa esser definito «folle» è noto a tutti.

    RispondiElimina
  29. A onor del vero temo ci sia un errore interpretativo nel tuo studio esegetico delle parole del Profeta del 4-3-3: la squadra perfetta è quella montelliana primigenia, smantellata con sottile crudeltà dal perfido duo, con sottrazioni periodiche ma inesorabili [prima Jovetic, poi Ljajic, oggi Cuadrado], ed addizioni boicottanti il perfetto meccanismo [Gomez]. Oggi stiamo solo assistendo all'ultimo capitolo di tale capolavoro del male, tra le macerie fumanti: l'esilio dei falsi nueve, o il loro immiserimento in ruoli da seconda punta, i dinosauri al potere, forse perfino l'insediamento di un orribile trequartista a completare il quadro. E pensare che potevamo lasciare Gomez dov'era [225 gol in carriera] per prendere il Gabbia [24 reti in toto].

    RispondiElimina
  30. colonel.blimp6 luglio 2014 15:57

    Se così, mal si espresse l'autore: ma la logica della Fava Atomica ne risulterebbe vieppiù crivellata, visto che con squadra già smerdata da quella perfetta dell'anno precedente abbiamo raggiunto lo stesso piazzamento, rinunciando per metà dell'anno a Pepito e per quasi tutto l'anno a Gomez.

    RispondiElimina
  31. Sopravvissuto6 luglio 2014 16:07

    A 40 io lo cederei, Cuadrado. + 6 di Ilicic e con 45 cocuzze si comperano almeno 4 ottimi calciatori; poi se Bonaventura vale 10 milioni, allora Cuadrado vale 50.

    RispondiElimina
  32. Se Bonaventura vale 10, a essere rigorosi, Cuadrado ne vale minimo 70/80...

    RispondiElimina
  33. colonel.blimp6 luglio 2014 16:12

    Cavolo, McGuire, ho sùbito stanato Beberri l'Anormale che si è incazzato di brutto! Nella sua solitudine dolomitica o sodomitica ha cercato di agganciare con blandizie Ludde che è solo l'ultimo ad avergli gettato una manaha di cacca in faccia... ahahahahahahahahahahah! Poi ci ha pensato Deyna a posare la lastra tombale... Beberri, gòditi il Turco nepotista sul cesso al turca fuori al primo turno e schiatta... ahahahahahahahahahah! E dismission? Ma impossible, come provato! Ahahahahahahahahahahah! T'ha frizzato, eh? Aahahahahahah! Il «fulmine», naturalmente... ahahahahahahahah! Su su per il tunnel... ahahahahahahahahah! DDV, grazie di averli ridicolizzati, gli sfigatoni del Tavernello e della caponata... ahahahahahahahahah! E quando vuoi vieni qui a dircele in faccia, le cose, senza mascherina, Pixel nuovo di zecca: mettici la faccia e non preoccuparti anche se sembra un culo... ahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  34. http://www.firenzeviola.it/news/berti-l-ex-add-stampa-viola-segue-prandelli-al-gala-159813

    E come poteva non portarsela dietro? Chissà quali sorprese ci riserva ancora il Cottomano©, vuoi vedere che...

    RispondiElimina
  35. Beberri alias Pixel è un notorio imbecille. Tutti lo sappiamo e solo lui lo ignora. La caduta del Turco in Brasile lo ha letteralmente mandato fuori di testa. Quattro lunghi anni di contestazioni antidellavalliane andate miseramente in fumo. Al confronto le idiozie della Fava Atomica appaiono intuizioni einsteiniane. Se avesse un minimo di dignità, dovrebbe autostrangolarsi o, almeno, non parlare più di calcio, ma, tutt'al più di polo (maglietta o sport fa lo stesso).

    RispondiElimina
  36. Ora si porta anche i' DJ! ti immagi i due addetti stampa che un sanno una ceppa di turco che cazzo dicano! E il piccolo ginnasiarca? Orizzonti di gloria per il Fehnerbache! Tanto tra se' mesi lo buttan fori e ripiglian Terim!

    RispondiElimina
  37. Che ne pensate degli elogi sperticati di Monzon Novellino a Babacar?
    E del Mondiale di Mascherano?

    RispondiElimina
  38. Certo ora il MAS e si trova in difficoltà. E starà sempre ad ascoltare ma se un capisce una sega poi icche fa?

    RispondiElimina
  39. 1) che il procuratore gli ha promesso qualcosa
    2) Mascherano a fa' legna è bono, io lo piglierei.

    RispondiElimina
  40. Sopravvissuto6 luglio 2014 18:30

    Baba da tenere, Mascherano costa troppo sia d'ingaggio sia di cartellino e non é uno che non cambia gli equilibri. Io davanti la difesa metterei Valero.

    RispondiElimina
  41. Valero lo vedo un po' lento e "cagionevole" per mettersi a reggere l'urto davanti alla difesa...Mascherano lo prenderei al volo ma non è fattibile.

    RispondiElimina
  42. colonel.blimp6 luglio 2014 20:37

    Maglietta o sport... ahahahahahahahahahah! Il cottomano... ahahahahahahahah! Il piccolo ginnasiarca... ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  43. Veramente sapevo che si era dato al golf, ma con i ferri da maglia o con la mazza? Intanto siccome ho memoria come gli elefanti, gli ricordo che è il secondo anno consecutivo che andiamo sopra i fatidici 65 punti che lui aveva posto come traguardo irraggiugibile senza il santo. Quando arriviamo a quattro anni di seguito ha promesso di smettere di parlare di calcio. Ci conto e me ne ricordo.

    RispondiElimina
  44. stefano vienna6 luglio 2014 20:51

    La combriccola si trasferisce armi spuntate e bagagli pieni di nipoti e nipotini in terra turca. Insomma ce li siamo tolti dalle palle per almeno un annetto, spero.

    RispondiElimina
  45. colonel.blimp6 luglio 2014 20:58

    Non dubitare, Stefano, che pur di là Giubba Iscariota pontificherà sulle sorti viola e distillerà il suo veleno.

    RispondiElimina
  46. Sopravvissuto6 luglio 2014 22:07

    Brio: mai ascoltata una persona con così lacune di personalità. Tu leggi un libro delle "juventinitá" e trovi, tra i tanti anche lui. I sottogrado sono: 1) Saccenti di nulla (Gentile, Bonini, Furino, Benetti, etc.), 2) boriosi (Marocchi, 3) mafiosi (Bettega), 4) trombati (Ferrara, Cabrini) e via così...

    RispondiElimina
  47. Gentile alla fine è il meno peggio [non solo per i trascorsi viola], Bettega è la summa delle prime tre categorie.

    RispondiElimina
  48. Il Brasile 'deve' vincere il Mondiale. Di riffa o di raffa! Vuole, anzi, esige direi prepotentemente, che la FIFA tolga la squalifica a Thiago Silva. Ne vedremo delle belle in ogni caso, cose mai viste prima, al limite dell'immaginabile. Ne sono convinto anche se spero di sbagliarmi.

    RispondiElimina
  49. http://www.calciomercato.it/news/284794/argentina-si-cerca-il-recupero-lampo-di-di-maria.html



    Una lotta contro il tempo! Peccato che l'Argentina in finale non ci arrivi, è scritto.

    RispondiElimina
  50. Stai scherzando vero ?! A 2,15 era una quota irrinunciabile, soldi facili, sicuri, roba da farsi la seconda casa, difatti........

    RispondiElimina