.

.

venerdì 19 aprile 2013

La bellezza delle idee

Quando ancora Fi.it non era diventato il discount  che purtroppo è diventato oggi in tempi di crisi, ma era sempre una gastronomia rifornita di vivaci intelligenze, prima per capirci che i gobbi avessero messo il Ceccarelli dietro alla cassa con un colpo di stato, c’erano stati i grillini della prima ora che avevano già cercato di scuotere le coscienze di quei tifosi Viola proni alle logiche della casta marchigiana. E si parlava non a caso di pontellizzazione, oggi che tutti se ne accorgono di fronte alle mille aziende che tutti i giorni chiudono, loro già ne parlavano, persino a Siena, perché sapevano del Monte dei Paschi. Corvino come Fini e Di Pietro, fatto sparire dietro la spinta di un rinnovamento che a Firenze ha portato Pradè e Montella, con il loro Movimento a 5 Stelle che ha ridisegnato buona parte della rosa e del Parlamento. Oggi che il povero Bersani ancora inciucia col Berlusca e propone un nome come Marini per il Colle, in un tentativo estremo di vecchia politica, un ultimo fremito prima dell’encefalogramma piatto, allora forse sarà il caso di ritirare fuori le grandi idee di Fi. it,  oggi che bruciano le tessere del PD davanti a Montecitorio per protestare contro la candidatura di Marini, come a Moena i più illuminati protestavano con parrucche e nasi finti contro i Della Valle. I Casaleggio Viola, quelli di un sitone ricercato nell’assortimento delle idee come forse neanche Peck, i guru del tempo dell’antidellavallismo, bisogna ammetterlo ci avevano visto giusto, non solo schierandosi con il povero Montolivo che avrebbe lasciato sguarnito il nostro centrocampo dal fosforo che suo malgrado ha dovuto esportare nel miglior Milan del dopoguerra, tanto che anche su Milan Channel gli hanno dedicato una lapide a futura memoria, e così è andata visto i vari Borja Valero, Pizarro e Aquilani. Si, oggi che anche la rivoluzione della politica porta il vessillo di Marini al colle come simbolo di cambiamento, bisogna ammettere che avevano ragione loro, altro che autolesionismo e mamme ebe come li ritenevamo noi, invece, concussi con lo spirito maneggione dei Della Valle, mezzi di servilismo verso il padrone, fradici di vecchie ideologie a favore del padrone, erano loro i veri guru di Fi.it, quando il vuturismo aveva ancora una visione panoramica e noi con lo sguardo torvo di Marotta, e soprattutto con lo scetticismo di chi non vede oltre il proprio naso l’abbiamo fatto miseramente fallire. E allora bisogna avere il coraggio di riesumare quelle idee, di farle rivivere senza avere il timore di ammettere di avere sbagliato, e questa volta neanche per benefici periferici come possono essere quelli Viola, ma per l’intero Paese che vive momenti di sbandamento pari solo a quelli di Delio Rossi. Perché le idee buone rimangono tali, e le persone valide idem, mi sento di poter dire da folgorato sulla via di Garlasco, che le candidature avanzate dai guru di Fi.it in sostituzione dei Della Valle, e da noi poveri ebeti rigettate a favore del padrone marchigiano, possano essere valide a maggior ragione oggi per aiutare il Paese, quindi i nostri nomi per il Colle sono Zamparini e Preziosi. Ho scelto la bellezza femminile per rendere merito a chi era stato ingiustamente dileggiato, e le due foto sono una mia personale dedica proprio alla bellezza di quelle dee.

120 commenti:

  1. Chiarificatore19 aprile 2013 08:04

    Ennesima lezione notturna, nel triste sitone, di pessimo giornalismo, di vera e propria disinformazione.

    RispondiElimina
  2. Mauro Bressan ha fatto scuola in Argentina:

    http://video.corriere.it/rovesciata-dell-anno/cc0cc034-a832-11e2-96ed-0ed8c4083cbe

    RispondiElimina
  3. Poeta tu hai impaurito tutti con queste foto orride e un ne scrive nessuno! Prodi presidente della Repubblica e Prandelli allenatore della nazionale, io emigro in Brasile in via definitiva

    RispondiElimina
  4. Come scrive «Il Fatto Quotidiano», non vi è nessuna amletica logica nella follia di Bersani: prima presenta come «sorpresa» uno dei nomi più usurati e screditati della Prima Repubblica, poi lo rimpiazza col nome più inviso al PDL che aveva blandito fino al giorno prima con grandi abbracci ad Alfano in aula, per 52 giorni blocca il Paese per cercare un accordo coi grillini che gli sputano in faccia ma, quando i grillini tirano fuori un candidato di sinistra, di nobile statura e con un passato nel suo partito, lo scemo di villaggio manco ne vuol sapere, appoggiando adesso un candidato che il PDL rigetta ancor più di Rodotà... Allo stato attuale, peraltro, nemmeno Prodi ce la farebbe, lo vota il PD (e, vedrete, nemmeno tutti) e forse Sel. In condizioni di estrema debolezza il PD ha permesso al suo segretario, certo non intelligente ma anche ormai impazzito, di fare tutto e il suo contrario, rovesciando il suo povero sé come un guanto. Un partito come questo è finito, è nello stato in cui si trovava la DC prima delle elezioni del '94 che ne sancirono la disintegrazione. Sono del tutto avverso a Renzi ma Renzi, che ha capacità di vittoria, non può fondarsi su un partito allo sbando, un partito decomposto come questo, un partito di morti viventi che non sanno nemmeno quale presente e non dico neanche quale eredità stiano difendendo; ne sarebbe nuova vittima, deve fondarne uno nuovo. Concludo citando l'inizio dello splendido editoriale di Calabrese su «La Stampa» di oggi:

    «Il disastro a cui abbiamo assistito ieri, quello del partito di maggioranza in Parlamento che propone un suo candidato alla presidenza della Repubblica trova il voto degli avversari ma non riesce a portare i suoi, è la logica conseguenza di ciò che è avvenuto negli ultimi cinque mesi. È figlio della mancanza di coraggio e di idee forti, chiare e comunicate in modo convincente. Per questo il Pd non ha vinto le elezioni, per questo non si è ancora riusciti a formare un governo, per questo ha una base divisa, arrabbiata, incredula o sgomenta. Perché bisogna saper dare un colore e un sapore alle cose se si vuole che gli italiani le capiscano e le facciano proprie. Può darsi che questa sera avremo un nuovo capo dello Stato, figlio di una qualche alleanza o forse di un sano ripensamento dell’ultima ora, ma purtroppo non nato da un progetto organico e credibile su cui poggiarsi e da cui partire.
    L’unica scommessa fatta da Bersani nei 53 giorni che ci separano ormai dal voto è stata quella di prendere tempo, di rinviare, nella speranza che il passare delle settimane potesse miracolosamente sciogliere i nodi irrisolti».

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore19 aprile 2013 11:35

    Stai confondendo questo gruppo dirigente di zombi bolliti col Partito Democratico nel suo complesso, Colonnello, che, anche grazie a Prodi, è ben altra cosa, nel suo elettorato e nei suoi militanti, i quali, tra l'altro, hanno appena bloccato la scelta suicida di Marini. E' un Partito, quello Democratico, ben vivo e più vivo e forte di ogni altro, che seppellirà gli zombi che ancora per poco lo stanno dirigendo e che, con Renzi,ha un grandissimo futuro.

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore19 aprile 2013 11:41

    Renzi non lascerà mai il PD,con la sua leadership potrà capitare l'opposto, e cioè che qualche massimalista se ne vada con Vendola, poco male, Renzi ci farà recuperare i voti andati a Grillo, quelli di chi non ha votato per colpa di Bersani, ed anche conquistare voti di ex elettori di centro e di centrodestra pronti a votare il PD di Renzi.

    RispondiElimina
  7. Un grandissimo futuro, sì, forse numericamente: ma con Prodi al Quirinale e Renzi segretario/premier, potranno finalmente compiere l'ultima trasformazione, e chiamarsi Partito Democristiano.

    RispondiElimina
  8. Caro Chiari, è tanto vivo, quel partito, che sta dando lo spettacolo che sta dando da due mesi (la cagata-Marini è di ieri non di prima della caduta del Muro di Berlino). Stai parlando di quel che non esiste più. Quel che è vivo, nel PD, è il renzismo (che aborro, peraltro), che non è PD e che si costruirà altrove e altrimenti perché quel contenitore è marcio sfondato.

    RispondiElimina
  9. Cazzullo, sul «Corsera», circa la candidatura Prodi:


    «Se non si trova un accordo difficilissimo coi grillini o i montiani, la
    quarta votazione diventa una prova di tenuta del Pd. In teoria i voti
    della sinistra sono 495. Sotto i 450 sarebbe un mezzo disastro».



    Monti vuole ormai accordo col Berlusca che avvenga come se lui fosse costretto «dalle cose» e quindi Prodi non lo voterà. I grillini hanno proposto un candidato forte e di sinistra da sùbito e non sono stati cagati, con che faccia il Pirla può quindi presentarsi col cappello in mano da loro? Insomma, quel partito che Chiari dice sano va verso quello che Cazzullo chiama eufemisticamente un altro «mezzo disastro». Buon pro gli faccia!

    RispondiElimina
  10. Ancora Cazzullo:


    «i dalemiani mormorano che Berlusconi è pronto a votare il loro capo pur di non avere Prodi. Le elezioni del cambiamento si avvitano sui rancori di questi vent'anni».



    Ah, che senso di nuovo! Ah, che energie in quel partito!

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore19 aprile 2013 12:02

    Democratico, Deyna, Democratico, come quello di Barack Obama. Molto vivo e vitale, Colonnello, e con un grande futuro davanti a sé, soprattutto grazie a Matteo Renzi, il Barack Obama italiano, ed alla nuova generazione di prossimi dirigenti, per fortuna dell'Italia.

    RispondiElimina
  12. Prodi è così cardinalizio, che se verrà eletto dal Quirinale salirà al cielo una fumata bianca.

    RispondiElimina
  13. Se il PD vota compatto in ossequio alle standing ovation, Prodi ce la fa forse anche stasera, (qualche voto da Casini e forse qualche grillino lo prende, e gliene mancano pochi, una manciata) ma io dubito che i dalemiani votino Prodi nel segreto dell'urna, e che qualche SEL non si lasci tentare da Rodotà, Insomma non è ancora detto, siamo sul filo, a meno di un ripensamento di Grillo che, però, nell'immediato non vedo, anche perchè sarebbe molto più politico intervenire quando han perso. Certo è che Bersani mi fa quasi compassione da quanto è coglione, poero PD, nave senza nocchiero in gran tempesta.

    RispondiElimina
  14. Colonnello tu Renzi lo aborrirai anche, ma è proprio il nocchiero che gli manca al barcone semiaffondante del PD. Il problema è che non lo vogliono, se l'avessero voluto avremmo avuto oggi un monocolore PD da due mesi. Se poi lo volevi chiamare DC, cambia poco, almeno sarebbe la DC giovane, prima di ammalarsi.

    RispondiElimina
  15. Sopra, manifestando perplessità hai risposto a post del Chiari, non a me.

    RispondiElimina
  16. Chiarificatore19 aprile 2013 12:58

    Cerchi alleati a destra Colonnello? Ahahahahaha!!!

    RispondiElimina
  17. Presunzione di morte africana



    No CHIARI, il PD non e' vivo per il semplice fatto che se Renzi domattina
    si rompe le palle degli incapaci vertici che lo ostacolano, il PD fa la
    fine del PSI, quindi muore. La speranza che rimanga vivo, anzi si
    rinvigorisca, e'che Renzi non lo abbandoni, quindi e' solo lui a tenere
    in vita un malato terminale. Non so se sia vantaggioso per lui
    andarsene, ma se stacca la spina, il PD alle prossime prende come Monti,
    forse...



    Lele



    P.S. SOPRA, dopo avermi meravigliato con Sacchi, ora con Prodi...

    P.S. Hai proprio ragione JORDAN essere rappresentati da Prodi e dal santino fa venire l'emorroidi...

    RispondiElimina
  18. Chiari, il postone lungo è del Sopra. Insomma, io sono Blimp, non il Chiari, io non ho il portafoglio graffato alla tasca del pantalone e con apertura a codice, e non sono nemmeno il Sopra e quindi il sabato non esco in orbace e uso rigorosamente l'olio d'oliva, l'olio di ricino nemmeno quando sono stitico. Lele, a te invece deve essere apparso il postone di Chiari col nick del Sopra... E' un casino della madonna, fidatevi unicamente dello stile, Disqus e il Sanfredianino cercano di seminare crisi d'indentità e zizzanie cloacali.

    RispondiElimina
  19. Chiarificatore19 aprile 2013 13:04

    Certo Lele, sono d'accordo, resta il fatto che Renzi non lascerà mai il PD, per fortissime convinzioni proprie e perché è quello che ha le maggiori possibilità di diventarne il prossimo leader.

    RispondiElimina
  20. Chiarificatore19 aprile 2013 13:06

    Colonnello se parli di portafoglio e di olio d'oliva tocchi dei miei punti deboli.......o forti? Eh eh eh.

    RispondiElimina
  21. Per esempio se appare un post che inneggia a Prandelli o a Prodi col mio nome non è chiaramente mio.

    RispondiElimina
  22. Però è sicuramente tuo, Jordan, il presente post, che termina con un «Malagodi buho!» (ahahahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  23. Stanno eleggendo una certa Bianca, ma chi cazzo è? una ganza di Berlusconi?

    RispondiElimina
  24. no, quello è chiaramente tuo, e infatti nemmeno Discus ha fatto casino

    RispondiElimina
  25. Bianca Jagger,la moglie di Mick?Ancora fa la sua porca figura.BLIMP,io nel Sitollock intravedo un caos ordinato,nel senso ordinato dall'alto...LELE,io Prodi non lo voglio e.....BLIMP,io uso l'olio di mandorla,piace alle donne,unito a polpastrelli vellutati,mani poco callose e aplomb Proustiano con sfumature da Renzo Montagnani....ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah!!!!

    RispondiElimina
  26. Mi correggo:Bianca Jagger faceva la sua porca figura,oggi al limite neanche la figura da porca.

    RispondiElimina
  27. http://www.repubblica.it/static/speciali/politica/2013/elezioni-presidente-repubblica/risultati-tempo-reale.html



    Tra i votati anche Antonio Cabrini e Giancarlo AntoNioni. Nell'ultima tornata prevedo l'ingresso di Riccardo Montolivo.

    RispondiElimina
  28. Comunque più volte il Mala fu candidato laico alla presidenza della repubblica, ma prima del centrosinistra era impossibile che fosse eletto un non democristiano, mentre dopo il centrosinistra era impossibile che fosse eletto un veterolatifondista schiavo degli americani che contro gli operai manifestanti avrebbe inviato i carri armati e forse anche l'aviazione. Insomma, per il Mala, caro Jordan, non fu mai primavera al Quirinale.

    RispondiElimina
  29. Il presidente ideale è Alessio Cerci del PCI partito dei coatti italiani. Si segnala per eloquenza, sagacia e peso politico. Senza dimenticare che dispone anche di una first Lady all'altezza.

    RispondiElimina
  30. Credenze africane



    CHIARI (credo sia tu...) quindi la pensi come me, il PD si aggrappa ad un solo
    uomo, l'unico che avrebbe avuto il mio voto per il PD, che di fatto non
    e' piu'un partito, perche' affinche' questa definizione sua corretta,
    dovrebbe prescindere dalla presenza di un solo uomo.Di conseguenza non
    e' vivo.

    Boh, non ho capito se sei tu allora, SOPRA, pro Prodi. Perche' non provate a firmarvi?



    Lele



    P.S. O JORDAN e DEYNA, o che continuate dell'altro a rispondere a dei provocatori-mistificatori-prevenuti sul sifone e non...

    RispondiElimina
  31. La First Lady, caro Lud, oggi ha rilasciato al «Brivido Sportivo» una bellissima intervista, non certo da coatta. Sconfitto nel giudizio tecnico, caro Lud, credi di rifarti su piani dove prendi sciacquonata simile, per superficialità diffamatoria.

    RispondiElimina
  32. Nel mondo del calcio, Ludwig, gli eloquenti si contano sulle dita di una mano, e ti faccio presente, sperando che ciò non ti faccia disperare, che un personaggio che tu adori follemente ha un'eloquenza non certo superiore a quella di Cerci.

    RispondiElimina
  33. Chiarificatore19 aprile 2013 14:22

    E' certo che a chi valuta le entrate e le uscite di una compravendita di calciatori senza mettere nel conto il risultato di quella quella compravendita in termini di patrimonio calciatori lasciato, io non affiderei neppure l'incarico di andare a comprare un giornale.

    RispondiElimina
  34. Lady Cerci mi incuriosì ai tempi delle sue uscite su fb o twitter, non ricordo, così andai a vedere la sua pagina facebook...Con meraviglia notai che era un'ammiratrice di Marina Abramović, geniale artista concettuale serba. Sarà un po' grezza, ma quanto a gusti dà la paga alla maggior parte delle similveline che accompagnano i calciatori.

    RispondiElimina
  35. e allora? visto che questo è il dodicesimo lo sai per quanti non fu mai primavera al Qurinale, anche per gente che ci si è impegnata per arrivarci molto più di lui.

    RispondiElimina
  36. Tu sei di quelli allora che se si brucian un dito e la lingua col caffè troppo caldo e perdan due terzi della potenza sessuale!

    RispondiElimina
  37. Gli è come fassi le seghe a martellino, e si gode quando un ci si piglia! Autolesionismo puro, come quelli co' i' cilico a i'cristian petto.

    RispondiElimina
  38. Chiarificatore19 aprile 2013 14:44

    La qualità della leadership in qualsiasi partito è fondamentale, Lele. In questa fase senza Renzi anche secondo me il futuro del PD sarebbe incerto, ciò non toglie che il PD sia tuttora il Partito più forte e sano in circolazione in Italia, persino a prescindere dalla sua attuale disastrosa leadership.

    RispondiElimina
  39. “No Cerci? No coppa Italia!!! ahahaha.. ciao ciao Delio e ciao ciao tifosi viola”. "Se il Novara è una squadra di serie A io sono Julia Roberts!!! Ma non me fate ride…Hanno vinto una partita col Novara sembra che abbiano vinto in Champions contro il Barcellona: buffoniiii”.
    Abbiamo trasmesso alcuni messaggi Facebook indirizzati da Lady Cerci ai tifosi viola.

    RispondiElimina
  40. Non aveva tutti i torti,Lady Cerci...........eh eh eh eh eh,dando anche supporto velato alla querelle Montolivo-Novara.Incredibile il transfer attuato da GAT,in grado di far postare ad una delle sue Pin-up uno dei post più lunghi attribuibili ad una donna,che oggi nun ch'aveva un cazzo ne da cucina' ne da rassetta'......

    RispondiElimina
  41. No, Lud, non ai tifosi viola ma sul suo sito e un conto sono dei micromessaggi sdegnati a séguito di insulti gratuiti, volgarissimi e da corte penale contro di lei ripetutamente rivolti (puttana ecc.), altro conto le dichiarazioni ufficiali che, oggi apparse sul giornale di Jordan, sono di una splendida umanità. Confermo peraltro quel che scrive Deyna intorno alla maturità dei gusti artistici della non-velina non-cretina. In quanto a Giubbotto, Deyna, tutti sanno che si esprime in italiano come un bantù ritardato e ubriaco: inutile appesantirsi su questo, per fortuna quando lavora non è così coglione risibile come quando parla. Speriamo comunque di ritrovarla a Firenze, la cercina, con quel gran giocatore del suo fidanzato, che non esultò, lui, al gol che ci fece a Torino, durante una delle tante sue grandi prestazioni, e che credo che saluterà la Fiesole, entrando in campo, come hanno sempre fatto i veri, grandi ex viola (ma lui ce lo riprendiamo, tranquilli).

    RispondiElimina
  42. Magari sarebbe più furbo non rispondere alle provocazioni, soprattutto se sei la ragazza di un calciatore che, nel suo quotidiano, come personaggio pubblico ultraremunerato deve considerare di dover sopportare anche qualche intemperanza di qualche mentecatto (entro certi limiti, ovviamente). Ma quando ti aggrediscono a male parole per strada, quando ti riempiono di insulti credo che questi limiti siano abbondantemente passati e uno sfogo su Twitter, nella propria pagina più che comprensibile. Insomma Cerci sarà anche coatto, ma anche diversi tifosi viola hanno la testa solo per tappare il collo.

    RispondiElimina
  43. Quel che piace meno, Jordan, è che certe becerate vengono fuori, da noi, quando è leso il conformismo di codice. Da quei due stronzi del Cretino Tiroideo e del Giubbotto la massa si è fatta a lungo abbindolare per via della melassa di discorso, della retorica del ragazzo acqua e sapone da un lato e del vedovo inconsolabile pedagogo e martire della sua onestà (ricordiamo quel che scrisse uno tra i più fulgidi coglioni di cloaca, il mamboide sfigato col cervello in merda, quando Giubbotto Del Cazzo fu stracazzato via da DDV, che Dio ancor ne lodo e ne ringrazio: «zio Cesare, che insegna ai bambini come si gioca col Meccano, come si va sul cavallo a dondolo, come si fa ad estrarre la tibia dal corpo del paziente senza fargli suonare il naso nell’Allegro Chirurgo, ecc. ecc.. Certo, magari a volte è un po’ fissato, ti può costringere ad estrarre tutte le ossa partendo sempre e solo da quelle della testa e poi giù a scendere, mai che si possa provare ad estrarle un po’ random, magari non ti spinge mai troppo sull’altalena, sicuramente non ti fa fare il bagno se sei un po’ sudato, ma insomma, quando poi i ragazzi vanno a fare le gare con i loro coetanei riportano sempre risultati migliori di quelli sperati e, soprattutto, ed è qui il “cuore” della faccenda, lui c’è sempre stato tutte le volte che ci siamo sbucciati i ginocchi, si è preso cura di noi tutte le volte che siamo cascati dalla bici, ci ha portato al pronto soccorso le volte che abbiamo avuto i febbroni, insomma, siamo cresciuti insieme e grazie a lui»... ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah! Povero pazzo che dal Giubbotto Del Cazzo si farebbe ingroppare anche per strada... ahahahahahahahahahah!). Invece, se sei romano, se sei strano 'na cifra, se il tuo mestiere è quello, ad alto rischio, del dribbling, giù insulti alla persona. Ricordo quando il Giubbotto Del Cazzo diceva che un centro sportivo portava otto punti in più alla fine del campionato (cavolo, ora che ce l'abbiamo, ve l'immaginate? Senza di esso saremmo sotto il Catania... ahahahahahahahahahahah!): ebbene, quanti punti avremmo, alla fine di un campionato, senza quei deficienti che, come lo Pseudosenese, la vecchia cozza sditalinata e mentecatta di Parma e il Multinick, offendevano il garrinchino per spasso?

    RispondiElimina
  44. C'è chi ha l'iceberg e che Effemberg

    RispondiElimina
  45. Chiarificatore19 aprile 2013 17:06

    DKNE basta e avanza per fare a pezzi il Simpatizzante.

    RispondiElimina
  46. E vediamo se si brucia anche il Mortadella! Ci sarebbe un candidato buono, facilmente eleggibile, presente dal primo turno e che sta aumentando i consensi votazione dopo votazione: è Rodotà, ma siccome lo propongono i grillini e non è una cazzata di sua testa il Pirla non lo vota. Ecco, caro Pollock, Effenberg è un altro al quale i ciompi l'hanno fatta lustra: siccome era tedescone strafottente, in campo a volte indisponente per sufficienza, allora insulti e minacce. Va al Bayern e vince tutto, là e con la nazionale tedesca. Ma noi potevamo permetterci di far senza, noi col Laureato... Il grande crucco del passato cui più assomigliò Effenberg, anche per stravizi e per testa barlaccia, fu Haller, che era più agile e più fantasioso ma meno bravo nel tiro e nel lancio di lunga gittata.

    RispondiElimina
  47. Roncaglia dirottato a sinistra per sbullonare il garrinchino pezzo a pezzo: idea interessante, i rischi più grossi il Fac li prende in area, fuori è invalicabile e sulla corsa il solo a tenere i' mi' cercinho. Compper non beve ma lontano dalla sua area non lo vedo ideale su Cerci che abbia preso l'aire. Stiamo a vedere.

    RispondiElimina
  48. Ho riflettuto bene su ciò che avete detto. In effetti chi ha sempre e comunque sminuito Cerci non è totalmente esente da responsabilità, i pregiudizi a volte sono deleteri, mea culpa, anche se mi riservo un minimo la facoltà di affermare che il buon Alessio avrebbe pur sempre potuto mollare la moglie e sposare Anna Bolena, segnando una svolta nella storia. Sono Ludwigzaller

    RispondiElimina
  49. Ahahahahahahahahahahah! Nemmeno 400 voti si è preso il Mortadella.. ahahahahahahahahahahah! Ma non era il candidato per il quale si era espressa l'assemblea del PD all'unanimità? Ahahahahahahahahahahah! O Jordan, ma non dicevi che era il candidato di Renzi per andare alle elezioni? Ahahahahahahahahahahah! Un partito più spappolato della merda di un neonato... ahahahahahahahahahahahah! Non ne azzeccano una... ahahahahahahahahahah! Il loro prossimo candidato sarà forse Manuel Fangio oppure Ferraris IV o meglio ancora Carolina Invernizio perché adesso ci vuole una Donna... ahahahahahahahahahah! E il Chiari lo vede vitale, un partito così... ahahahahahahahahahahah! Renzi prenda armi e bagagli e lasci 'sto barcone tarlato, se vuole vincere... ahahahahahahahahah! Il candidato vincente c'è già, è Rodotà e lo eleggi anche sùbito ma questi coglioni e il loro Coglione Supremo, che hanno perso du' mesi per corteggiare i grillini, ora che i grillini gli danno la fiha e' dihano che e' c'hanno mar di testa, che l'hanno digeriho male e che scusahe ma stasera e' un ponno trombà... ahahahahahahahahahahah!| Ma quando mai l'ha potuho trombà, gente come Fassina? Ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  50. Riflessioni africane


    Dopo l'ennesima vergognosa trombata, sento che gli esponenti PD dicono: l'insuccesso di oggi sara' spunto di riflessioni all'interno del partito...

    Io dico, senza riflettere avete due soluzioni: 1) detevi foco tutti, il primo a mo'di bonzo, il capo 2) dimettetevi in massa

    Vergogna nazionale ed internazionale ma questi si preoccupano solo degli equilibri del loro partito (che non c'e'piu').

    Aveva ragione Grillo.



    Lele

    RispondiElimina
  51. Grillo, caro Lele, sta uscendo alla grande dalla prova: i suoi votano compatti dal primo turno per candidato così serio che riesce ad ogni votazione a catturare franchi tiratori. Inoltre, alla fine vedrai che il PD dovrà andare a capo chino a dargli il voto. E meno male che i grillini stavano perdendo consensi! L'impeccabile strategia parlamentare grillina e lo spettacolo del crash inverecondo del PD preludono a un trionfo elettorale.

    RispondiElimina
  52. Chiarificatore19 aprile 2013 19:59

    Colonnello, continui a far confusione tra Partito Democratico e spappolamento ed incapacità del suo gruppo dirigente. Il PD è il primo Partito in Italia, il più collegato alla gente, il più ricco di appassionati ed intelligenti simpatizzanti, iscritti e militanti, che ci sia in Italia. Il suo gruppo dirigente è allo sbando totale, ha perso ogni credibilità e sta provando, volente e nolente, a distruggerlo, però in questo Partito c'è anche la cosa politicamente più bella , sana , riformatrice, vitale, prestigiosa e popolare che ci sia in Italia: Matteo Renzi, il quale, nonostante i tuoi auspici in senso contrario, non se ne andrà mai, altri semmai è possibile che lo facciano, e che gode di un consenso nel paese, clamoroso, imparagonabile, anche lontanamente, a quello, molto più basso, di qualsiasi altro uomo politico di qualsiasi partito esso sia.

    RispondiElimina
  53. Chiarificatore19 aprile 2013 20:01

    Mentre sono totalmente d'accordo con quanto ha scritto qui sotto Lele.

    RispondiElimina
  54. Chiarificatore19 aprile 2013 20:02

    A parte la parentesi.

    RispondiElimina
  55. Chiarificatore19 aprile 2013 20:04

    O meglio, d'accordo anche sulla parentesi se per partito Lele intende il suo gruppo dirigente. Sempre alla faccia del delfino.

    RispondiElimina
  56. Bersani carneade del PD. Si tornasse al voto domani sarebbe dietro 5 stelle e PDL. Se ne renderà conto ?!

    RispondiElimina
  57. Ma stammi bono, Chiari! Ma chi li ha votati i quasi 500 pagliacci che stanno massacrandosi da tre giorni? E 'sta retorica su un partito che ha perso milioni e milioni di elettori alle ultime legislative, pur tenendo in corpo una farcia/farsa di democristiani caricaturali! E per Renzi io non auspico nulla, poiché mai lo voterò, dico che se vuole avere un futuro di vittoria (per il quale mi sembra segnato) deve uscir fuori da quel sarcofago. Se si vota oggi Grillo è maggioranza. Grillo è il grande vincitore di questa tre giorni e i PD non vogliono votare Rodotà per questo (uno di loro ha spiegato oggi ai grillini che aveva avvicinato prima del voto in transatlantico, che il PD non poteva sostenere Rodotà perché ormai aveva «il marchio»: tanto del Paese che gli frega, a questi zombies?).

    RispondiElimina
  58. Esilio africano


    Ovvio, CHIARI, o chi si deve dimettere gli elettori? I vetero non han capito, prima delle elezioni, che il paese aveva bisogno di speranze e aria nuova. C'avevano la bombola d'ossigeno che avrebbe attirato i voti anche di chi non e' sinistrorso come me, Matteo, ma altezzosi come sempre, e anche arroccati alle metodologie comuniste, lo hanno emarginato, han confermato il peggio possibile e i risultati, facilissimi da prevedere,son li'che parlan da soli.Ora devono per forza votare Rodota', perche'il paese e'in ritardo di due mesi, che equivale alla resa a Grillo. Poi dicevano che era lui a far danni... Allo stesso tempo son riusciti a riabilitare ancora di piu' Berlusconi, quindi han rafforzato due avversari su due, un successone!

    Esistesse dignita', dimissioni generali ed esilio siberiano forzato.



    Lele

    RispondiElimina
  59. PS africano


    P.S. Leo, il PD senza Renzi, se esiste, non prende nemmeno il 5%

    RispondiElimina
  60. Tutto vero, Bersani è coglione col botto, ma ha le serpi in seno. Io credo di sapere chi è, ma non credo sia Renzi. A Renzi Prodi stava più che bene, non credo avrebbe fatto quella pantomima per trombarlo (cinquanta che votano Rodotà per far finta che sia SEL senza sapere che orecchino che bischero non è e la ragia l'aveva annusata, si era segnato le schede!) E' roba da circo. Che il conduttore sia un peracottaro è vero, ma anche il resto della ciurma Dio ci scampi e liberi.

    RispondiElimina
  61. Era il candidato di Renzi, l'ha detto Renzi stesso, ma se c'è un partito che non sta più insieme nemmeno con la colla non è mica colpa di Renzi. Se poi vogliono morire vadano su Rodotà che ho i miei dubbi che riescano ad eleggere. Ci vogliono 342 voti e se non sono stati in grado di darne nemmeno 400 a Prodi loro candidato da standing ovation, pensi sia facile li diano al candidato dei grillini? Allora tanto vale che virino sulla Cancellieri alla quale gliene bastano duecento o poco più e, forse, fin lì ci arrivano, anche se non è detto, o si inventino D'Alema che così la smette di organizzare pattuglie di franchi tiratori e che il cavaliere voterebbe. Dopo di che tirino lo sciacquone e spariscano.

    RispondiElimina
  62. Almeno Rosy Bindi si è dimessa.

    RispondiElimina
  63. Anche Prodi ha ritirato la candidatura ed è piuttosto incazzato. Ha scritto:"Chi ha provocato tutto questo si assuma le sue responsabilità"

    RispondiElimina
  64. Di dimissioni di Bersani si sta parlando in queste ore, Lele: la cosa pulita sarebbe farlo prima di cedere a Grillo, in maniera da salvare la faccia (sì, voglio mezzo centimetro quadro di faccia...) di fronte all'ennesimo dirizzone. Circa l'eredità comunista classica, Lele, direi proprio di no: il centralismo democratico era cosa seria e funzionava ed era impensabile che una decisione presa all'unanimità la mattina fosse rovesciata da ben 101 (dico 101, non 1) franchi tiratori! Qui a giocare sembra piuttosto l'eredità correntizia democristiana, con la differenza che i democristi le loro guerre intestine e i loro voltafaccia li consumavano nelle segrete stanze e non si davano in pasto ai media così miserrimamente come ha fatto il PD in questi tre giorni sconvolgenti (e c'è anche domani, uh, c'è anche domani, aspettate, al peggio non c'è mai fine!).

    RispondiElimina
  65. stefano vienna19 aprile 2013 21:07

    Torniamo a parlare di Fiorentina che è meglio. Comunque se qualcuno sta pensando di trasferire soldi all'estero, vi mando il mio conto corrente viennese. Fra due anni, magari, ce la compriamo noi la Fiorentina, sai che figata!

    RispondiElimina
  66. «voglio dire mezzo», qua sotto. Caro Jordan, fai male i conti: ma tu credi che 101 franchi tiratori siano tutti dalemiani? Se D'Alema fosse ancora così determinante nel suo partito si vedrebbe per ben altro! Renzi si è affrettato a dichiarare bruciato il nome di Prodi, con un sorrisone stampato, uscendo da Palazzo Vecchio. Ma come potevate credere che Renzi appoggiasse Prodi? Mai vorrà un presidente di prima repubblica, rappattumatore, elefantiaco, cacastecchi: lui vuole cambiare davvero, vuole il blairismo stronzo e io lo aborro, ma vuole mani libere, vuole spazzolare, figurarsi se voleva il Mortadella avariata!

    RispondiElimina
  67. Alle 22 i coglioni si ritrovano al Cinema Capranica: temo che sarà il solito film horror di serie B. I popcorn li porta Renzino, in arrivo da Firenze: dopo averli mangiati, però, ressa alle toilettes!

    RispondiElimina
  68. Casaleggio: "No al carbone. Continuare a bruciare candidati", "Abbattere costi politica. Produrre energia da scissione PD", "Riforma legge elettorale. Passare ad un proporzionale con caparra", "Innovare grammatica. Sostituire Imperfetto con Migliorabile"

    https://twitter.com/casalegglo

    RispondiElimina
  69. Quella della candidatura di Cerci al Quirinale era una battuta. Spero non abbiate smarrito il senso dell'umorismo. Comunque Coatto era e coatto resta, c'è poco da fare. Per quanto riguarda Renzi, Matteo è disposto a sostenere chiunque gli garantisca le elezioni a breve. D'Alema no, quindi, ma un Prodi o un altro che non sia interessato alle larghe intese si.

    RispondiElimina
  70. Faccio male i conti? Fino alle sottrazioni ci arrivo ancora e se il quorum è 504 e i grillini ne hanno 162, a casa mia ne mancan 342 che un partito diviso come il PD che ha già messo in mostra più di 200 franchi tiratori contro Marini e più di 100 contro Prodi che eran candidati suoi, il secondo addirittura da standing ovation, è tutt'altro sicuro di poter garantire per il candidato di altri. Poi ci provino, se bucano anche questa, e per me la bucano, è il de profundis, Poi a farci un governo con Grillo li voglio vedere, compatti come sono. Renzi vuole andare alle elezioni, possibilmente a luglio, e di sicuro non vuol perder tempo con masturbazioni grilline che verrebbero probabilmente fuori con Rodotà. Prodi presidente della Repubblica lo teme Berlusconi per i problemi suoi, che cazzo gliene frega a Renzi che fa il premier? Il presidente conta un cazzo in Italia nell'esecutivo, non siamo mica negli USA o in Brasile. Io credo che Prodi gli andasse proprio bene, a meno che quell'incontro di Palazzo Vecchio con baffino che tu sottovaluti non abbia voluto dire molto di più ed i due vadano d'accordo a fari ovviamente spenti.

    RispondiElimina
  71. Chiarificatore19 aprile 2013 21:31

    Io sto buono Colonnello, sei tu che sei agitato ed anche poco aggiornato: molti anche tra gli eletti ( la ciurma) del PD sono dei nominati ( quindi al servizio degli zombi capibastone, oggi capi-franchi tiratori orfani di Marini e dell'accordo col Berlusca: Bersani, D'Alema, Veltroni, Marini, Bindi, Finocchiaro, etc.) , anzi il PD è l'UNICO Partito che ha fatto le primarie anche per i candidati, quindi ce ne sono di non nominati, ad esempio i renziani, che le loro battaglie, come Renzi, le fanno a viso aperto, contrariamente a quello che insinui tu. Se si votasse Grillo sarebbe maggioranza, ma contro Bersani ( cosa che non succederà più), non certo contro Renzi. Peccato, per te e per Grillo, che Renzi nel PD ci sia e ci resti, e sempre più forte.

    RispondiElimina
  72. Fai male i conti, Jordan, ma non hai capito quali conti: rileggi il mio post, per cortesia, o si cade nel ginevrismo. Mentre le ragioni della segreta avversione a Prodi le ho spiegate sotto, l'effetto Rodotà impone il cambio immediato della classe dirigente PD, ridicolizzata e costretta alle forche caudine o grilline che dir si voglia, consegna il partito in mano a Renzi il quale la partita con Grillo la sa giocare e come! E se si fa governo sarà un gioco far due furbi a smarcarsi. Leggi l'articolo di «Corsera» on-line, dove Renzi si domanda che cazzo di scelta è stata: d'accordo, lo dice dopo, ma perché quel dopo l'ha fabbricato lui coi suoi cecchini.

    RispondiElimina
  73. Questo è quello che dice Renzi 13 minuti fa sul suo profilo FB


    "Per tutto il giorno di oggi sono stato accusato su Facebook di sostenere una candidatura, quella di Romano Prodi. Adesso l'accusa é opposta: aver complottato contro la candidatura Prodi. Se non ci fosse di mezzo l'Italia ci sarebbe da ridere. Primo punto: io le cose le dico in faccia, sempre. I doppiogiochisti non mi piacciono. Se dico che sosteniamo Prodi, lo facciamo. Se andiamo contro Marini lo diciamo a viso aperto. Secondo punto: il Quirinale richiede per definizione una persona esperta e competente. Lasciatevelo dire da rottamatore, il Quirinale non si trova il candidato "nuovo". Il Presidente della Repubblica deve avere caratura internazionale e senso dello stato: Prodi sarebbe stato un ottimo presidente. Ma lo hanno fatto fuori alcuni parlamentari PD che al mattino avevano applaudito la sua designazione a scena aperta. Occorre dire a questi rappresentanti del popolo che non si fa così: si deve avere il coraggio delle proprie azioni. Io non sono un grande elettore e non ho mai espresso UN candidato. Ho sempre detto che ce ne sono molti, donne e uomini. Chi ha la responsabilità di guidare il partito adesso abbia la lucidità di indicare una soluzione autorevole, per l'Italia. Chi sta in Parlamento sappia che sta scherzando con il bene più prezioso, la dignità della politica..."

    RispondiElimina
  74. «fra due furbi», qua sotto.

    RispondiElimina
  75. Sallusti conferma: vedere link http://www.ilgiornale.it/video/interni/quirinale-videoeditoriale-alessandro-sallusti-909750.html. Mette in guardia D'Alema, terzo candidato da bruciare per arrivare a un accordo col Berlusca dopo aver messo il PD a ferro e fuoco.

    RispondiElimina
  76. Chiari, non capisco il tuo intervento ma se c'è qualcuno di più agitato e sconclusionato dei parlamentari PD oggi fammelo conoscere, vuol dire che c'è peggio che quella banda. Eppure non sei di primo pelo, hai avuto formazione storicista e dunque la balla dello scollamento fra politica e paese reale non dovresti né ingoiarla né propalarla: la classe dirigente del PD è quello che è in relazione alle condizioni storiche che l'hanno formata nel rapporto col suo elettorato. Sui franchi tiratori non insinuo nulla io, lo insinua al'aritmetica. Inoltre non capisco il nesso nel periodo verbale che comincia coi «nominati», esecrabili, e finisce con l'elogio per essere l'unico partito che abbia fatto primarie per i non nominati. Insomma il PD è l'inferno e il paradiso al contempo ma, come voleva Sartre, l'inferno sono sempre gli altri... Renzi trionfa sulle macerie ma non lo condanno certo per questo: per il suo cambiamento occorreva la tabula rasa. Caro Pollock, lo scaricabarile per i cecchini ha una lunga storia nella nostra Repubblica, e non solo democristiana: il cui prodest ti dice l'assassino. Sallusti dice: due, quelli incontratisi a Palazzo Vecchio, e dice che uno dei due (indovinate quale) sarà la prossima vittima.

    RispondiElimina
  77. Chiarificatore19 aprile 2013 21:54

    Colonnello, dopo aver condiviso quello che dice il Berlusca di Prodi, ora condividi quello che dice Sallusti di Renzi. Mi congratulo con te per le tue "attendibili" fonti. Peccato per te, però, che si tratti di calunniatori di professione.

    Ma Renzi ha le spalle grosse, gli hanno dato: del fascistoide, del berlusconiano, del democristiano, del miserabile, del delirante, ed ora del franco tiratore. Avanti con le calunnie! Lui ci si rafforza!

    RispondiElimina
  78. Jordan, leggo adesso la tua replica sul Mala: ma guarda che il mio post era descrittivo, mica facevo colpa al Mala, essendo lui Mala, di non essere mai stato eletto PDR. E' in buona e numerosissima compagnia.

    RispondiElimina
  79. Quello che avevo detto sin da ieri è che Renzi sta facendo una operazione politica molto audace e che è stato lui il regista occulto della fine ingloriosa di Marini. Prodi poteva essere di suo gradimento in quanto nemico delle larghe intese. L'elezione di Prodi poteva significare che entro pochi mesi si sarebbe andati a elezioni. Ed è questo che Renzi vuole. Mi pare che Sallusti confermi questa analisi, salvo aggiungere che sul sostegno a Prodi Renzi non è stato sincero. Non so se sia così. Ma che sia lui a tenere le fila del gioco mi pare indiscutibile.

    RispondiElimina
  80. Chiarificatore19 aprile 2013 22:00

    Colonnello, sei così condizionato dalle porcherie della politica italiana, che per te uno pulito come Renzi non può esistere, quindi devi sporcare anche lui.

    RispondiElimina
  81. L'ho riletto, anzi li ho riletti, ma non ho capito quali conti sbaglierei. La classe dirigente PD verrà cambiata anche senza effetto Rodotà se non vogliono sparire come l'UDC, ed il partito verrà consegnato a Renzi, credo, ma non lo vedo così automatico ed il pantano che è, è stato dimostrato in diretta in questi giorni. Il governo non può essere un giochino a smarcarsi, ma dovrebbe decidere qualcosa, perchè se ne ha bisogno, se no correre al voto, o ci si è dimenticati della merda in cui siamo?

    RispondiElimina
  82. Chiarificatore19 aprile 2013 22:11

    Dimenticavo, tra i capi-bastone franchi tiratori contro Prodi, anche Franceschini e Fioroni, orfani di Marini.

    RispondiElimina
  83. Chiarificatore19 aprile 2013 22:13

    Occulto Renzi contro Marini? Ma se l'ha detto col megafono dalla Bignardi ed in una decina di interviste!

    RispondiElimina
  84. Allora Chiari, qui bisogna parlare di stati platonici o di quelli che esistono davvero? Credevo che la distinzione operata da Machiavelli all'inizio del «Principe» fosse dirimente, dopo cinque secoli! Renzi non si sporca minimamente a far fuori chi lo impaccia e zavorra il suo partito! Se lui crede nelle sue idee usa gli strumenti conveninti a farle trionfare. Bada che il fatto che ideologicamente mi ripugni non toglie che lo stimi un politico di gran razza (come prova anche la sua strepitosa performance a «Porta a Porta»)! Kissinger è stato un boia ma se ti metti nei suoi panni il colpo di stato in Cile è sacrosanto, necessario, inevitabile! Quando il comando atlantico cala il silenzio su Ustica e arriva a produrre alcuni mortali incidenti stranissimi di macchina o domestici a ufficiali di torri di controllo o a gente che aveva malessere a tenersi il segreto, fa quello che la situazione strategica (= gravissima gaffe che regala fortissimi argomenti ai russi nel Mediterraneo, in un paese conteso da una sinistra di massa come l'Italia) impone. Lud, non hai udito il video di Sallusti, quindi, nel quale spiega che Prodi era ingombrante e arcaico e che, come dicevo anch'io, non gli avrebbe lasciato le mani libere.

    RispondiElimina
  85. Su Sallusti ci andrei cauto, è pennivendolo di professione. Però alla fine dice quello che dico io e che cioè una delle possibili letture della situazione è un patto da tenere ovviamente segreto D'Alema-Renzi. Se è così però non vedo D'Alema come terza vittima, se lo presentano ora il Pdl lo vota e a maggioranza semplice passa, come sarebbe passato Marini. Non so se lo presentano, per ora il centro-destra è sulla Cancellieri, ma dicono che ha presentato una lista in cui ci sono anche D'Alema e Amato. Intanto si parla di dimissioni di Bersani stanotte da rendere esecutive subito dopo le elezioni del Presidente.

    RispondiElimina
  86. Orfini: "l vecchi dirigenti del partito l'hanno fatto ma non gli si può permettere di distruggerlo per ambizioni personali" O a chi si riferiva?

    RispondiElimina
  87. Bersani si è dimesso. Ce ne è voluta (giusto un po'... ahahahahahahahahah!) ma alla fine si è tolto dai coglioni. Missione compiuta, del resto la squadra giocava da tempo contro l'allenatore. Adesso D'Alema e Renzi decidono, partito spaventato, azione di forza: vedranno sùbito, è gente fina (Renzi è meglio, almeno ha idee, ha visione, l'altro è solo un killer di altissimo bordo), se riescono a tirarsi dietro tutto il partito, che non vuole andare a elezioni anticipate, perché sarebbe un disastro anche per molti parlamentari, di matrice bersaniana e che vorrebbero invece riciclarsi in corso di legislatura. Se la Coppia vede che la cera è sufficientemente molle vanno a trattare col Cav (la Cancellieri, che è anche donna, così potranno dire d'esser moderni) e ne escon fuori le larghe intese, sennò Rodotà e governo coi grillini che esplode delle sue contraddizioni in poco tempo e con Renzino che lotta con Grillo per addossare all'altro la responsabilità della rottura.

    RispondiElimina
  88. Chiarificatore19 aprile 2013 22:31

    Colonnello, il discorso dell'agitato, era tra te, che mi hai detto "stammi bono", e me. Mentre invece agitato me lo sembri tu.

    Chi dirige il PD oggi non è agitato è bollito.

    Forse stai dimenticando che la legge elettorale italiana si chiama porcellum, appunto perché prevede candidati, poi eletti, nominati dai capi partito, e non scelti dagli elettori. Da qui lo scollamento non ideologico, ma concreto e tutto attuale, tra elettori ed eletti, poi anche dirigenti nazionali di partito a loro volta.

    Il PD è l'unico partito che nonostante il porcellum abbia fatto le primarie per decidere la maggioranza dei candidati, ma non tutti, ha anche, ma non solo, dei nominati dal centro nazionale, che rispondono non agli elettori ma ai capi partito che li hanno nominati.

    L'aritmetica non insinua, Colonnello, dice solo quanti sono stati i franchi tiratori, non quali, quali siano stati lo insinui tu, confortato dal calunniatore Sallusti.

    RispondiElimina
  89. Ma con D'Alema non è una strategia, Jordan, son due serpi che fanno un po' di strada insieme perché c'è un formichiere nei pressi, finora gli interessi sono convergenti ma le azioni separate e tuttavia, rispetto a quel che pensavo (non credevo, in fondo, che il Pirla si dimettesse), la situazione creatasi favorisce uno schema D'Alema al Quirinale e Renzino premier se il malato risponde alla cura (come scrivevo nel post precedente). Chiari, guarda che Sallusti e Berlusca sono dei tifosi di Renzino, meno che mai vorrebbero calunniarlo.

    RispondiElimina
  90. Tu sottovaluti baffino che è solo un po' cacasotto quando il gioco si fa duro, ma che se gli riesce di stare al coperto è un tessitore di trame furbo come pochi. Io son sicuro che i fili li ha tirati lui e te l'ho detto sin dall'inizio. Renzi è invece politico di energia e visioni molto superiori, ma non ha il controllo del partito che è indispensabile quando c'è da fare. Per questo servono l'uno all'altro, almeno per un certo tempo, poi Renzi ne potrà anche fare a meno, ma allora dovrà stare attento. Io lo farei Presidente per levarmelo dai coglioni.

    RispondiElimina
  91. Chiarificatore19 aprile 2013 22:39

    Tra i franchi tiratori non c'è un solo renziano. Li odia dichiaratamente.
    Per Renzi, da tutti i punti di vista, oggettivi e soggettivi, Prodi sarebbe stato il miglior Presidente della Repubblica.

    RispondiElimina
  92. O Chiari, se è per lo «stammi bono» bisogna allora fornirti un dizionario fiorentino-genovese! Chiari, io guardo all'interesse e alle reazioni. Non dimentico certo la legge elettorale che ci ha infognato ma vedi che gli eletti non sono migliori dei nominati e i nominati non spuntano da sotto i funghi né vengono da altro partito, sono coerenti a una politica che gli elettori condividono anche se dopo il 25 luglio, come sempre, è una corsa a buttar giù i busti del buonanima.

    RispondiElimina
  93. Chiari, non è mica che per Renzelli ti ha preso il virus ginevrino?

    RispondiElimina
  94. Chiarificatore19 aprile 2013 22:45

    Il nemico numero uno, più pericoloso, per Berlusconi è Renzi, il numero due , collegato al numero uno, è Prodi. Berlusconi invece augura lunga vita politica a Bersani e a D'Alema.

    RispondiElimina
  95. Dici quel che ho appena detto. Io penso che il malato risponda, ovviamente perdono il SEL, ma a Renzi non gli pare il vero. Berlusca è indubbiamente anche lui tifoso (per ora) di Renzino che, se potesse, porterebbe nella sua squadra anche a costo di pagarlo più di Ibra, Salusti è una merdaccia pennivendola che qualche granellino di cacca sull'avversario di chi lo paga lo mette per postulato.

    RispondiElimina
  96. Chiarificatore19 aprile 2013 22:49

    Allora te lo ripeto Colonnello:Il nemico numero uno, più pericoloso, per Berlusconi ( quindi per Sallusti) è Renzi, il numero due , collegato al numero uno, è Prodi. Berlusconi invece vorrebbe una lunga vita politica per Bersani e D'Alema.

    RispondiElimina
  97. Chiarificatore19 aprile 2013 22:51

    Lo sanno anche le pietre che sono stati gli zombi, Colonnello, sveglia!

    RispondiElimina
  98. Per ora e anche più avanti, Jordan, se gli concede impunità (è ovviamente nei patti, D'Alema in questo senso rese già prezioso servizio) e se realizza la politica di smantellamento «modernista» dello stato sociale e di canalizzazione esclusiva di risorse verso l'imprenditoria. Se fa il Blair, insomma, il rottamatore della sinistra, non solo dei sinistri. A destra Renzino ha stampa eccellente, anche sul sitollock vedi che elettori di destra da sempre li darebbero il voto.

    RispondiElimina
  99. Renzelli, ahahahah!

    RispondiElimina
  100. Chiarificatore19 aprile 2013 22:54

    C'è una guerra generazionale nel PD , Prodi Presidente avrebbe garantito molto di più le nuove leve, Colonnello. Sveglia!

    RispondiElimina
  101. «gli darebbero», qua sotto. Se il malato risponde, Jordan, lo vedremo sùbito domani. Penso che quei quasi cinquecento poveretti (in gran parte dei mediocri: però questo pomeriggio ho visto la Moretti alla tele e qualche colpo glielo avrei dato anche lì in diretta) sono ormai così sbalestrati che si darebbero anche al diavolo, in questo momento. E al diavolo, infatti, si daranno.

    RispondiElimina
  102. Dubito fortemente che Renzi rappresenti un pericolo per Berlusconi, anzi, credo che se lo auspichi il maltrattatore di minorenni.

    RispondiElimina
  103. Io glielo darò se si presenterà l'occasione

    RispondiElimina
  104. Alla Moretti qualche colpo glielo darei anch'io, ma in questi casi la politica c'entra poco, io glielo darei anche alla Carfagna. Si daranno al diavolo al quale si son sempre dati per vent'anni più uno nuovo che magari è meglio.

    RispondiElimina
  105. E il cerchio si chiude. Cala il sipario su una strategia fallimentare durata vent'anni, quando il crollo della DC e l'avvento del berlusconismo fecero scaturire la grandiosa idea di un nuovo marchio : il CENTRO( sinistra). Alla ricerca di un'identità moderata a tutti i costi, capace di attirare i voti dell'elettorato cattolico orfano del biancofiore e così ,finalmente, governare il paese. Menti sopraffine, quelle d'alemianveltronesche, capaci di allontanarsi così tanto dalle radici socialiste da non saper/voler più riconoscere storia e motivazioni di un partito. Rodotà era la soluzione più facile, quella più sicura, quella che ti faceva vincere. Bastava un tocco per metterla dentro, invece qualche centinaio di Blisset, l'hanno sparata a due cm dalla porta sono riusciti a far segnare gli altri. Forse è ora che ci riprendiamo la sinistra noi lavoratori.

    RispondiElimina
  106. Leo, Renzi rappresenterà un pericolo, cioè un avversario per Berlusconi, alle prossime elezioni. Per ora è interlocutore almeno teoricamente più disponibile di quelli che c'erano.

    RispondiElimina
  107. Penso che ad Arcore, in quel famoso incontro, abbiano già stabilito il patto di non belligeranza o belligeranza amichevole, Renzi garantirà il salvacondotto per le forche caudine che gravano sulla crapa pelata dell'ex-premier e crapa pelata garantirà Angelino a far da materasso.

    RispondiElimina
  108. La regia è di baffino e Renzi se ne serve perchè pigliarsi il partito è tutt'altro che facile senza qualcuno della vecchia guardia che lo appoggi. E' baffino che vuol diventare presidente e che è improponibile senza aver prima macinato i competitors.

    RispondiElimina
  109. Io sono disgustato da questo individuo che per alimentare le sue ambizioni personali sta giocando al massacro con la storia e la dignità di un partito che meriterebbe ben altro - dirigenti compresi, claro. Renzi può sconfiggere Berlusconi, ed anche piuttosto nettamente, sul piano dei numeri. Politicamente rappresenterà invece l'ennesima vittoria di Berlusconi, cui garantirà una sostanziale impunità [come gliel'hanno garantita del resto D'Alema e sodali], e la realizzazione dei suoi "progetti per il paese". Purtroppo la sinistra non esiste più in italia, e per ricostruirla dal basso occorreranno decenni, e disillusioni su disillusioni, governati dai Renzi ed altri liberisti di turno.

    RispondiElimina
  110. Se davvero D'Alema riesce nell'impresa di farsi eleggere Presidente della Repubblica dopo aver bruciato nel cammino uno come Prodi, io mi inchino, è un Genio del Male. Non potrà averlo fatto, però, senza sotterranea alleanza con Renzi, e a quel punto sarà chiaro che i due dovranno tenere una linea comune riguardo a Berlusconi, indovinate quale.

    RispondiElimina
  111. A me pare che Renzi abbia giocato tutte le palle curve che il braccio gli permetteva, futuro premier, con presidente baffino che l'ha minacciato prima e accolto dopo, il tutto con la benedizione del Berlusca che si ritrova un presidente della repubblica ed un presidente del consiglio a lui graditi ed un Grillo riportato a più miti consigli. Che il voto a Renzi arriverà anche da tanti centristi e destrorsi lo anticipa, e bene, il colonnello, questa è una soluzione che accomoda tutti. L'alternativa Grillo inviso da tutti i politici e senatori da seconda repubblica e troppo scomodo da far passare è riuscito a diventare il terzo partito d'Italia e questo ha permesso lo sfascio del PD, che non ha saputo, e voluto, appoggiarsi da nessuna delle due parti, e si sa, senza stampelle prima di buio....... Certo che Bersani c'è cascato come un allocco. Mani e piedi proprio.

    RispondiElimina
  112. Chiarificatore20 aprile 2013 00:41

    Provo a spiegarlo ancora una volta, poi ognuno resti pure della sua idea.

    Renzi non solo non c'entra un piffero con i franchi tiratori e con la bocciatura di Prodi,ma i franchi tiratori bocciando Prodi hanno voluto colpire proprio Renzi che ne era il principale e, per loro, "prepotente" sostenitore, e che ha fatto fuori Marini ed il conseguente accordo col Berlusca.

    La regia dei franchi tiratori non è stata di uno solo, è stata dei bolliti in generale, che non si vogliono fare da parte e non vogliono né Renzi, né i giovani turchi, né i giovani dirigenti in generale a rompere le scatole.

    Quelli che disgustano non sono i giovani, Renzi in testa, ma gli zombi che stanno, loro sì, distruggendo il PD pur di non perdere il posto in Parlamento e nel Partito.

    Renzi è già ora il nemico numero uno di Berlusconi perché gli porta via voti, voti che sono per Berlusconi l'unica garanzia per farsi eleggere, per avere potere, e rimanere lontano dai tribunali e dai magistrati, per allungare i processi e per garantirsi l'immunità/impunità.

    RispondiElimina
  113. Chiarificatore20 aprile 2013 00:42

    Buonanotte.

    RispondiElimina
  114. Penso che D'Alema presidente, Renzi presidente del consiglio e Berlusconi senatore a vita sia il futuro prossimo. 1, 2 e 3, quello che volegliono. Se così va, le tessere vanno tutte al posto giusto. Si fa per dire, eh ?! La stupidità di Bersani è stata quella di credere che il risultato delle urne potesse garantirgli il "si fa come si dice noi, in completa autonomia perché siamo il primo partito d'Italia", gli è arrivato un bel bus in piena faccia mentre attraversava sulle strisce.

    RispondiElimina
  115. "Volegliono" non si po' vedé......scusate......refuso, suppongo......

    RispondiElimina
  116. Chiari, ma guarda che se al Berlusca assicuri impunità personale e politica di classe (la sua), come sotto ho spiegato a proposito di Renzi (concordo con Deyna per il giudizio ideologico su di lui), il Berlusca si ritira tranquillo a godere i suoi fantastiliardi e le sue volgarozze. Il Berlusca manco le fa, le prossime elezioni, se Renzi si presenta leader di una neo-formazione (da intendersi in senso oncologico).

    RispondiElimina
  117. Caro Jordan, la Carfagna è molto stimolante, in effetti. L'ultimissima è che, disperato, il dimissionario Pirla avrebbe contattato Umberto di Savoia per chiedergli il bis. Siamo alla disperazione più annaspante! Ma qualunque giudizio si voglia dare di King George, se così avvenisse l'ammissione di impotenza da parte del Parlamento sarebbe tragica: in pratica, ciò equivarrebbe a dire che non si trova una sola personalità degna, oggidì, di rivestire la carica di PDR. E non è così sballato: sono tutti, infatti, ladri o scemi, comunque incompetenti.

    RispondiElimina
  118. Stefano Vienna20 aprile 2013 03:32

    Noto con dispiacere che il sito, come il Paese, si dedica all'ora del mitomane.

    RispondiElimina
  119. Il quadro che presentate è verosimile ed è quello che mi sono immaginato sin dall'inizio. L'unica differenza tra me e voi è che io, se è così, li applaudo, son dei ganzi tutti e due se gli riesce perchè non era mica facile. Oltre ad applaudirli faccio anche il tifo perchè non essendo mai stato di sinistra e non avendo quindi mai ritenuto la soluzione di sinistra una soluzione, la trasformazione del PD in un partito "blairiano" la considero la salvezza e non un problema per questo paese. Basta che non arrivi troppo tardi. Bersani è un sempliciotto e non ci ha capito un cazzo sin dal principio, se un capo non conosce la sua truppa e suppone che lo seguano per postulato che cazzo di capo è?

    RispondiElimina
  120. Guarda che anch'io non credo che i franchi tiratori ieri siano stati i renziani, troppo pericoloso anche se avesse voluto farlo, in fondo si tratta di un gruppo insieme da non molto, chi fa pippo alla fine esce e si rischia grosso. Per non far passare Prodi e metterne in crisi la candidatura ne bastava la metà, anche i 38 che avevan votato D'Alema la volta prima, che son più o meno la cinquantina tra D'Alema, bianche ed altri che ci sono stati. Si sono aggiunti, e credo fossero inaspettati, i furbega che han votato Rodotà, credendo di darne la colpa a SEL e la bocciatura da semplicemente programmata, è risultata clamorosa. Gentiloni, renziano, quando è uscito era incazzato nero.

    RispondiElimina