.

.

mercoledì 7 marzo 2012

Medioman


E’ una partita da giocare unicamente per vincere, solo con una vittoria si potrà innescare qualcosa di diverso dalla rassegnazione che circola ormai sui gradoni della tifoseria, giocare per vincere non vuol dire riuscire a farlo, ma il messaggio che la squadra deve dare ai tifosi e a un campionato fino a oggi mortificante,  è quello di voler cambiare decisamente marcia per dimostrare qualcosa. Sfrutterei il fatto che la vittoria di domenica ha rimpannucciato un po’ la classifica, e che un eventuale sconfitta di fronte ad un atteggiamento di forte ricerca della vittoria, non sarebbe vissuta come un dramma, per cercare quel colpaccio che invece potrebbe rilanciare in qualche modo un campionato avviato stancamente verso il deposito. Infortuni o paturnie varie vanno messi da una parte, la Fiorentina deve avere la forza di andare a Parma per vincere, quindi estrarre dal proprio cilindro un coniglio da tre punti e non fare la solita figura dello spaurito animale, lasciamo fare le finali Delio, e scendiamo in campo per cambiare le cose con i fatti, bisogna dimostrare cioè di avere qualcosa che volgarmente si chiamano palle, che servirebbe per la propria dignità ma anche per onorare maglia e tifosi, e checché  se ne dica, anche una società che per alcuni è persino coinvolta nel delitto di Avetrana, per onorare cioè gli impegni contrattuali, questi invece puntualmente onorati dai marchigiani. A questo proposito vorrei far presente che ieri a Parigi, Diego ha presentato la sua nuova linea di borse, fatta di ricerca di materiali ed esclusività per la quale aveva come madrina Nicole Kidman, ora mi chiedo se secondo voi il Patron dovrebbe davvero, come molti rivendicano, passare il suo tempo magari a parlare con Vargas dello scapestrato cugino, o parlare con Cerci sulla possibilità di sviluppare una linea di parastinchi che ci voglia meno di un ora per essere indossati. Anche Rossi che è uno che a Firenze ha credito e che è stato accolto come un salvatore, non più tardi di domenica ha dichiarato piena soddisfazione per la vicinanza della società, quindi non andiamo a costruire alibi per nessuno, ma scendiamo in campo invece finalmente per vincere e non per nascondersi dietro al solito vivacchiare maculato di menefreghismo, è l’ora di dimostrare e di mostrare le proprie capacità con senso di responsabilità, perché il valore della squadra non è quello che si è visto fino ad oggi. Personalmente la mia delusione maggiore l’ho avuta proprio dalla squadra e dal suo atteggiamento, fermo restando tutte le responsabilità di chi per queste è costretto ancora a ripianare un deficit di bilancio, e quindi una volta rassicurati coloro che già hanno accatastato le fascine per bruciare i due Savonarola marchigiani, è la squadra che scende in campo, l’unica che può e deve invertire l’atteggiamento dello statale che porta a giro dei fogli bianchi per il campo facendo finta di giocare. Anche lo stesso Andrea domenica ha preso un aereo da Parigi per andare in ritiro con la squadra, ora io mi chiedo come sia possibile chiedergli un sacrificio superiore a questo, a uno che lascia una Kidman per  trovare un medioman come Cerci, e per chi sostiene che però così facendo non c’è futuro, rispondo che infatti c’è il Vuturo e allora io non avrei preso nessun aereo.

23 commenti:

  1. Chiarificatore7 marzo 2012 13:32

    Essendo a distanza di sicurezza dal Lecce anche io ragiono
    come te Pollock. Fatemi vedere che avete le palle, giochiamoci le residue carte
    per fare qualcosa di decente quest'anno, poi accetto anche la sconfitta. Io
    sarei venuto a sostenere la squadra, a vedere la partita e dopo la vittoria
    all’inglese sarei tornato immediatamente a festeggiarla con Nicole
    Kidman.

    RispondiElimina
  2. Io invece un punto oggi non lo butterei via, e oggi imposterei una partita un po' più accorta. Invece mi sembra che faccia alla rovescia. Le cronache anticipano quasi un possibile ritorno al 4-3-3 sinisiano. Dice che a Giovinco ha preparato qualcosa di speciale, speriamo non sia come la famosa gabbia di Kakà!

    RispondiElimina
  3. Guarda Chiari che ADV a Firenze ci è venuto, il problema è lo stesso di quando ci si era accorti di avere un bisogno smodato di chiarezza, poi ci hanno tolto il cerume dalle orecchie e si è preso la labirintite, così ci siamo raccontati che la miglior cura possibile fosse la loro vicinanza, perché se c'è una cosa in cui eccellono è sicuramente la pranoterapia. Una struttura dove si è stati costretti a inventarsi anche la figura del club manager, che però non si sa bene cosa faccia, non ha bisogno di ADV, o meglio cosa dovrebbe fare ADV nello specifico per cambiare le cose? Ci raccontiamo un sacco di novelle a Firenze, se fosse la vicinanza il problema non si capisce come mai Moratti sia passato dal triplete alle figure di merda complete, visto che è attaccato ad Appiano Gentile come una cozza, più semplicemente sono stati commessi degli errori, tra l'altro un evento questo molto più facile di quanto uno con il senno del poi possa pensare. A Firenze invece per molti questi errori sono stati strumentali, funzionali, premeditati, in un primo momento per attuare una smobiltazione/svalutazione con il fine di vendere più facilmente, poi oggi non si sa bene più a cosa siano serviti, con il rischio che il rilancio Mercafir possa mandare in vacca tutta una serie di considerazioni partorite all'indomani dell'addio del Santo. Molto semplicemente ci si è schierati contro da subito e ogni mossa della società è stata interpretata come un disegno atto a offendere e danneggiare la propria tifoseria. Il fatto che gli errori siano stati commessi non certifica le accuse che sono state mosse premeditatamente alla società, certifica invece che la tifoseria non ha certo facilitato la ripartenza dopo un ciclo importante come quello di Prandelli. A me ha dato particolarmente noia questo atteggiamento, ed è per questo che oggi mi trovo più vicino alle posizioni della società quando parla di clima inospitale, e meno a quello della tifoseria che si sente disonorata, forse semplicemnete perché gli errori sono convinto siano stati fatti in buona fede e che tutta questa acredine nei confronti loro sia ingiustificata. 

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore7 marzo 2012 16:48

    Sai bene Pollock che con queste tue considerazioni con me
    sfondi una porta aperta. Lo so che ADV era a Firenze per la partita, su SKY ce
    lo hanno anche fatto vedere immusonito in tribuna durante il primo tempo. Ho
    fatto quella battuta perché m’era parso che tu avessi posto lo stare con la
    Kidman e allo stadio in alternativa. Jordan anche per me un punto a Parma non
    sarebbe da buttare, ed anche io avrei visto più logiche una maggiore
    spregiudicatezza contro il Cesena e più accortezza contro il Parma, considera
    anche però che un exploit a Parma potrebbe non solo offrire qualche prospettiva
    in più al nostro campionato ma soprattutto dare fiducia nei propri mezzi ad un
    gruppo che troppo spesso è apparso sfiduciato e timoroso, in fondo si
    rischierebbe una dignitosa sconfitta esterna contro il Parma, che non sarebbe
    una tragedia irrimediabile.

    RispondiElimina
  5. Colonel Blimp7 marzo 2012 17:31

    Torno da du' giorni d'assenza e trovo Chiari, in evidente e sbavante crisi d'astinenza, che favoleggia della Kidman come un quindicenne di quindici anni fa e Pollock imbastire una discorsessa seria, loica e dissertativa che sembra qui' palloso di Jordan quando fa/faceva schiumare la Setta. Il mondo non è più quello che fu: manca solo Tocca che attacca un poster di Allende in camera, Pippo che si taglia il Baccello, Claudietta che tampona l'auto sportiva di Montolivo e gli grida "Cretino cosa freni così!", Traversi che lustra le scarpe a un calabrese in ghette, Zeman che tifa Fiorentina, ancora Chiari che rovescia dalla finestra un corbello di monete da un euro alla plebe incredula, e la fine del mondo può dirsi avvenuta e già scontata.

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore7 marzo 2012 17:47

    Puoi dire quello che vuoi , Colonnello, e fare anche tu il prezioso come
    Deyna,ma per me la Kidman vale ancora oggi un viaggio a Parigi ad hoc, è una di
    quelle bellezze che anche invecchiando continuano a dirmi  qualcosa non solo
    esteticamente.  Quanto a rovesciare qualcosa sulla plebe incredula, mi hai fatto
    venire in mente cosa rovesciava il Marchese del Grillo, ma non sarebbe 
    politically correct.

    RispondiElimina
  7. La penso esattamente come Pollock. Sulla formazione di questa sera penso che se Vargasse facesse il vero Vargasse forse forse si può portare a casa qualcosa di buono.
    Ciao!

    RispondiElimina
  8. Inquadratura di Vargasse molto ma molto concentrato..... spero che non faccia prevalere il cugino del neurone buono....

    RispondiElimina
  9. sto ascoltando la diretta di Guetta su Radio Blu, guardando la diretta streaming. La diretta è in anticipo rispetto a Guetta. Sono schifato da questa radiocronaca. Mamma mia che pena che polemica. Solo battutine e disfattismo. Presa per il culo di Cerci indegna. Infatti Cerci si è guadagnato la punizione del gol.... Guetta e co, altri disfattisti...

    RispondiElimina
  10. Aspetto il racconto di Tocca dalla trasferta. Gol di Cerci ed esultanza davanti ai tifosi. Lazzari infamato (vi capisco a caldo) ma ora facciamo di Lazzari il capro espiatorio del mese, dopo Cerci a Febbraio e Vargas a Gennaio, prevedo un Aprile duro per Amauri. Per maggio è troppo presto fare previsioni....

    RispondiElimina
  11. Delio Rossi affetto da Lazzarite acuta viene punito da Eupalla che fa sbagliare proprio al suo pupillo il pallone del KO. Se avesse sostituito lui invece di Amauri,come era molto più logico, magari quel pallone toccava al centravanti che si sbloccava e ci dava i tre punti. Cassani poi lo squalificherei per sei giornate, un fallo così imbecille era tempo che non lo vedevo.

    RispondiElimina
  12. Jordan non sono d'accordo a tirare la croce addosso ad un giocatore per un errore al '90, anche se gravissimo e dolorosissimo. Concordo invece sulla sostituzione errata di Delio e sulla bischerata di Cassani. A prima vista mi sembrava un rigore assurdo. Continuo a pensare che non Rizzoli abbia compensato involontariamente, ma la maglia tirata sotto gli occhi dell'arbitro a 5 minuti dalla fine grida vendetta. Vargasse ritornato normale, ancora una volta il cross giusto arriva da Pasqual. Camporese leggero e forse non adatto alla difesa a tre dove Nstasic si districa molto bene e dove Natali risulta ancora una volta uno dei più positivi. Nel primo tempo manca ancora una volta il centrocampo, perchè le poche volte che abbiamo superato il muro parmense in mezzo abbiamo creato pericolo. Ero più angosciato nei primi 10 minuti del secondo tempo, mi sembrava fossimo alla frutta. Ma fortunatamente il pareggio e Cerci ci hanno dato ossigeno. Speriamo che karja aggiunga qualcosa di meglio che Lazzari e finchè jojo è fuori Cerci deve giocare per la pericolositá che aggiunge in attacco. Con Vargas in ripresa e Cerci meno svagato occorr riprovare il 4-4-2 o 4-3-3 che dir si voglia (a seconda di dove vogliamo vedere Vargas).

    RispondiElimina
  13. Giovinco aveva già perso palla e comunque stava uscendo dall'area quindi non era certo una situazione pericolosa, la tirata per la maglia è clamorosa, sotto gli occhi dell'arbitro e per niente necessaria, gli serve più per darsi la spinta che per fermare l'avversario. E' un gesto forse istintivo ma baggiano che un difensore che mira alla nazionale non può fare. L'errore di Lazzari, anche se grave anche quello, è già più comprensibile. Meno quello dell'allenatore di levare Amauri che, anche se per il ripetersi della storia della "solitudine dei numeri 11" nella Fiorentina, poco fa più che pizzicare palloni e prender botte, tiene impegnati due avversari, quindi, anche in chiave difensiva, di voler mantenere il risultato, non doveva esser toccato. Se Lazzari era cotto come un limone, doveva uscire lui per Marchionni che, probabilmente, con un po' di fiducia è anche meglio in assoluto. Cerci ha il cervello della dimensione di un pisello, ma, soprattutto a campo aperto, quando ha voglia può squilibrare e vede la porta come forse nessuno nella Fiorentina, oggi. Tenerlo fuori in assenza di Jovetic è un altro errore grave.

    RispondiElimina
  14. Il Berciadore è amico di Vomituro, come a dire: chi si somiglia si piglia. Ma che andassero a prenderselo in quel posto!

    RispondiElimina
  15. Grande McGuire, ora ho capito! La radiocronaca è stata una cosa indegna. Aggiungo una intervista di Rialti a metá tempo da brividi. Io davvero tutto questo disfattismo non lo capisco, siamo limitati, dobbiamo soffrire, ma a sentire questi soloni sembra che ci godano a vedere la viola sprofondare. E il problema è che questi vengono presi a metro di giudizio da una marea di gente, fina a coloro che frequentano lo stadio che si fanno influenzare più da questi sciocchi pifferai che da quello che vedono e dall'amore alla squadra (con le punte assurde del multinick, copyright Blimp, che gode a pensarci in b).

    RispondiElimina
  16. Mi dispiace dirlo ma a me sembra che il ragazzino, Camporese, non è ancora pronto per giocare in serie A, nè a livello fisico nè a livello mentale. Concordo con Jordan su Marchionni: se fisicamente a posto, anche di testa, è uno che può dare equilibrio e qualità.  

    RispondiElimina
  17. Voglio vedere quanti rigori fischieranno da qui in poi per qualche maglia stiracchiata. Lazzari inguardabile, da mesi ormai. Cerci è probabile che non abbia 90' minuti nelle gambe e questo può saperlo solo Rossi ma è già un paio di volte che entra e rovescia le sorti del match. Cervello poco, talento a iosa, probabile che a Giugno cambi aria. Peccato.

    RispondiElimina
  18. TOCCA L'ALBICOCCA8 marzo 2012 00:33

    Eccomi di ritorno,se avevo qualche remota possibilità di andare in paradiso me la sono giocata stasera in quello stadio di merda.Una bestemmia dietro l'altra ed ancora non ho finito.
    Ma l'imbecille sono io,perchè tutti domenica hanno pensato che il Parma avrebbe avuto
    una "compensazione"questo mercoledì,pure io lo sapevo e son voluto andare lo stesso
    perchè,ripeto,sono un imbecille che dopo quasi trentanni di trasferte ancora non ha capito
    quando stare a casa.
    Per il resto una partita in cui meritavamo noi senza ombra di dubbio,pur con tutti i nostri
    limiti.
    Devo dire ad Orcio che io e molti altri abbiamo applaudito Lazzari quando si è scusato
    perchè comunque è un bel gesto,qualcuno invece lo ha offeso ma non certo la maggioranza come ho letto in alcune news sui vari siti.
    Per Cerci solo applausi,così come per Boruc durante il riscaldamento.
    Adesso tiro un altro centinaio di moccoli poi vo'a letto,domattina mi sveglio e rihomincio...

    RispondiElimina
  19. TOCCA L'ALBICOCCA8 marzo 2012 00:37

    Dimenticavo,c'è la trattenuta ma non c'è il rigore,sembra un controsenso ma non lo è.

    RispondiElimina
  20. Tocca come lo sapevi te lo sapevano o lo dovevano sapere anche loro che al primo episodio dubbio in area ci castigavano, e allora ragion di più che a quattro minuti dalla fine devi stare attento. Lo avrei capito per un fallo necessario, se corri il rischio che ti facciano goal, ma quello è stato proprio un fallo stupido. Poi puoi tirare tutti i moccoli che vuoi, puoi dire che un arbitro intelligente o non predisposto alla compensazione per la domenica precedente avrebbe chiuso un occhio, ma a termini di regolamento il rigore c'è, è un fallo in area di rigore, volontario, che danneggia un avversario. Non so se l'hai visto in TV, ma è chiaro e a tre metri dall'arbitro.

    RispondiElimina
  21. Chiarificatore8 marzo 2012 09:14

    Jordan, d'accordo su Cassani ma  quanti ne vedi allora di quei "falli", evidenziati dai primi piani televisivi e dai rallenty, ad ogni partita? Diciamo che gli arbitri molto più di prima,con questo calcio, ne hanno in mano le sorti, fino a che la tecnologia non sarà applicata anche la calcio. p.s. io ,visto che c'è l'editoriale specifico del poeta ne ho iniziato a scrivere sotto quello.

    RispondiElimina
  22. TOCCA L'ALBICOCCA8 marzo 2012 10:17

    Jordan,del perchè non fosse rigore lo spieghi perfettamente tu quando descrivi la dinamica dell'azione.Sai benissimo che il calcio è uno sport di contatto,devi valutarne l'intensità
    e se interrompe o meno un'azione pericolosa.L'azione,ripeto,l'hai valutata benissimo anche tu,l'intensità,lascia che ti aiuti io dal campo,era pressocchè nulla.
    Siccome già so che non mi darai ragione la chiudo qui ma non senza una considerazione,che non è quella scontata,anche se vera,che se si danno rigori così
    diventa basket e non più calcio.
    Se un rigore così fosse stato concesso a noi avremmo parlato di un rigore "più che
    generoso" il che mi porta,essendo dalla parte di chi lo subisce,a ritenerlo ai limiti del
    vergognoso.
    E' il gioco delle parti,quindi incasso e porto a casa perchè al di là di tutto vale la legge del
    menga,chi l'ha nel culo se lo tenga...

    RispondiElimina
  23. I falli da spintarella o trattenuta in area quando sono reciproci sono in genere trascurati, anche perchè difficile è saper chi ha cominciato, ma in quel caso il furbetto del quartiere Cassani ha preso per la maglia Giovinco e lo ha tirato per prendere la spinta ed andare sul pallone che stava uscendo dall'area e che Giovinco non avrebbe preso comunque più, senza aver subito nessuna scorrettezza in cambio. L'arbitro intelligente e che non vuol grane sorvola che nessuno se ne lamenterà troppo se non lo dà, e, di sicuro, l'arbitro intelligente punisce col calcio di rigore (che è all'80% un goal) i falli che hanno interrotto un'azione almeno vagamente pericolosa (ma questo il regolamento non lo dice, è lasciato allo gnegnero) .Il fiscalissimo Rizzoli, però, (mi ricordo un Fiorentina-Lazio dove ce ne combinò di tutti i colori) rintronato da 90' di panolade e da quattro giorni di frigni del ciccione, lo ha dato, e, a termini di regolamento poco gli puoi dire. Molto invece ho da dire a un trentenne, quasi nazionale, che fa di queste cazzate.

    RispondiElimina