.

.

venerdì 22 giugno 2012

Non ci sono più le mezze stagioni (solo le mezzeseghe quando entrano Giovinco e Di Natale)


Il mondo cambia e per il traffico di trasformazioni che lo stravolge, usa il cambio automatico evitando in parte la frizione con chi invece fa resistenza ai mutamenti, mi viene in mente il nostro peruviano che dimostra come le teste di cazzo ci siano sempre state, e che quelle non cambiano mai, comunque insieme al mondo ci prova anche il calcio ad evolversi, anche se non ancora al punto di inserire la tecnologia, un pianeta questo un tempo in mano a famiglie come i Cecchi Gori, oggi entrato nell’era dei Cecchi Gori in Paone, grazie al pavone che fuoriesce vanitoso da ognuno dei suoi protagonisti, regale come un cigno anche se in molti casi non ha la stessa classe di quello di Utrecht, se si pensa alla volgarità di tatuaggi come quelli di un Boateng 747 che atterra pesantemente sul concetto di buongusto, o di un Lavezzi che tra frizzi e lazzi se ne è andato a Parigi lasciando il calcio italiano in mano alle sentenze di Palazzi. Il giocatore oggi, sulla scorta di una nuova immagine assegnata all’uomo del terzo millennio, fa la ruota e non di scorta, ma si cura in maniera maniacale vigilando quando scende troppo la notte della trasandatezza su colleghi rozzi e pelosi, e allora entrano in scena loro negli spogliatoi, istituendo servizi di vigilanza che un tempo erano di competenza dei metronotte mentre oggi sono appannaggio esclusivo dei metrosexual. E mentre i presidenti dilapidano, loro si depilano, preparando le polpe muscolose e gli avambracci a stesure di colore e tribali da mostrare alle telecamere, insieme a qualche arabona qua e là, che non è una islamica sovrappeso sedotta e abbandonata nel tunnel degli spogliatoi, e chi non ha la giochessa nelle corde si tatua sul viso espressioni dure come quella di Gattuso, mentre al povero Cerci che aveva scelto l’immagine vincente di Cristiano Ronaldo, hanno sbagliato soggetto e tatuato quella di Verdone quando fa Mimmo. Passate, fermagli, tagli studiati nella galleria del vento, scarpe colorate che si vedono dal satellite al pari della Grande Muraglia, e difese una volta muraglia, oggi invece sderenate dalla scomparsa della marcatura a uomo tanto cara a Cecchi Paone. In tutto questo Grande Fratello multietnico la Nazionale Azzurra più multirazziale della sua storia presenta anche un giocatore di colore, e il calcio va incontro a questa modernizzazione cambiando le regole, e quando Balotelli gioca in coppia con Cassano, l’Uefa sostituisce gli assistenti di linea con gli assistenti sociali, una convenzione strappata con il buon ufficio di Don Gnocchi. Cambia tutto e cambiano anche i modi dire “piove governo ladro” è diventato anacronistico solo per il fatto che piove sempre meno, dire “mi fai venire il latte alle ginocchia” va incontro da una parte alla problematica delle quote latte che affligge gli allevatori con multe superiori a quelle inflitte alle società per il lancio dei fumogeni in campo, e dall’altra è un modo di dire che avendo un ampio spettro di applicazioni va rivisto caso per caso, nel mondo del calcio e in particolar modo utilizzato in relazione alle conferenze stampa, ha sicuramente bisogno di essere aggiornato alzando di non poco il livello, perché “alle ginocchia” almeno che non si parli di Watussi, non rende sufficientemente bene la pallosità della situazione che va a descrivere. Per esempio, una conferenza stampa di Prandelli per poter andare in onda va prima impermeabilizzata per via di quanto latte alta qualità esonda, e infatti dopo la vittoria con l’Irlanda, la foto mostra le condizioni della sala stampa, l’auto è invece quella di Montolivo che all’Europeo è venuto solo a fare una girata, e così sfrutta il pass della Federazione per posteggiare a ridosso dell’uscita.

68 commenti:

  1. Giovinco è stato riscattato dalla Juve per 11 milioni. Pensare che c'era chi lo inseriva nel nostro carrello degli acquisti anche quest'anno! Per dar contro alla Fiorentina e, prima, a Corvino si trovano tutte. Manca ora solo che Vuturaldo ci dica: «Quel Cristiano Ronaldo è da tempo che dico che è giocatore interessante, solo crassa incompetenza ha impedito finora al Rasputin di Vernole di portarlo a Firenze».

    RispondiElimina
  2. Ganzi anche alla Juve, è suo, lo regalano e poi lo ricomprano per undici milioni. poi non lo faranno giocare mai e l'anno prossimo lo rivendono a meno della metà. Ma tanto paga Pantalone con i sussidi all Fiat. Lascia però fare il mago di Vernole che ne ha combinate quante Cacco negli ultimi tempi. Cassani 4,5 milioni, metà Lazzari 3,5, meà Kharja 2,5, Munari 2, Olivera 1,5. E poi dice che non aveva soldi! meno male, se li avesse avuti faceva chiudere la Tod's!

    RispondiElimina
  3. Lazzari non è certo l'infamia e forse lo riscatti a meno, con Munari non hai perso quasi nulla, Cassani è davvero buono in difesa a quattro e il prezzo non è certo scandaloso, Kharjà vediamo a quanto lo vendi agli sceicchi, Olivera a 1,5 fa schifo solo a te: e questi sono gli affari sballati, figurarsi quelli riusciti.

    RispondiElimina
  4. Lazzari valutato 7 milioni è da applausi. Se lo perdi perchè metti poco hai fatto il solito affarone di un prestito oneroso pagato 3 milioni e mezzo, se ci metti qualcosa lo paghi un 6 milioni ed è da inchiesta. Cassani a 30 anni fatti vuoi vedere chi te loidà 4.5 milioni, infatti vedi bene come strillano da Palermo che è nostro. Kharja ci rimane perchè tutti e due ci metteremo zero, trovare lo sceicco scemo che ce lo paga e gli dà 1,2 netto di stipendio non deve essere ritenuto tanto facile.Olivera e Munari, a parte che ci hai rimesso e ci rimetterai per tutti e due, mi dici a cosa sono serviti? Se invece di pigliare cinque pippe da due milioni ne avesse comprato uno buono da dieci, no, ?

    RispondiElimina
  5. Cassani (che è buono, ripeto, se non fai giocare avanzato) quando è stato comprato aveva 28 anni, ad agosto ne compie 29, non aumentiamo l'età in misura direttamente proporzionale a quanto la si diminuisce a Montolivo... Per Kharjà aspetta la fin della fiera, dico, e per Lazzari (in ripresa netta nel girone di ritorno) aspetta pure per il totale, se sarà da 7 o no. Munari è servito a poco, è vero, ma per Olivera (costato du' lire e valido) chiedere conto a Cassius Clay, a Lecce è stato il migliore in campo. Chiamare pippe i succitati è scorretto davvero e poi c'era una questione di numero di giocatori di rosa e di copertura di ruoli, onde il discorso di 5 per 1 comunque non sarebbe impostabile. Infine: uno da dieci bono non lo sapeva mica comprare il Corvo, mica tutti sono capaci di comprare Behrami a 3 milioni e rotti o Jojo a 9...

    RispondiElimina
  6. Tanto per andare ai numeri, nei cinque prima citati si sono spesi 14 milioni di cartellino e più di 4 netti di stipendi, con una valore residuo odierno dei cartellini che arriva a poco più di un terzo. Nel frattempo anche grazie al "pesante" contributo dei suddetti ci siamo salvati alla penultima giornata realizzando un campionato penoso. Come si faccia a voler difendere Corvino per questa campagna acquisti mi sfugge al comprendonio. E' stato più deleterio di una peste suina.

    RispondiElimina
  7. Il calcolo è errato perché non tiene conto delle metà di riscatto, su cui occorre attendere. Anche a me sfugge come si possa accusare Corvino di far giocare Cassani quinto di centrocampo, Olivera mai, giudicare Lazzari imprescindibile e se non si è d'accordo rivolgersi al DS per chiarimenti. Corvino ha sbagliato gravemente la campagna di gennaio, quella estiva poteva essere migliore ma non è stata un disastro, comunque non sul piano finanziario.

    RispondiElimina
  8. Il calcolo tiene conto di tutto, di quanto si è speso e di quanto si potrebbe riprendere oggi (ammesso che Lazzari ce lo ricomprino il che credo difficile), se è sbagliato e di quanto si vedrà quando avranno venduto, se gli riesce, questa eredità corviniana. La campagna estiva è stata ancora peggiore di quella di gennaio. Lì non ha fatto nulla e non ha speso nulla, anzi ha preso otto milioni da Gilardino ed era difficile prenderci di più. Su Amauri ha avuto anche la scarogna degli infortuni (anche se prevedibili) ma prenderlo non è stato un errore, l'errore è sato prendere lui solo.  D' estate invece ha speso, e male.

    RispondiElimina
  9. Poi la Fiorentina ha fatto 22 punti all'andata e 24 al ritorno, o che sarà tutta colpa di gennaio?

    RispondiElimina
  10. Non dico che Amauri sia stato un errore ante factum (post factum sì, sennò varrebbe doppia bilancia per quelli che spregi, ad esempio), ma non aver preso El Hamdaoui (e in quella maniera, poi!) né un centrocampista per Montolivo a rotoli è stato fatale. Per Gila ne avrebbe presi un po' di più se ADV non gli dava l'alt in estate. Circa l'inizio del post, se ti ho detto di aspettare?!

    RispondiElimina
  11. Quelli che "spregio" non si son rotti, son pippe o mezze pippe, il discorso è diverso. Comunque io no difendo gennaio, dico che giugno è stato, se possibile, anche peggio.

    RispondiElimina
  12. Deyna un enigma per gli appassionati delle statistiche e di Wikipedia. Se si consulta la voce Manchester City 2011-2012, e si prendono in considerazione le statistiche dei singoli giocatori, vediamo ricomparire un dato straordinario: Balotelli avrebbe segnato 14 goal giocando 13 partite e subentrando 8 volte. Se invece si  guarda la voce Balotelli sia della Wiki italiana che di quella inglese appare un dato più umano, sempre ottimo, 23 partite 13 goal. Onestamente tra le tre la voce fatta meglio mi pare proprio  quella relativa al City. Con un po' di pazienza si potrebbe venirne a capo. Io comunque sono solo un appassionato, non certo un addetto ai lavori e non posso ne' voglio star lì a riguardarmi tutte i tabellini delle partite della squadra di Mancini. Resta il fatto che rispetto al Balotelli italiano un po' avaro in zona goal questo Balotelli inglese va anche a segno. Terrificante la marcia del City, con sconfitte umilianti al Manchester United e al Liverpool. E con una squadra che vanta, oltre Balotelli, giocatori come Aguero e lo stesso Nasri ammirato nella Francia agli Europei. Che dire? Anche Mancini sarà maturato! Per quanto mi riguarda le mie preferenze in fatto di donne l'ho già espresse: Romy Schneider. Per le scene erotiche della suddetta, posto che non ha mai girato "Giovannona Coscialunga"  consiglio "La piscina" con Delon e "La califfa" che piace anche a Jordan.

    RispondiElimina
  13. Cassani e Lazzari pippe o mezze pippe non tiene, né ante né post factum (per me nemmeno Olivera, ma lì ammetto che ci siano margini del dire).

    RispondiElimina
  14. Colonnello tu che sei retore per eccellenza sai chela retorica si basa sull'esagerazione del concetto. E' chiaro che pippa o mezza pippa alla lettera uno che gioca per anni in serie A non è, diciamo che sono giocatori sopravalutati, alcuni in modo inspiegabile rispetto al loro valore, e che han contribuito al disastro di quest'anno. 22 punti, lo ripeto, si son fatti nel girone d'andata, nel girone di ritorno, nonostante gennaio (che certo non difendo) se ne son fatti 24. Che si fosse sbagliato tutto dall'inizio è concetto così pellegrino?

    RispondiElimina
  15. Non sono sopravvalutati, quelli almeno che ho citato, perché Cassani ha reso meno perché impiegato contro natura, Lazzari nella seconda parte della stagione ha mostrato spesso perché il Milan a lui si era interessato, Olivera è stato tenuto allo scarto. Fino a gennaio le responsabilità di Corvino trovo che siano relative, dopo la situazione dà in effetti di balta per due suoi errori madornali, che ho illustrato: credo che ambiente e allenatori, fino a gennaio, ne abbiano commesse più di lui, ciò non significa che lui non fosse in perdita di velocità rispetto al passato, non però ancora da esonero.

    RispondiElimina
  16. Che Cassani sia una pippa è opinione non condivisibile. Io ho giocato terzino qualche anno, a discreti livelli, considerarlo scarso vuol dire avere scarsa conoscenza del ruolo. Che abbia disputato una stagione non buona è evidente ma credo che nel calderone ci finisca due terzi della squadra a meno che non si consideri la classifica finale uno scherzo del destino. E non lo è. Abbiamo rischiato di retrocedere nonostante uno Jovetic a mezzo servizio che ci ha tolto tante castagne dal fuoco e da un Behrami immenso. Togliete quei due e fate due conti.

    RispondiElimina
  17. Leo, non è Cassani il pomo della "discordia", io non credo sia un fenomeno, ma non è una pippa, è un giocatore di valore medio nel ruolo in serie A. La discussione verte sulla campagna acquisti fatta a giugno, nella quale non è vero che non si è speso, perchè si sono spesi 14 milioni e distribuiti 4 di ingaggi, col bel risultato di fare 22 punti, nonostante due allenatori, evidentemente pippe tutti e due. A gennaio si è completato l'opera, Se tolgo i due che dici e faccio i conti cosa ne devo dedurre sull'organico a disposizione ed i cinque nuovi arrivi in particolare?

    RispondiElimina
  18. Allucinanti barricate dei greci, che riescono a perdere solo un a zero alla fine del primo tempo. I tedeschi si sentono molto sicuri, hanno lasciato in panca il trio d'attacco, ma vediamo la birra che le due squadre avranno nella ripresa.

    RispondiElimina
  19. Abbiamo riscattato la pippa Lazzari per 1,5 milioni: mille di questi riscatti a questo costo per mille di queste pippe! 

    RispondiElimina
  20. 1e5 pe lazzari mi paion troppi, speriamo che dimarzio abbia messo uno zero in più sennò pradè gli ha cominiciato maluccio,  5 piotte pe lazzari e un son miha pohe...

    RispondiElimina
  21. ahahahahah 5 milioni per un panchinaro?grazie Corvino ahahahah ,se non entrano i 30 milioni di Jovetic la vedo buia

    RispondiElimina
  22. Guarda che grazie a i tu' amico panzone e s'è pagato 5 milioni che un n'è poco per il giocatore

    RispondiElimina
  23. Ma se le buste l'apran domani che ci hai la veggente? Se si è messo 1,5 milioni si è messo più o meno il giusto per non rischiare di pagare 3,5 milioni il prestito di un anno e recuperare comunque qualcosa. Se poi ci rimane, nel complesso non s'è pagato poco, ma si può ringraziare panzone.

    RispondiElimina
  24. Certo, sarebbero troppi se si considera il Lazzari del girone di andata, per il valore del giocatore invece non sono troppi, è un buon centrocampista che lo scorso anno ha risentito del marasma generale.

    RispondiElimina
  25. infatti dio che gli è troppo, per un panchinaro... io sperao lo rispedissero sull'isola, maremma diacciata...

    RispondiElimina
  26. Gianni mi sembri troppo ottimista, comunque, considerando i costi che anche il calcio, forzatamente, sta rivedendo, rimango dell'idea che un valore complessivo per Lazzari di 5 milioni sia una gran cazzata, o devo ricordarti quanto è costato, per esempio, Behra? :-)))
     

    RispondiElimina
  27. Comunque le buste le aprono domattina alle undici, finora c'è solo una dichiarazione di Di Marzio, noto chiaccherone di mercato, sul suo sito, dietro alla quale si sono precipitati tutti i sitini...e il Colonnello. Magari è vero, una volta consegnate le buste gli spifferi soffiano, però non è per niente ufficiale.

    RispondiElimina
  28. Louis, se si pensa che il giocatore era in orbita Milan bisogna vedere qual'è il vero Lazzari, se comunque possiamo discutere sul totale pagato, che come dici giustamente in questo preciso momento di crisi non sono pochi, io allora ti e vi domando, se tu oggi metti zero euro in busta e lo perdi, con un milione e mezzo lo metti in rosa un giocatore del suo valore?

    RispondiElimina
  29. Poeta l'ho già scritto, il valore di 1,5 da mettere in busta è più o meno giusto, anche per cercare, se lo perdiamo, di riprendere qualcosa di quegli assurdi 3.5 dati da Corvino. Il punto son quelli, non quelli che si pagherebbero adesso.

    RispondiElimina
  30. Per me la risposta è sì. Ma ti ribalto il discorso: come dicevi tu, avessimo perso il giocatore, aver pagato un "prestito" 3,5 milioni non sarebbe stata una follia? Discorso simile a quello di D'agostino, lì si son spesi 4.5 mln per un prestito di un anno, perchè di questo, nei fatti, si è trattato, qui si è rischiata la stessa fine, e forse, proprio per non fare la stessa figura, si è pagato un tavernello (quello bianco frizzantino in promozione alla coppe) come un castello della sala...

    RispondiElimina
  31. In orbita Milan era se non costava nulla, ora prende tutta gente a parametro zero il pelato bandito

    RispondiElimina
  32. Si deduce Jordan che l'annata è stata disastrosa, sia nelle scelte, sia in chi le ha fatte e condivise. Mettiamoci pure un pizzico di sfortuna ed una compagine di lavativi ed ecco il quadro. Considero Sinisa (discreta pippa) e Rossi (di certo meno pippa) i meno colpevoli.
    Grecia Alamo ha retto solo un tempo, vuoi che quel non gioco alla lunga non paga, vuoi perché la porta è difesa da un dopo lavorista ed il risultato è li belle e servito. 

    RispondiElimina
  33. Sei un po' strega Louis perché stasera ho messo in frigo un Bramito.

    RispondiElimina
  34. Leo era già clamoroso che fossero 1-1 dopo un'ora di gioco. La tattica aveva pagato. Se poi sbracano ne prendono un secchio, la differenza c'è e si vede. Il portiere poi è una pippa colossale, ma l'ha pagato la Merkel?

    RispondiElimina
  35. E' Behrami che è stato un colpo grossissimo a quella cifra, un colpo alla Magic Raven, 5 per Lazzari sono normalità, per quello che abbiamo visto nel girone di ritorno. Ha voluto bene alla Viola e lo ha mostrato sul campo, sta bene a Firenze, si giocherà una maglia da titolare: bene così. Il penultimo post di Pollock è esemplare, se lo perdi a zero Jordan ti sega i timpani per un'estate, così te li sega perché l'abbiamo riscattato a poco... ahahahahahahahah! Dopo Sticazzi e Facundo, Lazarillo riscattato: il Pradè si vede dal mattino! E con Matavz si tornerebbe ad avere un toniano in attacco! E El Hamdaoui completa di lusso in panca! Via via, ci si rimpannuccia! Frattanto, gli dei del calcio decidono di ovviare al letargo durante Russia-Grecia e sanzionano le vergognose trincee elleniche. Germania comunque non impeccabile davvero, nonostante il risultato. All'Albereta o al Quercione o in Piazza D'Azeglio un portiere migliore di quello greco si trova a mosca cieca.

    RispondiElimina
  36. Quel che scassa è che, se per caso battiamo l'Inghilterra, i tedeschi avranno 48 di riposo più di noi: tenerne conto, eventualmente.

    RispondiElimina
  37.  un Bramito in frigo ci sta sempre bene, ti suggerirei di aggiungere un Blangè, se ami il lievemente frizzante, ma sempre di categoria, neh?

    RispondiElimina
  38. L'ho vista a sprazzi, ma come si fa a prendere un gol come il secondo dei tedeschi? Vabbene dormire, ma il greco se n'approfitta eh...

    RispondiElimina
  39. Io mi son bevuto un ottimo Ramato, un po' acidulo ma il convento passa quello. 

    RispondiElimina
  40. Io Lagavulin, ovviamente senza ghiaccio!

    RispondiElimina
  41. Su Lazzari, vorrei ricordare a tutti voi cosa fu Jorghensen al primo anno a Firenze e come venne riscattato alle buste. Poi vi rammento cosa fu dall'anno successivo....

    RispondiElimina
  42. Bravo Orcio! Comunque c'è chi porta più sfiga di Deyna alla Nazionale, ed è il salottino de' rintronahi della RAI: la partita con l'Inghilterra è già archiviata, siamo più forti, Hodgson è un poveretto, non hanno genio, Rooney è fuori forma, stiamo giocando bene, fanno catenaccio, era meglio Capello; in quanto alle semifinali noi i Tedeschi li foriamo, con quella difesa che si ritrovano, e poi loro esistono solo per farsi battere dagli Italiani, figuriamoci in semifinale, già tremano d'incontrarci. Insomma, siamo ammessi di diritto (divino, anzi di vino, trafficato come quello che bevono questi poveri bisognosi qua sotto) alla finale di Kiev... Sciò, sciò, sciò, mamma mia! Aglio, fravaglio, fattura cà nun quaglia, corna, bicorna, cap’alice e capa d’aglio! E veniamo a cose più piacevoli ma anche più conturbanti: parlo di Simona Rolandi. Ella non sarà una bellezza immortale, propriamente, a Deyna sembrerà in età milfica, però da lei ricevo da sempre stimoli potenti, e quando è abbronzata, poi, rischio serio infortunio ai pantaloni. Lo scenario è una cabina di Lido o di Forte, di questa stagione, con rapido, intransigente avviluppo. Oppure, con arretramento nel tempo, pineta del Poveromo pre-urgano, con maggior agio di sviluppi e di posture.

    RispondiElimina
  43. Basta passare un girone per scatenare giornalisti da strapazzo Colonello, come se Deyna non fosse già una belle iattura eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  44. Chiarificatore23 giugno 2012 07:06

    Intanto è sbagliato dire che
    Pradè ha preso Lazzari per 5 milioni, valutazione peraltro congrua, ne ha,
    pare, riscattato la metà restante per 1.5, perchè tanta è la cifra spesa e quella del budget
    impegnata. Il che è molto diverso. Quindi ha fatto un’operazione più che
    congrua, quindi ha cominciato bene , non male. Quello che è successo prima
    interessa poco o punto, e non capisco perché dovremmo coinvolgerlo nella
    valutazione di questa operazione e continuare a discuterci sopra. Bisogna solo
    valutare se 1.5 milioni per la seconda metà di Lazzari vanno bene, e secondo me
    che pure non stravedo o per lui, sì,  perché
    va benissimo nella rosa in un ruolo importante, per non dire decisivo, o
    potrebbe andare bene anche come pedina di scambio. I primi passi di Pradè sono
    ancora piccoli passi ma sembrano nella direzione giusta. 

    RispondiElimina
  45. Chiarificatore23 giugno 2012 07:25

    Solo un cieco o uno abbagliato
    dal tifo per l’Italia o uno che vuole, per ragioni di audience, assecondare il
    tifo nazionale più becero e sciovinista, possono non aver visto l’ennesima impressionante
    prestazione della Germania che sembra a tratti la fotocopia, in versione
    teutonica, del  Barcellona. Continuo a
    pensare che l’originale sia meglio, ma siamo di fronte  ad una bella e vigorosa copia. Solo la parte
    imprevedibile del calcio potrà impedire la finale più logica , più bella, più
    esaltante, più giusta, più degna, per chi ama il calcio, di questo Europeo:
    Spagna-Germania, ed a quel punto per me sarà Spagna a consacrare la regina del
    calcio mondiale  di questo scorcio di
    millennio. Quanto all’Italia, se sarà la migliore vista e durerà novanta minuti,
    o centoventi se sarà necessario,ha concrete possibilità di battere questa Inghilterra,
    così onorando persino oltre le attese questo suo europeo. Staremo a vedere e nel frattempo speriamo.

    RispondiElimina
  46. Antognoniforever23 giugno 2012 08:15

    La Germania ha letteralmente dominato la partita (e la Grecia) dall' inizio alla fine, dimostrando una superiorita' schiacciante. L'unico campanello di allarme e' dato dal fatto che, in una partita dominata, sono riusciti a beccare due gol.
    E comunque non troveranno sempre contro di loro un portiere come quello greco.

    Intanto, per la nostra partita contro l'Inghilterra, non sono per niente ottimista.

    RispondiElimina
  47. Chiarificatore23 giugno 2012 08:32

    La Germania  ha iniziato la partita creando un’occasione da
    gol al minuto, dopo essere passata in vantaggio ha continuato a macinare gioco
    ed a creare occasioni, qui ha preso un gol nel più classico, geometrico e bello
    dei contropiedi, dopo di che ha prodotto 15 minuti di terrificante percussione
    durante i quali ha segnato tre gol, dopo ha giustamente e rispettosamente, non
    volendo infierire, tirato i remi  in
    barca ed ha subito, in zona Cesarini e giocando in totale  surplace, il secondo gol su rigore. Quanto
    all’Inghilterra  è giusto temerla, ed è
    giusto essere pessimisti se Prandelli ripresenterà l’Italia e la disposizione
    in campo che ha presentato contro l’Irlanda, è giusto invece , secondo me, essere
    ottimisti, se Prandelli ripresenterà l’Italia delle prime due partite.

    RispondiElimina
  48. Difficile il compito di Pradè. Se si fosse fatto sfuggire Lazzari alle buste si sarebbe gridato allo scandalo come già per D'agostino. Avendolo riscattato, si espone al rischio di essere accusato di aver speso complessivamente troppo (5 milioni complessivi). Intanto va preso atto che il valore del giocatore è diminuito, per due ragioni: la crisi economica che influisce anche sui bilanci delle società sportive, comprese quelle più forti (ad esclusione della Juventus) e la cattiva annata della Fiorentina. Peraltro, tra gli acquisti dello scorso anno, Lazzari e Cassani sono quelli che si sono quantomeno salvati e dunque meritano la conferma. Sul valore assoluto ci si deve intendere: non sono forse da grande club, ma nella Fiorentina dei Brocchi e dei Fiori avrebbero ben figurato. Quella Fiorentina è il mio personale parametro per valutare la campagna acquisti di quest'anno. La Fiorentina di Champion va dimenticata, per semplici ragioni finanziarie. Della partita di ieri, non mi ha stupito la bravura della Germania, ma l'inesistenza della Grecia, che è stata anche più arrendevole del previsto. E' un mistero come abbia fatto la Russia a perderci. Va peraltro aggiunto che il secondo goal tedesco è arrivato per una di quelle prodezze che riescono solo se tutto gira per il verso giusto: uno di quei tiri al volo stupendi che se entrano significano l'ascensione all'Empireo del giocatore, se escono lo relegano tra i bidoni. Contro l'Italia, se ci si arriverà, ed ha ragione Blimp a mettere in guardia, se non altro per ragioni scaramantiche, contro un eccesso di fiducia, per i tedeschi sarà molto più dura. Credo che tutti, dai giocatori all'allenatore, alla golosa Merkel in tribuna, ne siano consapevoli. 

    RispondiElimina
  49. «Mi fa schiantare dal ridere leggere che criticare questa società è un pregiudizio! Micidiale. Non basta non aver vinto nulla in 10 anni??? Non basta aver depauperato milioni e milioni? Aver fatto naufragare una bella realtà quando bastava un altro piccolo sforzo, solo per lo stupido orgoglio, o peggio, per ricatto? Chi critica la società poteva essere tacciato di avere pregiudizi 3 anni fa. Adesso purtroppo gente come California appare come un profeta! E non avete idea di quanto mi roda. Ecco. Questa è la dimostrazione che le mie critiche non sono viziate da pregiudizio, ma sono colme del rammarico di un sogno svanito. Non ho nessuna fiducia per quel che ci attende. E la cosa terribile è che a me e a moltissimi altri amici che conosco, ormai ce ne frega pure poco»: parole di una delle massime fave del web, Philidor in disguise. 'Sto pisquano è lo stesso che alla partenza di Frey lamentò che lasciavamo partire «l'ultimo nostro campione», però ha combattuto eroicamente in questi giorni (e DDV l'ha ascoltato... ahahahahahahahah!) perché non partisse Jojo, «ultimo nostro campione». C'è sempre un ultimo nostro campione che quel barbaro di DDV vende a du' lire... ahahahahahahahah! Però la migliore è quella dei «moltissimi altri amici che conosco»: che conoscevi, magari... ahahahahahahahah! E se poi «te ne frega poco» che stai a scassarci la minchia, non dovevi rimanere in silenzio? Ahahahahahahahah! 

    RispondiElimina
  50. Chiarificatore23 giugno 2012 09:03

    La prestazione della Grecia,
    Ludwig, devi rapportarla alla forza dell’avversario, che è di molto superiore a
    quella della Russia. Che la Germania  sappia che l’Italia sia, eventualmente ed Inghilterra molto permettendo, un avversario, storicamente e tecnicamente,
     molto impegnativo, mi sembra ovvio che più ovvio non si può. Siamo noi che dobbiamo essere consapevoli che questa Germania,
    da quanto s’è visto, è più forte anche della migliore Italia vista in questi
    europei, di fronte a questo divario la storia degli scontri diretti non serve a
    nulla, serve, nel caso eventuale, l’imprevedibilità del calcio ed una nostra
    prestazione stellare. 

    RispondiElimina
  51. Rimango dell'idea che 5 milioni totali per Lazzari siano troppi. Il che non vuol dire che la colpa sia di Pradè, anzi. Si è trovato con la patata bollente in mano ed ha fatto quel che ha potuto. Come già scritto ieri sera l'errore è stato fatto la scorsa estate. Il paragone con Jorgensen mi pare fuori luogo. E come tipo di giocatori, (il danese col bergamasco non c'entra una cippa, è di un'altra categoria...) e come tecnicismo nelle trattative. La Fiorentina ha cercato di riprendersi Lazzari e ci è riuscita, Jorgensen si fece a gara con l'Udinese per mollarlo l'uno all'altro e ci andò di lusso, ma il danese era ed è uomo vero e volle dimostrare a tutti che non valeva il piatto di lenticchie che si voleva far credere. Poi Lazzari tornerà a furor di popolo in nazionale e chiederò venia. Ma un anno e mezzo fa dissi che il monsummanese a Milano non ci arrivava ai due anni e la folla sulle ali dell'entusiasmo mi dette di eretico, eh eh eh... Buona domenica!

    RispondiElimina
  52. Louis,l'ho scritto tra le righe, ma forse non sono riuscito a spiegarmi bene. L'anno scorso Lazzari valeva di più: un po' perchè era reduce da buone stagioni a Cagliari, ma anche perchè le società avevano più soldi da spendere e le quotazioni dei giocatori erano in generale più alte. Tre milioni e mezzo di euro non sembrarono così scandalosi. Oggi il milione e mezzo versato appare adeguato al valore della metà della giocatore. I tre milioni e mezzo bisogna scordarceli perchè sarebbero stati spesi comunque, anche nel caso in cui il giocatore fosse stato perso alle buste. Il ridimensionamento, Blimp, deve avvenire nelle nostre teste. Siamo come una famiglia abituata alle vacanze in Sardegna che deve adattarsi ad una pensione di Riccione. Ma così stanno le cose. Io, lo ripeto ancora, mi accontenterei di una squadra di pari valore a quella, tutta fatta di prestiti ed occasioni di mercato, di cui disponeva Prandelli il primo anno. Non pretendo un secondo posto, mi accontento di una qualificazione in Europa League, e non sono per principio ostile a Montella che mi pare un ragazzo serio. Peraltro alcuni acquisti appaiono indispensabili: va almeno sostituito Montolivo, lo sappiamo tutti ed occorrono non uno ma due attaccanti di buon livello. La difesa è messa meglio, e se si desse retta a Jordan si potrebbe addirittura partire con Neto in porta, Nastasic e Camporese centrali. Peraltro il margine di rischio non è poco. Infine, se è vero che a Vargas i potenziali acquirenti attribuiscono un valore di soli tre milioni di euro, ci penserei due volte prima di cederlo, ma Pradè, Montella, Della Valle debbono farci un discorso serio, perchè il Vargas dello scorso anno è stato impresentabile. 

    RispondiElimina
  53. Ludwig, credo si debba sempre separare quello che è il valore di mercato di un giocatore da quello che uno invece ritiene giusto attribuirgli. Io, al contrario di te, non credo affato che il valore di Lazzari, un anno fa, fosse di 7 milioni. Perchè considerando il ridimensionamento in atto già 12 mesi fa nei costi dei cartellini, in Italia e non solo, andare a spendere quasi 7 miliardi per uno che faceva spesso panchina nel Cagliari a me non pare una gran genialata. Poi ognuno la pensi come vuole, e, comunque, anche sul campo  direi che il giocatore ha confermato evidenti limiti. Cioè, se Lazzari valeva 7 milioni, quanto poteva costare un Cossu o un Biondini, gente che giocava spesso più di lui? Questo era il punto principale, poi Pradè ha fatto quel che ha potuto, non avendo trovato un accordo col Cagliari ha dato nel mezzo, sapendo che difficilmente il cagliari si sarebbe svenato per riprendersi un giocatore che nemmeno tecnicamente rivoleva... Insomma, alla fine, l'affare l'hanno fatto loro, vendendo un 28enne che non ha mai levato il fumo alle schiacciate, rimpiazzato benissimo e senza problemi, e tirandoci su 10 miliardi... spero che certe giochessi si ricominci a farle anche noi, invece di stare sempre dall'altra parte del bancone. Confido in Pradè...

    RispondiElimina
  54. Beh comunque Pradè secondo me ha fatto una valutazione che si può discutere ma non assurda. Se avesse messo meno del Cagliari, a quest'ora avrebbe speso due milioni e mezzo per il prestito di un anno. 

    RispondiElimina
  55. Sì, direi che l'affarone è nostro, visto il Lazzari del girone di ritorno, e il paragone con Martino (0 in busta e poi per tre anni e mezzo tra i meglio! Chi diceva che ci era rimasta sulle braccia zavorra, chi lo dava per brocco dopo un annus terribilis, al pari di quello testé terminato, ricordo che quando partì profetizzò sciagure; sempre così, del resto qua sotto ho lungamente citato un fesso maestoso di questa risma), operato da Orcio, è calzante fin troppo. Ah, dimenticavo: ieri sera avevo fatto proprio bene a seguire Di Marzio e a lanciare il tema sul nostro sito, Di Marzio che ci ha imbroccato come gli capita più spesso che ai suoi colleghi. Pradè alla grande, dunque: continui così!

    RispondiElimina
  56. Dire che Lazzari ha fatto un bel girone di ritorno è un po' ottimistico, Colonel, per quel che ricordo non ha infilato che 4-5 buone partite...Io cercherei di rivogarlo a qualche altro ottimistone, ma l'operazione è difficilissima. E Lazzari sia, quindi, sperando che non ce ne sia bisogno troppe volte, in campo.

    RispondiElimina
  57. Salgono le quotazioni di Montolivo titolare al posto di Motta (onde Nicolaclaudia smentisce le dichiarazioni attribuitegli nei giorni scorsi, come al solito frutto delle distorsioni della stampa e di Pollock: Prandelli non s'impomata, ha i capelli al naturale). L'importante è giocare con difesa a 3 (=5), sennò Hodgson schiera Rooney e Carroll e Bonucci e Barzagli li fa neri. Se c'era una partita in cui Motta aveva un senso, per smorzare Gerrard, era questa, ma il Pranda fa le cose all'incovercio. Speriamo bene, noi ci diamo già semifinalisti, ma la favorita è l'Inghilterra.

    RispondiElimina
  58. No, Deyna, eleverei almeno a una decina. Si giocherà una maglia da titolare e, se continua sulla scia del girone di ritorno passato, se l'aggiudicherà. Bel colpo, Pradè!

    RispondiElimina
  59. Lazzari titolare per me è un incubo...Ma Thiago Motta non è infortunato? Non ho seguito bene le vicende in casa azzurra. Già, Colonnello, ma in finale chi preferisci, Spagna o Portogallo? Pensi che per l'italia sia più difficile affrontare C.Ronaldo e Nani, o  la Spagna spuntata? E comunque sia, ragionando ormai solo sui gol di scarto della scontata vittoria, dove andrai a festeggiare?

    RispondiElimina
  60. Tutto sta capire quali siano i nostri obiettivi, Deyna. In una squadra che punta all'Europa League Lazzari è plausibile: sperando che non ripeta la stagione scorsa, che è stata negativa per tutti i giocatori. Ed infatti non ce n'è uno, a parte Jovetic, che non si sia deprezzato. Vargas ad esempio ha visto crollare il proprio valore, Cassani e Gamberini sono usciti dal giro della nazionale  e così via. Non so se hai visto il mio commento a proposito dei goal di Balotelli. Te lo riassumo: c'è un inghippo, perchè se vai sulla voce di Wikipedia in inglese dedicata al City 2011-2012 a Balotelli sono attribuiti 13 goal in 14 apparizioni. La voce Balotelli della Wiki inglese parla di 13 goal in 23 partite: sempre un'ottima media, ma non così mostruosa.

    RispondiElimina
  61. Deyna, le fatture si ritorcono, quando non vanno a segno... Ludwig, Nastasic, Camporese, Behrami si sono vieppiù rialzati di stima sul mercato.

    RispondiElimina
  62. Mi sembrava infatti avesse giocato di più, Balotelli, ma è comunque una buona media, anche se mi pare abbia tirato diversi rigori...

    RispondiElimina
  63. Se noi con Lazzari abbiamo fatto l'affare non lo so, la cosa certa è che Cellino era più che soddisfatto dei 3.5 dell'anno scorso più un piccolo eventuale conguaglio quest'anno

    RispondiElimina
  64. A me non pare, Deyna, che la voce Manchester City sulla Wiki in lingua inglese sia fatta male, tutt'altro. E dunque non ho ancora capito quante presenze abbia accumulato Balotelli nella stagione in corso. http://en.wikipedia.org/wiki/2011–12_Manchester_City_F.C._season

    RispondiElimina
  65. Ho fatto un "controllo incrociato" con El Kun Aguero, guardando il tuo sito e la wiki italiana, forse è svelato l'arcano...La tua pagina considera presenze + [sostituzioni], infatti Balotelli avrebbe 30+3=33, e Balotelli 14+8=22. C'è sempre la discrepanza di una presenza per ciascuno, ma mi pare ci siamo. Insomma quelle parentesi non sarebbero un "di cui", ma un "più"...

    RispondiElimina
  66. ...naturalmente 30+3 è Aguero, ho scritto due volte Balotelli, pardon

    RispondiElimina
  67. Concordo, anch'io ero giunto alla stessa conclusione. La presenza che manca è dovuta al fatto che la statististica sulla voce del Manchester City è aggiornata al 6 maggio. E' un modo un po' strano di indicare presenze e subentri ma si vede che in Inghilterra si usa così.

    RispondiElimina
  68. Ecco un'analisi pressochè perfetta della stagione del Balotelli inglese, Deyna: ha fatto decisamente bene, anche se non ha disputato molte partite per intero, in quanto era chiuso da Dzeko e Aguero: la stagione di quest'ultimo in particolare è stata eccezionale. Il guaio dei giocatori italiani che giocano all'estero è che non è facile seguirne la maturazione, ma senz'altro gli osservatori di Prandelli l'avranno tenuto d'occhio. Se tutto va bene Balotelli potrà essere una delle stelle dei prossimi mondiali.
    http://www.bitterandblue.com/2012/3/13/2865944/manchester-city-strikers-by-numbers

    RispondiElimina