.

.

domenica 8 dicembre 2013

Sotto la cassapanca la squadra crepa

Una bella Roma ma anche una bella Fiorentina, due squadre che onorano lo spettacolo tenendo viva la partita fino alla fine, con Neto che contiene il passivo Viola e De Santis che protegge il vantaggio con una  miracolosa parata su Pasqual. Senza dimenticare che Aquilani sciupa un clamoroso rigore in movimento sull’ uno a uno, che vede la Roma cogliere un palo e arrembare a momenti, ma allo stesso tempo chiudere in affanno e in dieci, mentre Pepito spreca a più riprese. Gervinho su tutti, più di Cuadrado, e quindi trovo ingenerose tutte le critiche che ho letto e che individuano in Tomovic e Montella i maggiori responsabili della sconfitta. Del resto l’ivoriano è forte non da oggi, e non lo ha certo dimostrato solo grazie alla inadeguatezza di Tomovic che oltretutto propizia il pari di Vargas, altra bella nota positiva insieme a Neto che si riscatta. C’è chi invoca Roncaglia, che secondo me, se il gioco deve essere per forza quello del “se c’era lui” è troppo irruento e ci avrebbe fatto chiudere la partita in 10. E visto che i “se” sono tutti legittimi ma per fortuna non sono verificabili così tutti ci possiamo crogiolare con le nostre convinzioni, è tanto tempo che sostengo con gli amici che sono così irresistibile che se la Johansson passasse per San Frediano io me la tromberei di sicuro. Un po’ come Roncaglia che pur non giocando mai sembra essere diventato il nuovo Vierchowod sacrificato sull’altare dell’incompetenza del tecnico. Ingenerose quindi anche le critiche a Montella, il miglior allenatore tra gli emergenti non solo della serie A, non a caso al Centro Sportivo hanno fatto il viottolo per venire a vedere come lavora, una squadra che nel frattempo ha fatto innamorare gli amanti del bel gioco di mezza Europa, e non può essere diventato un somaro come lo si dipinge oggi. Non solo, i grandi giocatori che hanno deciso di venire a giocare da noi, lo hanno fatto soprattuto per merito suo che ha reso appetibile la piazza proprio attraverso il bel gioco. E se Prandelli deve essere usato per evidenziarne le caratteristiche peggiori, sarà bene ricordare che le sole vittorie in trasferta della Fiorentina di quest’anno, Cesare le metteva insieme si e no in un paio di campionati abbondanti. Fino ad oggi ce la siamo giocata alla pari con tutti, una dimensione da tempo sconosciuta, è vero che abbiamo subito tanti gol ma per me il saldo è ancora ampiamente positivo. Meglio con Pizzarro, e ricordiamoci che a Vincenzo e alla Fiorentina manca Gomez da settembre, non è per cercare attenuanti perché il tecnico non ne ha bisogno, ma un giocatore così, oltretutto quello sul quale si è puntato forte variando addirittura il progetto tattico della squadra, insomma non lo si può regalare. Ma il calcio è bello anche perché dà la possibilità a tutti di poter giudicare l’operato dell'allenatore, diciamo un classico, come quello di dargli consigli pensando di leggere la partita in maniera più lucida di lui, ho letto che siete stati molto critici, che avete individuato indizi su indizi sulla scena del delitto che inchioderebbero il tecnico davanti alle proprie responsabilità. Io confesso di non avere queste vostre capacità di lettura, mi affido a Montella sperando che non mi freghi come invece spesso mi succede. E sono proprio gli amici che me lo fanno notare, quelli come voi che hanno capacità di analisi e usano l’errore di Aquilani come se fosse il “Luminor,” per cristallizare tracce di responsabilità sulla scena della sconfitta, e sono meno ingenui di me che mi diverto a vedere la Fiorentina di Montella anche quando perde perché è comunque bella. Si, mi prendo i pro e i contro del suo credo tattico, perché io ho visto una delle più belle partite dell’intero campionato, una partita di grande livello e bisogna riconoscere i meriti dell’avversario senza per forza andare a cercare delle responsabilità per scaricare la delusione. Discorsi, si, i miei sono solo discorsi, e me lo dicono sempre appunto i miei amici, mi mettono sul chi va là così come fate voi. Solo sabato ho comprato una cassapanca del 700, è tutta intarsiata, conservata perfettamente e lavorata in maniera ineccepibile, ma qualcuno dei miei amici sapientoni sostiene che non è autentica solo perché era in una scatola di montaggio.

94 commenti:

  1. Chiarificatore8 dicembre 2013 21:56

    Viva Renzi!
    Occiduo un cazzo, Colonnello, Pizarro è in grado di dare il meglio di sé ancora per un paio d'anni, ed oggi lo ha dimostrato.

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore8 dicembre 2013 22:01

    State tutti discettando su aspetti marginali.
    Montella ha deciso di non vincere oggi, puntando al presunto contenimento, quindi decidendo di perdere, quindi indebolendo la squadra, quindi rendendola più fragile, più penetrabile, più esposta alle scorribande della Roma, nello stesso momento in cui ha messo in campo Ambrosini al posto di Pizarro o comunque di un altro centrocampista con i piedi buoni.
    Non dico Mati ma persino un Vecino qualsiasi avrebbe garantito una prestazione migliore rispetto a quella offerta dalla Fiorentina di Ambrosini.

    RispondiElimina
  3. Il meglio, a intervalli. O sfuocatamente. E' questo il tramonto. Dolce comunque e sempre preferibile alla notte eterna ambrosiana.

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore8 dicembre 2013 22:03

    Viva Renzi!

    RispondiElimina
  5. Per la verità, insieme a Lele ci siamo subito appuntati su questa rinuncia. L'apologeta di Montella à tout prix eri tu.

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore8 dicembre 2013 22:05

    Anche Pirlo doveva essere al tramonto quando il Milan lo cedette alla rubentus.
    Viva Pizarro!

    RispondiElimina
  7. Ma questa di sparare l'editoriale il giorno prima a cosa si deve, Pollock? Chiari, e lo era e lo è, ma un tramonto estivo fa sempre più luce di una notte invernale, quella che ammala il Milan da quando lo ha ceduto.

    RispondiElimina
  8. Chiarificatore8 dicembre 2013 22:08

    Io non sto mettendo in discussione Montella, Colonnello, e rimango, tutto sommato, un suo apologeta. .
    Dico solo che oggi ha fatto una, e soprattutto una, scelta suicida.
    Ho ancora moltissima fiducia in lui, ma non è un santo e tanto meno infallibile.

    RispondiElimina
  9. Ma questa scelta la sta facendo da tempo, Chiari. E poi non è una scelta, è una passività mentale, ed è questo che è peggio.

    RispondiElimina
  10. Chiarificatore8 dicembre 2013 22:10

    Infatti lo rimango, semplicemente non lo considero infallibile.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore8 dicembre 2013 22:11

    Non da tempo, Colonnello, oggi Pizarro in panca è un inedito che grida vendetta la cospetto di Dio, calcisticamente parlando.
    Viva Renzi!

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore8 dicembre 2013 22:13

    Al cospetto.

    RispondiElimina
  13. All'orario anticipato della partita. Mi sembrava surreale farvi commentare la sconfitta sull'editoriale della vigilia così pieno di ottimismo.

    RispondiElimina
  14. Chiarificatore8 dicembre 2013 22:53

    Che la Fiorentina, con i suoi mezzi, abbia meritato di perdere mi fa incazzare più del fatto che abbia perso.

    RispondiElimina
  15. l'inter ci saluterà presto e la Roma tra quattro partite sarà a quattro punti da noi. Gomez sistemerà molte cose, soprattutto al livello tattico, perché i tasselli ora sono un po' fuori posto.Noi, per natura e caratteristiche, prenderemo sempre gol,ma con uno che segna ad ogni alito di vento, avremo parecchie possibilità in più di farne spesso uno di più.

    RispondiElimina
  16. più
    ne ho messo un altro, mi avanzava

    RispondiElimina
  17. Ed io pure a 'sto punto.

    RispondiElimina
  18. A vedere i risultati della serie A, Napoli-Udinese 3-3, Inter-Parma 3-3 ci si rende conto di quanto in basso sia scaduto il nostro campionato, prevedo una debacle nelle coppe delle nostre squadre in toto, anche chi passerà il turno sarà asfaltato in quello successivo, mai visto un livello tecnico così basso. Mi ero illuso per qualche buon risultato all'inizio ma tolte le solite merde non abbiamo una squadra presentabile in europa. Anche la Viola con questi alti e bassi non ha problemi in un girone ma quando troverà quelle che scenderanno dalla CL sarà dura, la vedo non tanto bene e si che avevo creduto possibile andare parecchio avanti in questa competizione.

    RispondiElimina
  19. stefano vienna9 dicembre 2013 00:09

    Oggi non mi consola, magari domani, anzi magari dopo la partita di ritorno. Sono ancora occupato ad insultare Cuadrado. Il mio auspicio, da persona di sinistra, è che Renzi venga votato dalla maggioranza degli italiani, ma solo da una minoranza di elettori di sinistra. E che invece tutti quelli di sinistra che si credono superiori al resto del paese se ne restino a casa o magari votino Grillo.

    RispondiElimina
  20. Comunque ho rivisto i due gol di oggi, lì non si tratta di tattica, si tratta solo di difensori capponi, con le zampe gialle. Anche loro comunque sul goal di Vargas, per come han fatto arrivare Tomovic (non Julinho e nemmeno Cuadrado) sul fondo non è che abbian brillato. Tomovic sul primo goal si fa scartare a trenta centimetri dalla linea di fondo e quelli nel mezzo sul passaggino dormono come le pine. Peggio fanno sul secondo goal quei due che si fanno passare Gervinho nel mezzo e quel broccaccio di Pasqual che dorme su Destro. I difensori sui cross si devono avventare con la bava alla bocca per anticipre non mettere il piedino come se giocassero al minuetto! Li farei scendere in campo col tutù invece che con i pantaloncini da calcio.

    RispondiElimina
  21. Infatti, quello che mi fa veramente incazzare è che siamo in entrambe le situazioni in superiorità numerica ma due giocatori della roma battono a 4 metri dalla linea di porta (forse meno sul primo) completamente, o quasi, indisturbati. Oggi parlavo di campetti di periferia o parrocchiali, penso fosse uno slancio di generosità e buonismo ingiustificato.

    RispondiElimina
  22. Copio e incollo un post di Marco da Siena che sottoscrivo sostanzialmente:«E giocare bene non deve diventare un alibi per non riflettere sui propri problemi. Tatticamente cosa avrebbe escogitato Montella per annullare Gervinho, il giocatore che in sostanza gli ha fatto perdere la partita? Perché all'Olimpico nei primi minuti subiamo sempre gol? Dove sono i progressi rispetto all'anno scorso? Considerato che il computo totale di gol subiti nello scorso torneo fu 44 e adesso siamo già a 20 e nemmeno è finito il girone d'andata, be' qualche autocritica bisognerebbe cominciare a tirarla fuori. Certo poi ci dovrebbero anche spiegare perché spendere 4 milioni su Rebic, un giocatore che ha giocato 20' da settembre ad oggi, e non su Jorginho, quando ancora era acquistabile. Ci dovrebbero spiegare come mai Ambrosini, alla frutta e fisicamente poco integro, da acquisto per fare spogliatoio e portare esperienza, è diventata l'unica alternativa di centrocampo. Questo però da solo non spiega i venti gol subiti. Magari con un'altra posizione in classifica, avresti fatto venire la voglia al proprietario ora a gennaio di completare la squadra. Siamo belli e divertenti, quando diventeremo temuti ed antipatici?»

    RispondiElimina
  23. Il Napoli pareggia in casa contro l'Udinese, l'Inter in casa contro il Parma: non siamo solo noi a perdere punti contro squadre medie. Ora è essenziale fare almeno 10 punti nelle prossime quattro partite, mentre le altre hanno scontri diretti, poi ne parliamo.

    RispondiElimina
  24. Aggiungo che Napoli e Inter contro rispettivamente Udinese e Parma si sono presi tre gol in casa, come noi contro il Verona (ma noi abbiamo vinto), il che effettivamente è strano per squadre allenate da Mazzarri e Benitez.

    RispondiElimina
  25. Chiarificatore9 dicembre 2013 08:08

    Caro Anto, il punto non sta tanto nel fatto che abbiamo perso, ma che lo abbiamo fatto meritatamente, quando questa Fiorentina ha un gioco ed una rosa che la obbligano ad andare a Roma per dettare legge.
    Solo uno sfigato, un loser cronico come lo svizzero può essere soddisfatto per una sconfitta del genere.
    Ma anche prendersela con gli errori della difesa, per quanto abbia un suo fondamento, può essere fuorviante rispetto ai motivi principali di questa sconfitta, ripeto, strameritata da tutta la squadra, così come è scesa in campo.
    Montella merita tutta la nostra fiducia, perché da quando c'è lui abbiamo una Fiorentina bellissima e tutto sommato vincente, e questo è soprattutto merito suo.
    Ciò detto non possiamo rinunciare a criticare sue singole scelte di formazione che ci sembrano sbagliate.
    Se agli errori cronici rappresentati dall'inamovibilità di Pasqual, addirittura capitano, dal giocare con una sola punta, leggera e che si trova spesso a giocare da trequartista, si aggiunge l'obbrobrio Ambrosini al posto di Pizarro o similare, in una partita che andava vinta prima di tutto sul piano tecnico e della costruzione del gioco, non si può che dedurre che la partita ieri l'ha persa Montella e solo Montella, con tutto il rispetto e , ripeto, la fiducia che continua a meritare.

    RispondiElimina
  26. Chiarificatore9 dicembre 2013 08:15

    Aggiungo un dettaglio, due calciatori viola hanno tutto il diritto di essere incazzati neri, come me ed anche di più, con Montella: Neto e Vargas, perchè con la sua formazione ha vanificato le loro prodezze e la loro fantastica prestazione.

    RispondiElimina
  27. Chiarificatore9 dicembre 2013 08:24

    Viva Renziiiiiiii!!!!

    RispondiElimina
  28. Chiarificatore9 dicembre 2013 08:32

    Io non denigro Ambrosini, per quanto non sia il mio ideale di calciatore, anzi dico che rispetto a Migliaccio è di un altro pianeta, dico solo che va utilizzato solo in certi momenti e certe situazioni, quando c'è da picchiare contro calciatori che picchiano, ma metterlo in campo, tanto più a fine carriera, contro calciatori tecnici e veloci vuol dire esporre la Fiorentina ED ANCHE LUI solo a delle brutte figure.

    RispondiElimina
  29. Chiarificatore9 dicembre 2013 08:56

    Ciò detto ieri mi sono consolato facendo lo scrutatore ( con turni, ovviamente, salva partita, 8-12 e 16-20, e poi scrutinio, eh eh eh).
    Risultati del mio seggio di Poggio Mirteto Scalo:
    Renzi 84% , Civati 11% , Cuperlo 5%.
    Evvvvvvvvvvaaaaaaaiiiiiiiiiiiii!!!!!

    RispondiElimina
  30. Chiarificatore9 dicembre 2013 09:06

    Lo sfigato svizzero non ha visto la partita, ripete solo ossessivamente la sua solita frase-giaculatoria che s'è scritto a fine agosto.
    Su Pasqual inamovibile capitano, su Ambrosini playmaker, su Rossi unica punta ed aggiungo, sull'ininfluente Ljajic di ieri, non ha nulla da dire.

    RispondiElimina
  31. Chiarificatore9 dicembre 2013 09:12

    Vi avviso, se non scrivete qualcosa continuo a scrivere io. Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah!!!!!

    RispondiElimina
  32. Un'atroce delusione per Zazà da parte del Gabbia:



    «Al termine del match vinto contro il Catania, Manolo Gabbiadini ha parole d’elogio per il nuovo tecnico della Sampdoria, Sinisa Mihajlovic:
    “Il suo arrivo ci ha dato serenità. Il gruppo è forte, grazie a lui
    possiamo fare in partita quello che prepariamo durante la settimana”.
    Come a dire che Delio Rossi non trasmetteva serenità all'ambiente doriano».

    RispondiElimina
  33. Il Napoli virerà a 40, tre punti sopra di noi. Juve e Roma bye bye in un senso, Inter nell'altro.

    RispondiElimina
  34. Nell´incubo, mi sveglio, mi guardo allo specchio e scopro che sono strabico.
    Cerco freneticamente in tasca, per vedere la mia foto sui documenti, per vedere se sono realmente cosí.
    Trovo un passaporto e scopro…sono RUMENO!
    Non puó essere, dio boia!
    Mi siedo inconsolabile sulla sedia. Ma non é possibile!!!
    E´una sedia a rotelle, che vuol dire che oltre ad essere strabico e rumeno, sono anche handicappato.
    -”Amoreeeeeeee”, grida una voce dietro di me. E´il mio fidanzato…Cazzo! Sono anche finocchio!
    -”Sei tu che hai preso la mia siringa?”
    Oh mio Dio! Strabico, rumeno, handicappato, finocchio, drogato e forse sieropositivo!
    Disperato, comincio a gridare, a piangere, a strapparmi i capelli e… Nooo!!! Sono calvo!
    Suona il telefono. E´mio fratello che dice: -”Da quando la mamma e il papá sono morti, non fai altro che riempirti di droga, vagabondando tutto il giorno! Cerca un impiego, trovati un lavoro!”
    Merda, scopro che sono anche disoccupato!!!
    Cerco di spiegare a mio fratello che é difficile trovar lavoro quando si é strabico, rumeno, handicappato, finocchio, drogato, forse sieropositivo, calvo e orfano, ma non ci riesco perché…
    Perché sono balbuziente!!!
    Intorpidito, riattacco il telefono, con l´unica mano che ho, e con le lacrime agli occhi, vado fino alla finestra per vedere il paesaggio…
    Migliaia di roulottes e baracche tutto intorno…
    Sento una pugnalata nel pacemaker: oltre a strabico, rumeno, handicappato, finocchio, drogato, forse sieropositivo, calvo, monco e cardiopatico, sono anche zingaro…
    Comincio a sentire i brividi e mi dirigo al guardaroba per prendere un maglione, e con grande sorpresa, quando apro il cassetto trovo la maglia dell´ INTER!!
    Entro in shock, oltre a strabico, rumeno, handicappato, finocchio, drogato, forse sieropositivo, calvo, monco, cardiopatico e zingaro, sono interista!
    In questo momento, torna il mio fidanzato e dice: -”Amoreeee, andiamo, sennò arriviamo tardi alle primarie”. Porca troia!!! Svengo!

    RispondiElimina
  35. Se tra Bologna, Sassuolo, Livorno e Toro facciamo 8 punti giriamo la boa a 35, che darebbe una proiezione finale di una settantina, più o meno come l'abbo scorso. Pur senza Jovetic, Ljajic e Toni, ad agosto la squadra usciva sulla carta rafforzata con Gomez, Rossi e Ilicic; ma senza il tedesco e lo sloveno il livello non è superiore a quello dell'anno scorso, quindi (consideratma abche la Coppa) non parlerei di involuzione di Montella.
    Ci sono semmai altre questioni che mi restano incomprensibili dall"anno scorso, a partire da quella solita su Pasqual, che già nel 3-5-2 capisco poco, come terzino puro poi mi pare di giocare in dieci.

    RispondiElimina
  36. Io credo che il Gabbia intenda esprimere il suo apprezzamento per il realismo di Miha. Er Puzzone sa quanto si può ricavare dal materiale a disposizione e non chiede ciò che non è ottenibile.

    RispondiElimina
  37. Esatto Vita, l'anno passato l'avere Toni o Jovetic portava preoccupazioni differenti a chi doveva difendere, e Cuadrado si giovava dell'uomo in meno che quest'anno gli finisce sistematicamente in radoppio o a triplicare la marcatura, non è che parta a ridosso dell'area o che si trovi schiacciato sui difensori, o meglio, si trova schiacciato sui difensori perché ha meno spazio, ma chi glielo crea, Rossi solo come un bruco ?! Non che Rossi non stia facendo benissimo, alla grande, 12 goal, capocannoniere, che altro può darci una seconda punta adattabile a far la prima. Anche su ieri, Vargas e Cuadrado non sono attaccanti ma esterni tripallici, il problema è che non abbiamo riferimenti la davanti, riferimenti che non aumentano con l'ingresso di Matos ma almeno di un Rebic o un Ilicic aspettando il grande infortunato Gomez. Siamo meno belli, meno prolifici dell'anno passato, più concreti si ma in termini di punti e gioco si paga dazio.
    Ridatemi Gomez e mettetemi in forma Ilicic, si assisterà ad un altro campionato.

    RispondiElimina
  38. Chiarificatore9 dicembre 2013 11:39

    Sopra, il bello deve ancora venire. Il TUO incubo è appena iniziato.
    Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  39. Sono d'accordo, Leo. Detto questo, però, se col rientro di Gomez non vedremo la coppia Rossi-Gomez davanti, tre difensori puri, tre centrocampisti centrali e Cuadrado e Vargas partire da più lontano, io resterò perplesso cone non mai.

    RispondiElimina
  40. Chiari, per ora mi sembra più appropriato "Forza Renzi!". Per "Viva Renzi!" aspetterei.

    RispondiElimina
  41. Chiarificatore9 dicembre 2013 12:05

    Anche "Viva" è appropriato, caro Vita, pensa che lui ha continuato non solo a vivere ma a crescere, politicamente e nei consensi, nel mentre che gli altri continuavano a prevedere il suo calo. Certo, è vero che ora per lui inizia il più difficile.

    RispondiElimina
  42. So' i' Gonfia. Guarda che a rinfrescare la pagina 'un si spende nulla, ahahah!

    RispondiElimina
  43. Chiarificatore9 dicembre 2013 12:13

    Si può non considerare vomitevole manigoldo e nemico della Fiorentina uno che sostiene che i sostituti di Ljajic sarebbero lì per caso e che sarebbero Rebic, Matos e Vargas? lo sfigato svizzero , lo ha fatto un paio d'ore fa sul sitone.

    RispondiElimina
  44. Chiarificatore9 dicembre 2013 12:14

    Ok, Gonfia, la rinfrescherò più frequentemente, tanto non costa, eh eh eh.

    RispondiElimina
  45. stefano vienna9 dicembre 2013 12:24

    E' finita l'emergenza Gomez, è finita non in gloria. Ma ci sono problemi che sono emersi e che non è detto che si risolvano con il ritorno del centravanti. Uno è il rapporto irrazionale tra Ambrosini e Montella che deve tornare sui binari di un moderato utilizzo a partita in corso. Il secondo è la fase difensiva sulle fasce che, diciamola tutta, è stata assente ieri soprattutto a sinistra: il primo gol venuto da destra è stato più casuale, Tomovic era ancora un pò imballato e Gervinho l'ha bucato inesorabilmente, ma poi la fascia destra m'è sembrata discreta in fase di contenimento soprattutto nel secondo tempo, segno che lì c'è equilibrio; l'altra fascia è stata una debacle quasi continua, crollo compreso dopo dieci minuti del secondo tempo.


    Rimango dell'idea che gli interpreti contino più dei moduli. Trovo assurdo che Roncaglia non giochi quasi mai, ieri poi è assurdità inconcepibile, lui su Gervinho e Tomovic a sinistra (anche in un 3-5-2, sempre meglio di Pasqual in tutte e due le fasi) avrebbero limitato i danni. Trovo assurdo che Ambrosini sia preferito a Mati e Pizarro (forse acciaccato), ma almeno Montella poteva cambiare in corso d'opera quando ormai si vedeva che Ambrosini passeggiava ovvero dopo cinque minuti del secondo tempo. Insomma, c'è sato un momento in cui veramente mi sono chiesto, perchè non cambia nulla e cinque minuti dopo s'è beccato il gol.

    RispondiElimina
  46. Chiarificatore9 dicembre 2013 12:27

    BarryBonds s'è dato alla macchia, il nuovo sabotatore della Fiorentina dei DV e fanatico adoratore del tecnico, nel sitone è lui, l'ineffabile di Pietrasanta. Sono aperte le iscrizioni alla nuova setta. Il suo blog è ancora a zero, chi vuole essere il primo adepto?

    RispondiElimina
  47. Sopra, sulla maglietta scrivici Horia e ne sarai fiero, ne sono sicuro, per neo-rumeno che tu sia. Stefano, sono d'accordo su tutto. E i grandi allenatori, e cioè i vincenti, sono sempre stati grandi assemblatori e ottimizzatori di interpreti. Il modulo attuale della Fiorentina è indubbiamente sbagliato secondo gli interpreti ma, alla radice, alcuni interpreti sono sbagliati secondo qualsiasi modulo. Del resto non si può prendersela con lo sciagurato Zazà quando sostiene che il mercato è stato fatto al di sopra di Montella e poi esentare Montella da colpe per giocatori il cui acquisto o la cui permanenza è dunque stata da lui avallata. E poi Tom su Gervinho, Pasqual quarto di difesa, Ambrogio a centrocampo, tridente con nano centrale e due esterni di centrocampo ai lati erano forme raffinate di suicidio regolarmente denunciate in anticipo su sitollock e non hanno mancato di funzionare allo scopo disperato. Ma noi, lubitschianamente, vogliamo vivere.

    RispondiElimina
  48. stefano vienna9 dicembre 2013 12:41

    Appurato che con Gomez si ritorna al 3-5-2, il dilemma è chi mettere esterno alto a sinistra. Bene, partiamo dal cambiare radicalmente le gerarchie. Io vedo un alternanza Tomovic-Vargas con il primo da preferire con avversari più ostici, Vargas come alternativa con avversari meno pericolosi. Per la difesa a tre servirebbe un innesto di valore, ma non penso sia facile a gennaio.


    Su Vargas: questo è un campione vero. Se, come dico sopra, non sempre è possibile utilizzarlo esterno alto, perchè non utilizzarlo eventualmente anche a centrocampo o comunque in posizione più avanzata, se non dall'inizio almeno a partita in corso.

    RispondiElimina
  49. Di rosa, caro Stefano, la miglior formazione possibile quest'anno, entro il miglior modulo possibile stante la rosa medesima, è: Neto, Fac, Rodri, Compper, Cuadrado, Aquila, Pek, Borja, Vargas, Gomez, Rossi. Prima riserva di centrocampo, a rischio di grande utilizzo viste le precarietà accusate dai tenori in questo primo terzo di campionato, il sommo Mati.

    RispondiElimina
  50. CHIARIIIIIIIIIII.....Il radicalchic è il conformista del finto progressismo. Emulo di quella madame Roland, amica di Robespierre, che l'avvocato di Arras farà ghigliottinare perché non abbastanza giacobina....ahahaha ahahahah......a....at....attenti che D'Alema si riorganizza....ahahah ahahah....a...an....anche qui senza originalità si adegua a colui che gli aveva dato la ciotolina (cfr.Copasir....che incarico!! Me cojoni!!)....a.....an....anche Berlusconi si sta riorganizzando...ahahaha...ahahaha....invece della mela cotta, semolino e peretta! Si è riorganizzata l'Inter (quella che mai prenderebbe tanti gol con Mazzarri...ahahah.....ahahahah..Mazzarri che rischia il capitombolo e dice la storica frase -ha il sigillo con copyright- "C'era un rigore per noi..")...si è riorganizzato il sitone....Mamma mia, è andato esaurito l'antimuffa, improvvisamente....! COLONNELLO, Horia? Sono un cavallo di Troia (evitiamo battute...eheheheh) del centrodestra....quelli di sinistra vanno sulla neve, io vado sulla Neva, li dove Alexander diede prova di ardore, fottendo i nemici con la loro stessa "arma", il ghiaccio! Criogenia anche per Berlusconi e D'Alema! No....altrimenti i miei nipoti se li ritrovano!! Sarebbe stata meglio aspermia.....per loro. Domenica arriva Bologna la dotta, la rossa: spezzeremo le reni all'armata, allarmata dal nostro gioco!

    RispondiElimina
  51. LUD ha una gran sete di conoscenza calcistica, ma non sa dove abbeverarsi.(dopo aver lasciato il Sitollock, non-luogo di Cassandre, di Sibille, di Circe- tutti 'sti porci a' aspetta' du' zinne!-, di Efialte (?), di Mandrake...).

    RispondiElimina
  52. stefano vienna9 dicembre 2013 13:07

    Ci aggiungerei prima riserva di difesa Tomovic: a destra (terzo dietro) a sinistra (al posto di Vargas e anche come centrale), l'errore di ieri è colpa di chi ce l'ha messo, ma nelle ultime due partite è stato comunque tra i migliori. E Vargas all'occorrenza potrebbe anche dare fiato ad uno dei tre tenori, cambiando un pò impostazione tattica (ma non mi dare più del trapattoniano, è un alternativa in più, da ottimizzatori pragmatici).


    Comunque io sono fiducioso, abbiamo perso ieri di misura nonostante una giornata no di Montella, un pizzico di sfortuna e l'assenza deleteria di Gomez. Ero molto più pessimista dopo Udine.

    RispondiElimina
  53. stefano vienna9 dicembre 2013 13:14

    E l'anno scorso la Roma all'Olimpico ci fece comunque a pezzi, non dimentichiamocelo. E Pizarro non c'era, questo mi sa che Montella deve averlo rimosso altrimenti magari Pizarro avrebbe giocato.

    RispondiElimina
  54. Bella galoppata nell'immaginario paranoico, ma hai dimenticato di aggiungere che in piu' piove e fa freddo eheheh

    RispondiElimina
  55. Chiarificatore9 dicembre 2013 13:33

    Forse non hai capito bene, Sopra, Renzi non riorganizza un cazzo, rottama, dentro al PD e fuori. Ti ripeto, il tuo incubo è appena iniziato. Eh eh eh.

    RispondiElimina
  56. Chiarificatore9 dicembre 2013 13:40

    Il delirio del nuovo BarryBonds è inarrestabile: i moduli per lui vengono prima dei calciatori, per lui non conta il valore del singolo, conta il modulo. Infermieraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!

    RispondiElimina
  57. Chiarificatore9 dicembre 2013 13:45

    La grandezza di un allenatore consiste esclusivamente nel saper valorizzare al massimo ogni singolo calciatore che, il più possibile sulla base delle sue indicazioni, gli viene messo a disposizione, e, su questa base, nell'individuare il modulo più adatto.

    RispondiElimina
  58. Chiarificatore9 dicembre 2013 13:50

    Perfetta, anche secondo me, la formazione ideale e relativo modulo, scritta qui sotto dal Colonnello, sulla base della fantastica , stupenda, strepitosa e molto migliore e più completa di quella dell'anno scorso, rosa messa a disposizione di Montella quest'anno, anche e soprattutto sulla base di sue evidenti indicazioni.

    RispondiElimina
  59. Zazà si sta prendendo di fava a raffica anche dal Senese, caro Sopra... Dopo Viareggiok, Repubblica e sitollock, se anche in cloaca si fa docciare a stronzoli non so dove poi possa riparare.

    RispondiElimina
  60. Chiari, non solo: credibilità, carisma, sensibilità (anche di analisi psicologica), duttilità, coraggio, molta intelligenza. Per esempio, al praticone Mazzarri (per me mediocre da sempre, non da ieri) mancano le ultime quattro.

    RispondiElimina
  61. Campagna per la Salute della Difesa Viola: "Montella fa uso di Pasqual! Digli di smettere!".

    RispondiElimina
  62. Sondaggio. Cosa avrà fatto Renzi stanotte?
    a) Si è scolato 3 bocce di champaigne in una nota discoteca, poi ha ballato Simpathy for the Devil dei Rolling Stones a torso nudo con pantalone in pelle, fino alla vomitata finale al gabinetto.
    b) Ha chiamato Della Valle: "Diego, siccome ci sta che nei prossimi mesi io lasci il Comune per il Cosiglio dei Ministri, vediamo di trovarci e darci una mossa per lo stadio.
    c) Ha chiamato Cuperlo: "bordaaaa e'ti vo ni'culoooooooo... ahahah...'nnahane... ni'culoooooooo.... bona merda!"
    d) Ha chiamato Silvio: "vedrai mi compro una villa a Ponte a Ema, se mi ci mandi Nicole e le altre, tu potrai venirci quando ti pare, memento gaudere semper".
    e) ha chiamato i suoi familiari, dicendo loro: "visto? ce l'ho fatta, grazie per avere semprre creduto in me e rispettato ogni mia scelta, ti voglio bene mamma".
    f) ha chiamato i suoi collaboratori: "fatta l'Italia, bisogna fare gli italiani"

    RispondiElimina
  63. Compper giubilato. Perché?

    RispondiElimina
  64. Credo che la squadra che ci auspichiamo noi sia, dall'inizio, anche quella pensata da Montella. I motivi del cambiamento, sempre secondo me, sono un centrocampo che in ,due elementi su tre , non dà garanzie di tenuta dall'inizio del campionato e una non totale affidamento sugli attaccanti di riserva. Certo comprensibile riguardo Ilicic e Rebic, infortunati e fuori forma, un po' meno su Matos che ha dimostrato una discreta faccia tosta e una tigna da serie A. È venuta fuori una squadra che può vincere e perdere qualsiasi partita, ma che quando la perde è soprattutto causa di tanti spostamenti. Per giocare al massimo delle possibilità con questo modulo, dovremmo avere un atteggiamento simile a quello della Roma, che contiene e riparte furiosamente, ma abbiamo centrocampisti con caratteristiche completamente diverse da quelle dei giallorossi che sono più contenitivi e ragionano più verticalmente dei nostri. I nostri avvolgono gli avversari e alzano il baricentro col fraseggio, ma manca chi alza il ritmo, chi pressa subito il primo portatore di palla. Il solo Borja non ce la fa da solo e inevitabilmente si sfianca nel doppio lavoro. Tomovic è preferito a Roncaglia per i tempi e la frequenza degli inserimenti, che in un modulo come questo servono. Fac è più rognoso sull'uomo ma meno portato ad offendere , in un 4-3-3 , spesso rimane a metà del guado.
    Speriamo di gustarci per tutto il girone di ritorno la squadra che era stata costruita.

    RispondiElimina
  65. Se avete risposto b): siete il tifoso viola medio.
    Se hai risposto c), oppure f): sei il Chiari!

    RispondiElimina
  66. Il famoso cardiologo americano White si complimentava con Toscanini per il suo cuore giovane; un comune amico commentò "Sfido, non l'ha mai usato!". Ecco, il baseballista non lo mette mai, mai, mai il miocardio quando scrive.

    RispondiElimina
  67. Compper per me è scarso, ma è preferibile a questo Savic (in cui confidavo molto, ma non vedo miglioramenti). Meglio sarebbe mettere Tomovic.

    RispondiElimina
  68. Chiarificatore9 dicembre 2013 14:12

    Certo, Antoine, il mio "esclusivamente" voleva essere un "in primo luogo".

    RispondiElimina
  69. Chiarificatore9 dicembre 2013 14:13

    Lavori in corso.

    RispondiElimina
  70. Chiarificatore9 dicembre 2013 14:20

    C) e f) vanno benissimo, e l'hai azzeccate, ma non escludono la b), ci sta anche quella, eh eh eh.

    RispondiElimina
  71. A me Montella piace. Lo discuto quando è giusto discutere sue scelte ma non si tocca. Lui ha una cosa che è impagabile: l'idea. Lui ha riportato la Fiorentina sotto i riflettori, lui ha fatto in modo che diventasse (Firenze) meta preferita da alcuni calciatori, lui ha creato il collettore di tecnici che vengono ad ammirare la Maquina, lui (ancora) non ha bruciato nessun calciatore, lui ha rilanciato carriere che erano sul Sunset Boulevard (Toni, Vargas, Rossi, anche se per cause eterogenee), lui sta insegnando come gestire vittorie e sconfitte (non facile), lui ci ha riportato alla dimensione di Firenze contro tutti e tutti che devono preoccuparsi, lui gioca uguale sia in casa sia fuori (vabbè, qui c'è da lavorare). Montella è come un tifoso viola, ogni giorno armi in pugno, sfide continue, accettando con orgoglio le sconfitte e affrontando le vittorie con umiltà. Montella non si esalta se il lauro cinge la sua fronte e non si abbatte quanto le sorti non volgon in suonatore. Montella è artefice del suo destino, lo sa e alloravsta forgiando se stesso, la viola, i calciatori nel carattere (che spesso latita), che spesso si sperimenta sulla mola delle delusioni (con la Roma), degli smacchi (con il Napoli). Il calcio di Montella non è spietato (con la Juve si), quando invece il calcio è spietato e spesso impietoso. Il calcio italiano è ostile, pieno di asperità che poco hanno a che fare con il Prato verde, ostile ma...ma...questo pur non indurendo il cuore, rende più vigorosa e intransigente l'opera in divenire di Vincenzino. Montella non intitolerebbe mai un libro "Non possumus" (eheheh...eheheh). Dobbiamo fare tesoro delle risorse che ha e che ancora deve tirare fuori, prendendo atto degli inesorabili errori, dei limiti imperscrutabili. Tutti gli allenatori hanno limiti, fanno errori, a meno che tu non abbia un paperon de Paperoni, una società forte a Palazzo, autorevolezza di statuto e autorità per volere dall'alto. Allora tutto ciò copre anche gli errori (Juve) e gli aiutini (Milan) e mascherano deficienze (Inter) o lacune (Milan). Questa è la verità e chi la nega è un impostore o un imbecille.

    RispondiElimina
  72. Chiarificatore9 dicembre 2013 15:15

    Bravo Sopra.

    RispondiElimina
  73. L'ipocrisia non è solo un vizio di alcuni allenatori, ma è anche manipolazione della mente. Montella è limpido come i Della Valle. Quando alcuni scrivono che Mazzarri è più pragmatico, ricordo che uno pragmatico ci aveva abboffato di risultati senza beltà, legato a schemi rigidi e non piaceva, alla fin fine: Trapattoni. Quando mi scrivete che Mazzarri "queste partite non le perde", c'è la realtà degli ultimi 3 match che dice e scrive "Neanche le vince". BLIMP, Garcia? Bravo lo è, sicuramente (non facile lo scudetto con il Lilla) ma da te non mi aspetto che il metro di paragone sia lui. Ieri poteva finire con qualsiasi risultato e sarebbe stato "quasi" giusto. Rimproverare Montella per l'alibi Gomez non lo capisco (non mi riferisco a te), anzi lo sta facendo dopo due mesi, che é giusto il tempo nel quale ha fatto un piccolo miracolo: smontare una parte della Maquina, tentarne l'assemblaggio e ripartire. Edmundo andò via, Gomez si è rotto, cambiano le cause (non gli affetti) ma a rimetterci è la squadra, il mister, noi. Trap non seppe cambiare bene le pedine, Monty se la sta cavando. Non dobbiamo rischiare di essere autolesionisti, lo invidiano un tecnico come questo. Stronzate che la società abbia fatto campagna acquisti sopra di lui, le sue dichiarazioni smentiscono il postulato; vero che alcuni calciatori non hanno risposto alle sollecitazioni.

    RispondiElimina
  74. Sopra, io credo dopo tutto che Montella abbia in corpo più di quel che ha Garcia ma Garcia per vincere sùbito è meglio e non saprei paragonarlo a Trapattoni, invero: che sia indecoroso un paragone con chi ha rigenerato di colpo un ambiente verso lui all'inizio diffidente, un ambiente depresso e dilaniato dalle polemiche e il cui mercato era stato giudicato «in sordina» dagli addetti, portando la Roma a un record assoluto, nel nostro campionato, di vittorie consecutive, è concetto peregrino. Però un Garcia, l'anno scorso, non avrebbe avuto diritto all'errore a Firenze, invece a Montella si continua a perdonare molto per via dell'arcobaleno che disegna in cielo e questo non è un male, intendiamoci, il nostro ambiente aveva bisogno dell'arcobaleno dopo tanta grisaglia. Insomma, se noi abbiamo Montella immaturo c'è una ratio (quella che ho esplicato) e dobbiamo accettarla. Ieri non poteva finire con qualsiasi risultato vista la squadra scombiccherata che avevamo schierato: io davo, spiegando perché, la vittoria della Roma al 60%, al 30% il pareggio e al 10% la nostra vittoria, Lele, spiegando perché, ci schiacciava a percentuali ben più infime, tu davi la Roma al 51% e la Viola al 49%; inutile dire chi l'ha azzeccata, ma è per dire che non va bene raggiustare ex post. 2 gol e 5 occasioni nitide da gol per loro, 1 gol e 2 occasioni nitide per noi: rapporto di due a uno, a voler scialare. Toh, proprio il risultato finale... La presunzione guagliona di Vincenzì è lampante nel caso della marcatura non cambiata su Gervinho: che non abbia visto il guasto immane non è possibile, solo un coglione o un incompetente o Zazà, che fa sinonimia, avrebbe potuto farlo. Semplicemente, il Guaglione ha spinto orgogliosamente a tavoletta, non volendo ammettere la cappella iniziale: «O vediamo se si rompe il muro o la mia testa!». Si è rotta la nostra testa, purtroppo.

    RispondiElimina
  75. L'andamento della partita era qui dentro annunciato da giorni, qualora le temute scelte del tecncio fossero diventute realtà. Superfluo quindi affarmarsi nella previsione. Circa 2 settimane fà, scrissi come ritorno di Gomez abbia un doppio significato positivo 1) Un bomber di livello mondiale 2) La sua titolarità toglierà Montella da ulteriori impacci tattici maldestri. Pollock ci accusa, credo me e Colonnello in primis, di essere dei cattivoni criticoni, che si debbono a Monty molte cose, e c'é molto di vero ( non che siamo cattivoni) ci ha trovato su un precipizio societario pieni di negatività, e in pochissimo tempo ha dato entusiasmo alla città. Ma non deve essere sacrilegio rilevare che, alle prese con un emergenza, tatticamente ha posto soluzioni fiacche, povere, poco funzionali, ed infine deleterie, insomma tutti, tifosi cattivi compresi, si sarebbero aspettati di meglio. E' questa la delusione. Perdere partite fa parte di tre risultati possibili, é la maniera che scoccia. Il fattore che il danno di maldestria tattica si sia perpetuato per diverse giornate, lo inchioda alle responsabilità ancor di piu'. Magari domani diverrà un gran tecnico, ma costui é universalmente riconosciuto tale se:
    1) Piglia pochi gol
    2) Sbaglia pochi approcci tattici
    3) Se li sbaglia sa correre ai ripari in poco tempo
    Nessuna di queste 3 basilari qualità gli puo' essere ad oggi ascritta, quindi speriamo nel ritorno del centravanti che farà quadrare il mosaico, con davanti 8 match alla nostra portata. Messe in un altro pianeta le due squadre in cima, la pochezza tecnica del campionato italiano ci permette di sperare fondatamente nel terzo posto

    RispondiElimina
  76. Eh no, con questi postulati allora Mazzarri sarebbe un super tecnico! Ma io mi tengo stretto Montella allora . Son d'accordo col SOPRA. Il nostro gioco a segnare piu' degli altri mi sta dando ormai assuefazione, ho sempre fiducia che prima o poi la mettiamo dentro, anche all'ultimo secondo e non ho mai conosciuto queste sensazioni con altri allenatori. Grappoli di occasioni cosi', non ne ricordo. Certo questo non puo' far dimenticare la sofferenza della difesa, che é poco reattiva nel corto, con gli avversari addosso, sui cross, cioé quando é schiacciata in area, ma buona nel campo largo, nelle ripartenze da dietro. Da registrare, non da bocciare. Non mi sembra obbligatorio nel calcio moderno, e noi ne siamo interpreti con Montella, pensare a non prenderle. Anche il Barça per dirne una non ha mai avuto una difesa "top", cio' non gli ha impedito di affermare il suo gioco sempre e non stare sempre a speculare sugli avversari: con altri interpreti, ovviamente, ma l'idea é questa. Se domenica pero' Cuadrado ha giocato un po' troppo da solista o Aquilani ha giocato sotto tono, non puo' essere colpa dell'allenatore, come non é merito di Garcia se Gervinho é stato bravo.
    Andati sul 2 a 1 per noi, magari si racconterebbe un'altra storia oggi, e non sarebbe stato un furto. Montella sta dando una dimensione alla squadra che non hanno molti altri. Non siamo piu' la mina vagante, la provinciale che fa dire "oohh!", la realtà temporanea, siamo la Fiorentina , una signora squadra che tutti temono e che a ogni partita lotta fino agli sgoccioli per imporsi: ci riusciamo o non ci riusciamo, ma ci proviamo sempre e non é piu' questione di "fare il colpaccio" ma di vera consapevolezza dei propri mezzi. Mi piace questa squadra, anche quando perde, e scusate se é poco.

    RispondiElimina
  77. Pur da persona che ieri avrebbe presentato formazione e atteggiamento differenti, non mi sento di dare del presuntuoso a Montella solo perchè non dà retta a me/noi, che peraltro in settimana ci occupiamo d'altro mentre lui osserva i giocatori. Lo definisco più volentieri spavaldo, di quella spavalderia che ci ha dato più delizie che croci, ove le prime sono giunte malgrado il diffuso scetticismo circa la compatibiltà tra una mentalità di gioco poco italiana e i risultati conseguibili (in questo paese che tendenzialmente si sente più rassicurato da un Mazzarri), mentre le seconde sono in parte un non scrollabile rovescio della medaglia delle prime, in parte derivano dalla difficoltà di allestire rose al pari di chi prende molti più soldi dalle TV, in parte saranno sicuramente errori suoi, dei quali qualcuno potrà magari imparare ad evitarlo con l'esperienza, qualcun altro magari lo commetterà sempre, se è vero che la perfezione non esiste.

    RispondiElimina
  78. LELE, approvo e faccio mio quel hai appena scritto ma ho delle riserve sul concetto di approccio; a Udine l'approccio fu perfetto ma non concretizzammo, a Milano con Mazzarri l'approccio fu buono ma alla fine le prendemmo, con la Juve l'approccio è stato devastante per noi ma sfoderammo grande prestazione (correndo ai ripari? Bucio di culo?), con il Napoli ottimo approccio ma loro 2 tiri 2 gol. Non è da sola in campo la viola, e con Roma è stata tipo "Chi segna per primo vince", a mio modesto parere. Io tutta questa superiorità tattica non l'ho vista, ho visto invece che loro rinculavano, tenevano testa sui sacchetti di trincea e poi ripartivano con un finto tikitaka, al quale rispondevamo con un kitikaga ma era ed è la nostra indole, come quella di concedere occasioni agli avversari. Gervinho non è stato disinnescato, questa è la pecca imputata a Montella? Allora Conte contro di noi? Non l'ha disinnescato Cuadrado! E neanche Benitez (li lo ha disinnescato Calvarese)! Stimo Garcia ma il lavoro da fare alla Roma era solo "lavorare", lui ha avuto le palle per affrontare i tifosi, ha preso responsabilità. Garcia trascina, Montella seduce...e da sedotti si possono avere delusioni.

    RispondiElimina
  79. E' demerito di Montella, Vigile, se non cambia marcatura dopo un'ora e più su uomo che ha mandato in bambola Tom, non se Gervinho è bravo in sé; gli appunti all'allenatore per ieri, molti e circostanziati, non investono le prove inopinatamente insufficienti di alcuni singoli; «se andavamo sul 2 a 1» è patrimonio dei poveri, eravamo peraltro anche andati sull'uno a uno ma abbiamo ribeccato, quindi vai a sapere se non ribeccavamo anche dopo il 2 a 1, il complesso della partita ha detto Roma, come lo diceva la vigilia viste le formazioni e poi col giochino dei se potremmo dire che se la Roma dopo un quarto d'ora del primo tempo fosse stata avanti di due reti, come avrebbe meritato, vai a sapere come andava a finire; la rosa val più del quinto posto, che è la sua attuale «dimensione». Vita, non so dove hai letto che Montella per me sarebbe presuntuoso perché non fa quel che dico: presuntuoso è chi s'intesta per orgoglio nell'errore comprovato, dai fatti non da me. Quando i fatti diano ragione alla sua ostinazione sarebbe bravo, non presuntuoso, e in molti casi è andata così.

    RispondiElimina
  80. Aggiungo per Sopra che Gervinho ha ininterrottamente devastato Tom e la sua fascia, costituendo il principale e ostensibile pericolo per noi: Cuadrado ha giocato partituccia fino al 2 pari e cioè fino a un quarto d'ora della ripresa, contro la Juve.

    RispondiElimina
  81. SOPRA rispondo nel merito. Tu citi esempi di approccio che posso condividere; ma te ne cito tre che credo farai altrettanto: Catania, Cagliari, Parma. In due di queste ero allo stadio e son rimasto deluso. Molti, troppi trovano nell'assenza di Gomez l'alibi per risultati migliori. Da notare che col Cagliari fino al suo infortunio, il gioco era superpenoso, iI Parma, a mio modo di vedere allenato alla grande da Donadoni (di cui non parla nessuno), ci ha fatto sudare e parecchio per riprendere la partita, schierando, udite udiite, Marchionni, Felipe, Cassani, Gobbi....
    A Roma l'approccio é stato negativissimo, perché eravamo male schierati, Che la Roma sarebbe partita all'arrembaggio guidata dal suo tecnico abile a puntare la nostra fragilità qualora attaccati, lo sapevano anchi i muri, pertanto se il nostro non lo aveva previsto, é ancora sbagliato l'approccio. La grandezza di Garcia sta nell'esser riuscito a formare un amalgama come fosse una macchina con acceleratore e freno, capace di dettare ritmi forsennati e colpire, poi magari rifiatare con tutti in difesa. Rendergli merito é doveroso anche se gira le palle
    Il nostro pare un Cat, se si schianta, non corre ai ripari, e se lo fa, in nettissimo ritardo (idem lo scorso anno) o prosegue imperterrito in nome dei suoi credo, che possono anche esser esteticamente belli, ma che in quanto privi di raziocinio, spesso nocivi.

    RispondiElimina
  82. Beh, Colonel, anche dire che cambiando la marcatura su Gervinho sarebbe andata meglio ha valore condizionale, e poi ho usato il "se", é vero, chiedo venia, per affermare che non meritavamo di perdere.
    Inoltre non posso paragonare la paratona di Neto su DeRossi con la sfavata di Aquilani a porta spalancata, io cerco di tracciare un bilancio globale che non si fermi alla rabbia per il risultato mancato.

    RispondiElimina
  83. E non dimentico che Tomo dalla sua parte ha fatto l'assist per Vargas

    RispondiElimina
  84. Ma Guidolin, per dirtene una, la marcatura su Cuadrado l'ha cambiata, vedendo dopo mezz'ora che quello li stava affettando, e ha avuto ragione! la controprova non c'è, c'è la prova, per Tom! Visto, poi, che morfologicamente schierarlo su Gervinho invece del Fac era una follia! Ma se il campo te lo grida, che hai scazzato, allora cambi! E l'occasione sprecata dallo stesso Gervinho su assist del Nutella, sulla quale Neto nulla ha fatto perché non poteva fare nulla, quella non la conti? Che per un quarto d'ora o venti minuti siamo stati presi a pallate e stavamo per capitolare no? E poi: un conto è parlare di prestazione sotto tono di Borja e (fino a un certo punto, a mio avviso) di Cuadrado, altro conto è fare il caso di Aquilani, perché se sovrautilizzi un giocatore che non regge la continuità, non regge i campionati interi, e lo prova sia fisicamente sia con le prestazioni, e se per di più lo affianchi con uno pseudoincontrista che mena calcioni immobile sul posto ed è incapace di dialogo di qualità da sempre e ormai di corsa, un rottamato trentaseienne venuto a far spogliatoio e che finisce per giocare più di un raccomandato, uno scaricato da una squadra che non ci arriva alla cintola, allora sono anche cazzi dell'allenatore e non si può invocare la giornata no di Aquilani a sgravio!

    RispondiElimina
  85. Comunque...quelli dei Forconi, quelli dello sciopero della fame, quelli che occupano... Renzi faccia qualcosa, veramente! ( scusate incursione...)...ahahahahah... Ahahahahah..

    RispondiElimina
  86. stefano vienna9 dicembre 2013 19:38

    Dopo dieci minuti del secondo tempo c'è stato un crollo fisico, il gol è venuto quasi dieci minuti dopo. Già lì si può migliorare. Ma Tom su Gervinho è segno di una giornata no di Montella. E comunque è segno di poca attenzione alle caratteristiche dell'avversario, vizio che non essendo il Bayern non possiamo permetterci. Anche perchè le altre squadre ci studiano, cambiano uomini e atteggiamento per metterci in difficoltà. Non prendere contromisure, anche banali e minimali, come un brevilineo al posto di un longilineo, non è accettabile. Non dico di fare il Guidolin, l'idea di gioco deve essere imposta, ma senza rinunciare a correzioni sia in partenza sia in corso.

    RispondiElimina
  87. stefano vienna9 dicembre 2013 19:44

    Più che spavaldo, direi fatalista. Comunque non so se l'avete notato, ma Montella difficilmente usa delle tre sostituzioni per cambiare la difesa. Di solito chi parte gioca 90 minuti. Ha anche un senso, ma bisogna essere sicuri di non avere fatto errori (gravi) in partenza.

    RispondiElimina
  88. Colonnello ho preso l'aggettivo usato da te ma non volevo rigirarlo contro di te nello specifico, voleva essere una cosa estesa un po' a tutti me compreso, infatti ho usato il "me" e il "noi". Bene hai fatto comunque a precisare la cosa della marcatura, perchè ho capito meglio il tuo punto di vista. Non so, non abbiamo chissà chi di difensori, nella formazione buttata giù da me c'era una difesa a 3 con Cuadrado e Vargas più arretrati, ma chissà come sarebbe andata.
    Io ero per il 3-5-2 con uno tra Matos o Ilicic a fianco di Rossi, un baricentro più basso e una mediana costruita per puntare sul possesso palla. Vedremo se col rientro di Gomez giocheremo così: in tal caso, significherà che non riteneva Matos all'altezza e Ilicic in condizione; se invece farà difesa a 3 e Rossi largo a sinistra, vorrà dire che ha altre idee, e che probabilmente non ci ho capito una sega io.

    RispondiElimina
  89. Comunque, tra le scelte di Montella ipotizzate dai sitollockiani la settimana scorsa, se non ricordo male lo spauracchio più diffuso era Joaquin dall'inizio e Cuadrado a sinistra.

    RispondiElimina
  90. Già, Vita, poi l'abbiamo visto solo quando Giovacchin è subentrato. Il problema non è tanto, come scrissi ieri sera, di prediligere Fac o Tom, è di fare qualcosa di diverso una volta che vedi, da un'ora, che hai una falla grossa come una casa.

    RispondiElimina
  91. ...e ti credo, Guidolin é uno che pratica ancora le marcature a uomo, cosa che non facciamo piu' da tempo. Ma non mi interessa tanto parlare delle occasioni come computo generale, quanto dei momenti del match e delle occasioni nei momenti chiave. Loro hanno avuto i loro quarti d'ora forti e ci potevano fare piu' male li', ma abbiamo retto o l'abbiamo scampata, come vuoi tu; poi abbiamo ripreso il pallino, 'amo pareggiato indi abbiamo avuto le nostre sacrosante opportunità per passare in vantaggio, piu' di una, e là é toccato a loro cacarsi addosso. Ecco, in quel momento la partita poteva girare in nostro favore e là ci trovo il difetto, cioé la mancanza di cinismo, di giusta cattiveria. Come un pugile che vuole vincere ai punti e non cerca il ko. E' evidente che la difesa ha fatto i suoi errori, ma noi siamo strutturati per attaccare, e se non si segna quando si deve, tutto puo' succedere.

    RispondiElimina
  92. Quest'ultima è una posizione molto più condivisibile, fare gli strologhi sulla formazione iniziale lascia il tempo che trova, giochetto senza riprove, meglio discutere dove ci sono o si creano problemi durante la partita e vedere i correttivi apportati, lo ritengo più costruttivo. Senza mai scordarsi che si regala un giocatore a partita, sempre dall'inizio, schierando Pasqual ed uno ci manca da due mesi e non si vedrà prima di metà gennaio a pieno regime dopo la sosta. Fatti salvi questi due punti non sono pochi metterne insieme 27, sa del miracolo pure quello.

    RispondiElimina
  93. Comunque Pasqual unisce, dirime tutti i dubbi su chi capisce un briciolo di calcio, e lui spera di essere convocato in nazionale.......mah!

    RispondiElimina